loader
Raccomandato

Principale

Sintomi

Riabilitazione dopo la rimozione di un tumore al cervello

Un tumore al cervello è un concetto tridimensionale che include varie formazioni localizzate nel cranio. Questi includono degenerazione del tessuto benigno e maligno, risultante dalla divisione anormale delle cellule cerebrali, vasi sanguigni o linfatici, membrane cerebrali, nervi e ghiandole. A questo proposito, la riabilitazione dopo la rimozione del tumore includerà un complesso di vari effetti.

I tumori cerebrali si verificano molto meno frequentemente rispetto ad altri organi.

classificazione

I tumori cerebrali sono dei seguenti tipi:

  • tumori primari - educazione, inizialmente sviluppandosi direttamente dalle cellule cerebrali;
  • tumori secondari - degenerazione del tessuto risultante da metastasi dal fuoco primario;
  • benigni: meningiomi, gliomi, emangioblastomi, schwannomi;
  • maligno;
  • singolo;
  • multipla.

I tumori benigni si sviluppano dalle cellule del tessuto in cui compaiono. Di norma, non crescono nei tessuti vicini (tuttavia, con un tumore benigno a crescita molto lenta, questo è possibile), crescono più lentamente di quelli maligni e non si metastatizzano.

I tumori maligni sono formati da cellule immature del cervello e da cellule di altri organi (e metastasi) introdotte dal flusso sanguigno. Tali formazioni sono caratterizzate da rapida crescita e germinazione nei tessuti vicini con la distruzione della loro struttura, così come le metastasi.

Quadro clinico

L'insieme delle manifestazioni della malattia dipende dalla posizione e dalla dimensione della lesione. Consiste di sintomi cerebrali e focali.

Sintomi cerebrali

Uno dei seguenti processi è il risultato della compressione delle strutture cerebrali da parte del tumore e un aumento della pressione intracranica.

  • Vertigo può essere accompagnato da nistagmo orizzontale.
  • Mal di testa: intenso, persistente, non alleviato dagli analgesici. Appare a causa di una maggiore pressione intracranica.
  • La nausea e il vomito, non portando sollievo al paziente, sono anche una conseguenza dell'aumento della pressione intracranica.

Sintomi focale

Diverso, dipende dalla posizione del tumore.

I disordini del movimento si manifestano con la comparsa di paralisi e paresi fino alla plegia. A seconda della lesione, si verifica una paralisi spastica o flaccida.

I disordini di coordinazione sono caratteristici dei cambiamenti nel cervelletto.

Le violazioni della sensibilità si manifestano con una diminuzione o perdita di dolore e sensibilità tattile, nonché un cambiamento nella percezione della posizione del proprio corpo nello spazio.

Violazione della parola e della scrittura. Quando un tumore si trova nella zona del cervello responsabile della parola, il paziente aumenta gradualmente i sintomi che circondano il paziente notano un cambiamento nella scrittura e nella parola, che diventano indistinti. Nel corso del tempo, la parola è resa incomprensibile e, quando si scrive, compaiono solo i doodle.

Visione e udito compromessi. Con la sconfitta del nervo ottico, l'acuità visiva e la capacità del paziente di riconoscere il testo e gli oggetti cambiano. Quando un paziente si impegna nel processo patologico del nervo uditivo, l'acutezza dell'udito diminuisce e, se una parte specifica del cervello responsabile del riconoscimento vocale è influenzata, la capacità di comprendere le parole viene persa.

Sindrome convulsiva Episindrom spesso accompagna i tumori cerebrali. Ciò è dovuto al fatto che il tumore comprime le strutture del cervello, essendo uno stimolo costante della corteccia. Questo è esattamente ciò che provoca lo sviluppo della sindrome convulsiva. Le convulsioni possono essere tonico, clonico e tonico-clonico. Questa manifestazione della malattia è più comune nei giovani pazienti.

I disordini vegetativi sono la debolezza espressa, l'affaticamento, l'instabilità di pressione del sangue e il polso.

L'instabilità psico-emotiva si manifesta in attenuata attenzione e memoria. I pazienti cambiano spesso il loro carattere, diventano irritabili e impulsivi.

La disfunzione ormonale appare nel processo neoplastico nell'ipotalamo e nelle ghiandole pituitarie.

diagnostica

La diagnosi viene fatta dopo aver intervistato il paziente, esaminandolo, conducendo speciali test neurologici e una serie di studi.

Se si sospetta un tumore al cervello, è necessario fare una diagnosi. A tale scopo vengono utilizzati metodi come la radiografia del cranio, la TC, la risonanza magnetica con contrasto. Al rilevamento di eventuali formazioni, è necessario condurre un esame istologico dei tessuti che aiuterà a riconoscere il tipo di tumore e costruire un algoritmo per il trattamento e la riabilitazione di un paziente.

Inoltre, viene controllato lo stato del fondo e viene eseguita l'elettroencefalografia.

trattamento

Esistono 3 approcci per il trattamento dei tumori cerebrali:

  1. Manipolazioni chirurgiche
  2. La chemioterapia.
  3. Radioterapia, radiochirurgia.

Trattamento chirurgico

La chirurgia in presenza di tumori cerebrali è una priorità se il tumore è separato da altri tessuti.

Tipi di interventi chirurgici:

  • rimozione totale del tumore;
  • rimozione parziale del tumore;
  • intervento in due fasi;
  • chirurgia palliativa (facilitando le condizioni del paziente).

Controindicazioni per il trattamento chirurgico:

  • grave scompenso da parte di organi e sistemi;
  • germinazione del tumore nel tessuto circostante;
  • più fuochi metastatici;
  • esaurimento del paziente.
  • danno al tessuto cerebrale sano;
  • danno ai vasi sanguigni, fibre nervose;
  • complicanze infettive;
  • gonfiore del cervello;
  • rimozione incompleta del tumore con successivo sviluppo di recidiva;
  • trasferimento di cellule tumorali ad altre parti del cervello.

Controindicazioni dopo l'intervento chirurgico

Dopo l'operazione è vietata:

  • bere alcolici per lungo tempo;
  • viaggio aereo entro 3 mesi;
  • sport attivi con possibile lesione alla testa (pugilato, calcio, ecc.) - 1 anno;
  • bagno;
  • correre (è meglio andare veloce, allena il sistema cardiovascolare in modo più efficiente e non crea un ulteriore carico di ammortamento);
  • trattamento termale (a seconda delle condizioni climatiche);
  • prendere il sole, la radiazione ultravioletta, perché ha un effetto cancerogeno;
  • fango terapeutico;
  • vitamine (specialmente gruppo B).

chemioterapia

Questo tipo di trattamento prevede l'uso di speciali gruppi di farmaci la cui azione è volta alla distruzione di cellule patologiche a crescita rapida.

Questo tipo di terapia viene utilizzato in concomitanza con la chirurgia.

Metodi di somministrazione del farmaco:

  • direttamente nel tumore o nel tessuto circostante;
  • orale;
  • intramuscolare;
  • per via endovenosa;
  • intra;
  • interstiziale: nella cavità rimanente dopo la rimozione del tumore;
  • intratecale: nel liquido cerebrospinale.

Effetti collaterali dei citostatici:

  • una significativa diminuzione del numero di cellule del sangue;
  • danno del midollo osseo;
  • aumento della suscettibilità alle infezioni;
  • perdita di capelli;
  • pigmentazione della pelle;
  • indigestione;
  • ridotta capacità di concepire;
  • perdita di peso del paziente;
  • sviluppo di malattie fungine secondarie;
  • vari disturbi del sistema nervoso centrale fino alla paresi;
  • disturbi mentali;
  • lesioni del sistema cardiovascolare e respiratorio;
  • sviluppo di tumori secondari.

La scelta di un particolare farmaco per il trattamento dipende dalla sensibilità del tumore ad esso. Ecco perché la chemioterapia viene solitamente prescritta dopo l'esame istologico del tessuto della neoplasia e il materiale viene prelevato dopo l'intervento chirurgico o in modo stereotassico.

Radioterapia

È dimostrato che le cellule maligne a causa del metabolismo attivo sono più sensibili alle radiazioni rispetto a quelle sane. Ecco perché uno dei metodi di trattamento dei tumori cerebrali è l'uso di sostanze radioattive.

Questo trattamento è usato non solo per tumori maligni, ma anche per neoplasie benigne in caso di un tumore nelle aree del cervello che non consentono un intervento chirurgico.

Inoltre, la radioterapia viene utilizzata dopo il trattamento chirurgico per rimuovere i resti di tumori, per esempio, se il tumore è germogliato nel tessuto circostante.

Effetti collaterali della radioterapia

  • emorragia dei tessuti molli;
  • bruciature della pelle della testa;
  • ulcerazione della pelle.
  • effetti tossici sul corpo dei prodotti di degradazione delle cellule tumorali;
  • perdita di capelli focale nel sito di esposizione;
  • pigmentazione, arrossamento o prurito della pelle nell'area della manipolazione.

radiochirurgia

Vale la pena considerare separatamente uno dei metodi di radioterapia in cui viene utilizzato il Gamma Knife o il Cyber ​​Knife.

Coltello Gamma

Questo metodo di trattamento non richiede anestesia generale e craniotomia. Gamma Knife è un irradiazione gamma ad alta frequenza con cobalto-60 radioattivo da 201 emettitori, che sono diretti in un raggio, l'isocentro. Allo stesso tempo il tessuto sano non è danneggiato. Il metodo di trattamento si basa sull'effetto distruttivo diretto sul DNA delle cellule tumorali, nonché sulla crescita delle cellule piatte nei vasi nell'area della neoplasia. Dopo l'irradiazione gamma, la crescita del tumore e il suo apporto di sangue si fermano. Per ottenere il risultato desiderato, è necessaria una procedura, la cui durata può variare da una a diverse ore.

Questo metodo è caratterizzato da un'elevata precisione e un rischio minimo di complicanze. Il coltello gamma è usato solo per le malattie del cervello.

Cyber ​​Knife

Questo effetto si applica anche alla radiochirurgia. Un cyber-coltello è un tipo di acceleratore lineare. In questo caso, il tumore viene irradiato in diverse direzioni. Questo metodo è usato per certi tipi di tumori per il trattamento di tumori non solo del cervello, ma anche di altre localizzazioni, cioè è più versatile del Gamma Knife.

reinserimento

Dopo il trattamento di un tumore al cervello, è molto importante essere costantemente all'erta per rilevare una possibile recidiva della malattia nel tempo.

Scopo della riabilitazione

La cosa più importante è ottenere il massimo recupero possibile delle funzioni perse del paziente e il suo ritorno alla vita di tutti i giorni e al lavoro indipendentemente dagli altri. Anche se non è possibile il completo revival delle funzioni, l'obiettivo principale è quello di adattare il paziente ai vincoli che sono sorti al fine di rendere la vita più facile per lui.

Il processo di riabilitazione dovrebbe iniziare il prima possibile per prevenire l'invalidità di una persona.

Il restauro viene effettuato da un team multidisciplinare, che comprende un chirurgo, un chemioterapista, un radiologo, uno psicologo, un fisioterapista, un fisioterapista, un istruttore di terapia fisica, un logopedista, infermiere e personale medico junior. Solo un approccio multidisciplinare garantirà un processo di riabilitazione completo e di alta qualità.

Il recupero richiede in media 3-4 mesi.

  • adattamento agli effetti dell'operazione e ad un nuovo modo di vivere;
  • recupero delle funzioni perse;
  • imparare determinate abilità.

Viene elaborato un programma di riabilitazione per ciascun paziente e vengono stabiliti obiettivi a breve e a lungo termine. Gli obiettivi a breve termine sono compiti che possono essere svolti in un breve periodo di tempo, ad esempio, imparare a sedersi sul letto da soli. Al raggiungimento di questo obiettivo, ne viene messo uno nuovo. L'impostazione di compiti a breve termine divide il lungo processo di riabilitazione in fasi specifiche, consentendo al paziente e ai medici di valutare le dinamiche nello stato.

Va ricordato che la malattia è un periodo difficile per il paziente e i suoi parenti, perché il trattamento dei tumori è un processo difficile che richiede molta forza fisica e mentale. Ecco perché sottovalutare il ruolo dello psicologo (neuropsicologo) in questa patologia non ne vale la pena, e il suo aiuto professionale è necessario, di regola, non solo per il paziente, ma anche per i suoi parenti.

fisioterapia

L'impatto dei fattori fisici dopo l'intervento è possibile, il trattamento in questo caso è sintomatico.

In presenza di paresi, si applica la miostimolazione, con la sindrome del dolore e l'edema - terapia magnetica. Spesso usato e fototerapia.

La possibilità di utilizzare la terapia laser postoperatoria dovrebbe essere discussa dai medici e dai riabilitatori. Ma non dimenticare che il laser è un potente biostimolatore. Quindi dovrebbe essere applicato con molta attenzione.

massaggio

Quando il paziente sviluppa la paresi degli arti, viene prescritto il massaggio. Quando viene eseguito, l'apporto di sangue ai muscoli, il deflusso del sangue e della linfa migliora, la sensazione e la sensibilità articolare e muscolare, nonché l'aumento della conduzione neuromuscolare.

L'esercizio terapeutico è usato nei periodi preoperatori e postoperatori.

  • Prima dell'intervento chirurgico, con condizioni relativamente soddisfacenti del paziente, la terapia fisica viene utilizzata per aumentare il tono muscolare, allenando i sistemi cardiovascolare e respiratorio.
  • Dopo l'intervento chirurgico, l'esercizio terapia viene utilizzato per ripristinare le funzioni perse, formare nuove connessioni riflesse condizionate e combattere i disturbi vestibolari.

Nei primi giorni dopo l'intervento, è possibile eseguire gli esercizi in modalità passiva. Se possibile, vengono eseguiti esercizi di respirazione per prevenire le complicazioni associate all'inattività fisica. In assenza di controindicazioni, è possibile espandere la routine motoria ed eseguire esercizi in modalità passiva-attiva.

Dopo aver trasferito il paziente dall'unità di terapia intensiva e stabilizzato la sua condizione, è possibile verticalizzarlo gradualmente e concentrarsi sul ripristino dei movimenti persi.

Quindi il paziente è seduto gradualmente, nella stessa posizione vengono eseguiti gli esercizi.

In assenza di controindicazioni, è possibile espandere la modalità motorio: trasferire il paziente in posizione eretta e iniziare a riprendere a camminare. Esercizi con attrezzature aggiuntive vengono aggiunti ai complessi della ginnastica terapeutica: palle, peso.

Tutti gli esercizi vengono eseguiti per la fatica e senza il verificarsi del dolore.

È importante prestare attenzione al paziente anche a miglioramenti minimi: l'emergere di nuovi movimenti, un aumento della loro ampiezza e forza muscolare. Si raccomanda di dividere il tempo di riabilitazione in piccoli intervalli e impostare compiti specifici. Questa tecnica permetterà al paziente di essere motivato e vedere i suoi progressi, dal momento che i pazienti con diagnosi considerata sono inclini alla depressione e alla negazione. Le dinamiche positive visibili aiuteranno a capire che la vita va avanti e il recupero è un'altezza completamente raggiungibile.

Cosa è pericoloso rimuovere un tumore al cervello?

Un tumore cerebrale è una neoplasia maligna, che si forma come risultato della divisione e della crescita delle cellule mutate e dell'accumulo di tessuti cancerosi, che formano il cancro stesso.

Un tumore canceroso del cervello, al posto della sua localizzazione, tipo e inaccessibilità per l'escissione, il più delle volte è inutilizzabile, il che aggrava notevolmente il processo di trattamento generale, riduce le possibilità di sopravvivenza e la speranza per un esito favorevole della malattia.

Molto spesso, la rimozione chirurgica di un tumore al cervello non è in grado di includere un'asportazione completa di tessuti patologici o non viene effettuata affatto a causa di un cancro imprevedibile e potenzialmente letale per il paziente con cancro.

Classificazione e tipi di tumori cerebrali

A seconda della localizzazione del processo maligno e del luogo di crescita del cancro, tutti i tumori cerebrali in oncologia moderna possono essere suddivisi in:

Tumori cerebrali intracerebrali:

  • astrocitoma;
  • glioblastoma;
  • oligodendroglioma;
  • emangioma;
  • glioma;
  • Tumori embrionali;
  • Tumori neuronali

Tumori cerebrali intraventricolari:

  • ependimoma;
  • meningioma;
  • craniofaringiomi;
  • Papilloma coroide

Neoplasie cerebrali del cervello che non germinano nella sua cavità:

  • Neuromi del nervo uditivo (schwannoma);
  • Osteoma (cancro delle ossa del cranio);
  • Adenomi (cancro della ghiandola pituitaria).

Perché la rimozione di un tumore al cervello è spesso impossibile?

La possibilità di escissione chirurgica di un tumore al cervello nella maggior parte dei casi è determinata e dipende dalla disponibilità e dall'ammissibilità oggettiva dell'intervento chirurgico nell'area cerebrale in cui si trova il tumore, nonché dal tipo e dall'aggressività della crescita del tumore stesso. Inoltre, quando la diagnosi sembra un "tumore cerebrale inoperabile", la causa potrebbe essere il 4 ° stadio avanzato del cancro al cervello con metastasi estese o rischi pericolosi per la vita e le conseguenze della sua rimozione. È per questo motivo che è estremamente importante consultare un oncologo e sottoporsi regolarmente agli esami necessari, anche con il minimo sospetto di cancro.

E se la rimozione di un tumore al cervello fosse impossibile?

Se, a causa di un certo numero delle suddette circostanze, la rimozione di un tumore al cervello non è possibile, la terapia di trattamento si basa sull'uso di altri metodi di trattamento del tumore nella testa:

Implica l'introduzione nel corpo di un paziente oncologico di speciali farmaci antitumorali, che causano un rallentamento diretto nella crescita del tumore, la morte delle cellule tumorali, impedisce la loro divisione e crescita.

Il più delle volte, la chemioterapia viene eseguita contemporaneamente all'esposizione alle radiazioni.

Condotto da un corso che viene determinato dall'oncologo curante, in base allo stadio, alle dimensioni, al tipo e alla posizione del tumore.

L'obiettivo principale è quello di eliminare i sintomi pronunciati del cancro, sostenere la condizione generale, aumentare le capacità immunitarie del corpo e migliorare la qualità della vita del paziente incurabile. Per raggiungere gli obiettivi di cui sopra, la terapia sintomatica comprende la nomina di anestetici e decongestionanti farmaci oncologici per il paziente oncologico.

Conseguenze e complicazioni dopo la rimozione di un tumore al cervello

Le conseguenze e la prognosi della rimozione di un tumore canceroso del cervello dipendono anche direttamente dal luogo di crescita del tumore, dalle sue dimensioni, dal grado di sviluppo del processo patologico e dalla presenza di metastasi in altri organi e sistemi del corpo.

Tra le complicazioni più gravi che possono insorgere dopo la rimozione di un tumore al cervello sono le seguenti funzioni psicomotorie e altre del corpo:

  • epilessia;
  • paralisi parziale o completa;
  • paresi;
  • menomazione della vista;
  • disturbi del linguaggio;
  • disturbi vestibolari;
  • malfunzionamento degli organi e dei sistemi pelvici;
  • disturbi della deglutizione;
  • paralisi profonda;
  • danno ai nervi facciali;
  • deficit uditivo;
  • gonfiore del cervello;
  • sanguinamento;
  • disturbi del sonno.

Rimozione di un tumore al cervello - indicazioni e controindicazioni, tipi di chirurgia, prezzi

Il mal di testa persistente, che non è alleviato dai farmaci, che di solito aiutano in questi casi, può essere un segnale della presenza di un tumore nel cervello. Che si tratti di patologia benigna o meno, la sua presenza rappresenta una seria minaccia per la vita del paziente.

Non c'è spazio nel cervello dove il contenuto può muoversi, in modo che il tumore non crei disagio. Dal momento in cui appare, farà pressione sui tessuti vicini e provocherà la possibilità della loro disfunzione.

Indicazioni e controindicazioni

L'aspetto di un tumore nel cervello ha un'opzione di trattamento che può portare a un risultato positivo - la sua rimozione.

La terapia farmacologica può fornire solo un sollievo temporaneo della condizione. Sfortunatamente, ci sono casi in cui la rimozione della formazione è impossibile.

Controindicazioni:

  • la posizione della patologia nel centro vitale del cervello,
  • se un paziente anziano ha una grande istruzione,
  • lesione multipla dell'area del cervello da parte del processo tumorale,
  • localizzazione della formazione patologica in un luogo inaccessibile per la sua escissione.

formazione

  • Il paziente deve abbandonare l'uso di alcol e sigarette per una quindicina di giorni prima della manipolazione e lo stesso dopo di esso.
  • Se il paziente ha assunto farmaci non steroidei, questi vengono fermati prima dell'operazione.
  • Con la nomina di un medico, vengono condotti studi come:
    • elettrocardiografia,
    • esame del sangue
    • e altri
  • Si consiglia al paziente di assumere farmaci che fluidificano il sangue.
  • La domanda se il paziente è allergico ai farmaci.
  • L'operazione viene eseguita al mattino. Alla vigilia di mezzanotte, il paziente smette di assumere cibo e liquidi.

Raccomandazioni generali per preparare il paziente a rimuovere il tumore:

  • Se un paziente soffre di epilessia, gli viene prescritta una terapia anticonvulsivante.
  • Si consiglia di sottoporsi a un decongestionante prima dell'intervento chirurgico.

Tipi di operazioni di rimozione del tumore cerebrale

Gli specialisti sono armati con tali tipi di chirurgia:

  • metodo stereotassico
  • rimozione di alcune fosse craniche,
  • craniotomia,
  • trapanazione endoscopica.

cephalotrypesis

Questo tipo di chirurgia è tradizionale.

Per rimuovere la patologia, nella calotta cranica viene praticato un foro della dimensione richiesta per accedere direttamente agli strumenti.

La craniotomia comporta la rimozione di un frammento dell'osso cranio con il periostio durante la procedura.

Dopo aver completato l'operazione, un lembo osseo viene restituito al foro, che è fissato sul cranio con viti e piastre di titanio.

Il compito del chirurgo è quello di rimuovere il più possibile il tessuto patologico e di ferire le parti sane del cervello adiacenti al tumore. A volte la prevalenza o la posizione della formazione non lo consente, quindi la parte del tumore che può essere rimossa senza danno viene asportata. E per il resto della patologia, vengono utilizzati altri metodi, ad esempio l'irradiazione.

Il chirurgo può usare un bisturi per rimuovere la patologia, che è uno strumento tradizionale. Ha degli svantaggi - in caso di escissione della patologia, in una certa misura, i tessuti vicini possono soffrire. Attualmente, il bisturi ha molte tecnologie alternative.

Le moderne attrezzature tecnologiche consentono la rimozione del tumore senza danneggiare il tessuto sano.

  • Il raggio laser funziona come una lama di bisturi. Presenta i seguenti vantaggi:
    • Non c'è proliferazione di cellule tumorali in tessuti sani, come accade con la craniotomia.
    • Il sanguinamento capillare è escluso, perché quando un laser seziona un tessuto, si coagula contemporaneamente.
    • Uno strumento laser che è intrinsecamente sterile, quindi, un'infezione accidentale non può accadere.
  • Gli aspiratori ad ultrasuoni vengono anche utilizzati per distruggere le cellule tumorali. Dopo la manipolazione, il tessuto cut-off viene aspirato.
  • Per rimuovere i tumori a discrezione degli specialisti (e, se disponibili presso una struttura medica), vengono utilizzati dispositivi criogenici. La distruzione criochirurgica colpisce il tumore con un forte raffreddore che uccide le cellule anormali.

Una tecnica di navigazione controllata da computer viene utilizzata per rimuovere le lesioni nell'area del cervello. Tali operazioni forniscono la massima precisione di esecuzione.

Trapanazione endoscopica

La procedura prevede la rimozione del tumore con uno strumento che penetra nel cervello attraverso un piccolo foro nel cranio.

Un endoscopio è un dispositivo in grado di trasmettere un'immagine a un monitor per tracciare le azioni di un chirurgo. Diversi ugelli rendono possibile la rimozione della patologia.

I tessuti distrutti raggiungono la superficie con:

  • aspiratore ad ultrasuoni,
  • pompa microscopica
  • pinzette elettriche.

Nella chirurgia endoscopica, come nel trapianto, è possibile la microchirurgia. Questo tipo di chirurgia è particolarmente efficace per le formazioni localizzate nei ventricoli del cervello (cavità con liquido).

Radiochirurgia stereotassica

L'operazione con un coltello gamma avviene senza l'inserimento fisico nel cranio del paziente. Un casco speciale è indossato sulla testa.

Aspetti positivi del metodo:

  • modo non invasivo
  • l'anestesia non si applica,
  • sono escluse le complicanze dopo l'intervento chirurgico, che sono possibili con la chirurgia.

Gli svantaggi includono il fatto che questo metodo può distruggere la formazione di una piccola dimensione (massimo 3,5 cm).

La rimozione di un tumore al cervello tramite il cyber-coltello ha intrinsecamente una tecnologia simile all'azione del coltello gamma. Entrambi questi metodi applicano effetti direzionali sulla formazione di raggi di radiazione.

Una testa speciale montata sull'apparecchio irradia un flusso di radiazioni sul tumore. Dopo un certo tempo, cambia l'angolo di impatto più volte e allo stesso tempo l'apparato mantiene le coordinate del tumore sotto controllo.

L'operazione ha i vantaggi:

  • il paziente durante la procedura non è limitato all'immobilità,
  • non c'è bisogno di fare l'anestesia, la procedura non causa dolore;
  • dopo l'intervento chirurgico non ci sono cicatrici o altri segni.

Rimozione completa dei frammenti ossei del cranio

L'operazione è un tipo di trapanazione. Questa è una versione complessa della craniotomia, che viene eseguita nell'area della base del cranio.

Durante la procedura, viene rimossa una parte del cranio, che copre l'area del cervello dal basso.

Tale operazione viene eseguita dopo aver studiato le opinioni dei chirurghi di diverse specializzazioni:

  • direzione otologica,
  • chirurgo plastico
  • specialista nel funzionamento della testa e del collo.

Rischi di detenere

Il cervello è una struttura perfetta e l'aspetto di un tumore porta alla distruzione del suo funzionamento. L'operazione comporta anche alcuni rischi, soprattutto per quanto riguarda i tipi di impianto nel cervello con metodi tradizionali.

È possibile:

  • l'area operata perde le sue funzioni,
  • la patologia non è stata completamente rimossa e con il tempo sarà necessaria una seconda operazione,
  • gravi complicazioni postoperatorie,
  • come risultato dell'introduzione di cellule cancerose in altre parti del cervello,
  • esito fatale.

effetti

La rimozione rapida di un tumore al cervello in alcuni casi può causare complicanze. L'aspetto è possibile:

  • convulsioni epilettiche,
  • lavoro inadeguato del cervello in alcune aree dell'attività vitale del corpo,
  • visione offuscata e altre funzioni.

Questo è particolarmente vero per le operazioni di trapanazione. Ci vorrà un lungo periodo di recupero per i legami rotti di fibre nervose e vasi per funzionare correttamente.

Gli effetti postoperatori sono possibili:

  • paralisi,
  • disturbo nel lavoro di digestione e minzione,
  • infezione del sito operativo,
  • violazione dell'apparato vestibolare,
  • disturbo della parola e della memoria.

Riabilitazione dopo escissione di un tumore al cervello

Dopo l'intervento chirurgico, alcune funzioni cerebrali potrebbero essere incomplete. In questo caso, ci vorrà un periodo di riabilitazione per ripristinare il cervello. Può includere coaching e addestramento.

Dopo trepanning, le prime attività saranno azioni volte a prevenire il sanguinamento e il gonfiore del tessuto cerebrale.

Radioterapia

Questo metodo è utilizzato in aggiunta alla chirurgia. La terapia viene eseguita alla vigilia dell'operazione per bloccare la progressione del tumore.

Dopo l'intervento chirurgico, gli specialisti possono anche utilizzare la radioterapia per distruggere le cellule patologiche che non cadono sotto la cancellazione.

Quanti pazienti vivono

Il successo della rimozione chirurgica della patologia nel cervello dipenderà da molte componenti:

  • qual è la prevalenza nell'area del cervello del processo tumorale,
  • se sono rimaste parti del tumore, le sue metastasi nel cervello;
  • è importante che tipo di educazione: benigna o no;
  • I centri cerebrali importanti sono interessati durante l'intervento?
  • c'è la possibilità di eseguire il processo con metodi più moderni e sicuri
  • Il paziente ha il giusto atteggiamento interiore?

La rimozione chirurgica di un tumore nella zona del cervello ha un costo compreso tra 15.000 e 25.000 dollari. Il prezzo in un caso particolare tiene conto delle dimensioni dell'istruzione, del metodo applicato e della tecnologia nell'attuazione della procedura.

Tumore al cervello: funzionamento ed effetti

Le malattie oncologiche del cervello hanno meno probabilità di identificarsi. La diagnosi sembra una frase, ma non sempre significa che il paziente morirà. Nella fase 1, il più delle volte, le formazioni sono benigne. Le cellule anomale si riproducono lentamente e non hanno il tempo di metastatizzare nei tessuti circostanti. Il più efficace è quello di rimuovere chirurgicamente un tumore al cervello.

Quando viene prescritta un'operazione

La chirurgia cerebrale è prescritta in diversi casi:

  • Il corpo del tumore sta crescendo rapidamente;
  • l'istruzione si trova in un luogo facilmente accessibile e non esercita alcuna pressione sui centri cerebrali che regolano i processi dell'attività vitale;
  • la categoria di età e le condizioni fisiche del paziente consentono la manipolazione;
  • quando spremete il cervello.

Un'operazione per rimuovere un tumore cerebrale è considerata il metodo primario di trattamento e, in mancanza di controindicazioni, è nominata prima. Nelle fasi iniziali, la metastasi dei siti vicini è estremamente rara. Un'operazione per rimuovere un tumore al cervello non viene eseguita quando il paziente rifiuta il trattamento. Controindicazioni sono più metastasi e localizzazione di OGM in stretta prossimità dei centri che regolano l'attività vitale dell'organismo.

La diagnosi di un tumore cerebrale benigno è un'indicazione per trepanning. Anche se la cisti non si metastatizza e si espande lentamente, può pizzicare i capillari, a causa della quale la circolazione sanguigna viene disturbata. Quando il sistema circolatorio funziona male, i neuroni iniziano a morire, quindi, i disturbi mentali sono spesso osservati nell'OGM.

Tipi di manipolazioni per eliminare i tumori

Quando un OGM benigno o maligno, vengono utilizzati i seguenti tipi di trattamento:

  • radiochirurgia;
  • aprire le procedure chirurgiche;
  • Rimozione OGM tramite laser.

Con un tumore al cervello nel trattamento, la scelta primaria dei medici sarà un metodo che aiuterà a liberare efficacemente una persona dal neoplasma con un danno minimo alle cellule del tessuto cerebrale. Nella pratica moderna, gli oncologi russi aderiscono alla teoria della priorità di preservare la funzionalità del sistema nervoso centrale, a seguito della quale può comparire una recidiva di un tumore al cervello. I medici israeliani aderiscono al metodo di eliminazione completa del corpo del tumore, seguito da radiazioni o radioterapia.

Le procedure chirurgiche aperte comportano la creazione di fori nel cranio, consentendo di raggiungere i tessuti molli. La più difficile è la procedura quando viene rimossa una parte delle ossa del cranio che supporta il cervello. Quanto dura l'intervento chirurgico per rimuovere l'OGM dipende dalla posizione e dalla dimensione del corpo del tumore.

radiochirurgia

La radiochirurgia è un metodo progressivo per eliminare l'OGM usando radiazioni ad alta precisione. L'effetto della radiazione si ottiene sopprimendo la divisione delle cellule anormali. Quando l'OGM ha violato il DNA delle cellule normali, provocandone la rapida divisione. Le radiazioni ad alta frequenza violano il DNA delle cellule tumorali. Questo porta alla morte completa delle cellule tumorali.

Durante la radiochirurgia, non solo le cellule danneggiate sono danneggiate, ma anche quelle sane. Ma, a differenza di quelli cattivi, la normale si riprende più velocemente. L'irradiazione viene effettuata ogni giorno per 5 giorni consecutivi. L'intero corso è di 1,5-2 mesi a seconda dell'intensità delle manifestazioni. Esistono 2 metodi di stereotassia:

Coltello Gamma

È usato per trattare le cisti di piccole dimensioni, non più di 3,5 cm Se la dimensione dell'OGM è più grande, l'applicazione del metodo potrebbe non essere sicura o inefficace. La terapia viene effettuata in 4 fasi:

  • Fissazione della testa con una cornice speciale;
  • TC o RM per determinare la posizione del corpo tumorale;
  • pianificazione del trattamento;
  • l'esposizione.

Cyber ​​Knife

Un altro metodo per la rimozione non chirurgica dei GGM è il cyber-coltello. In realtà, questo metodo di trattamento è molto simile al precedente. È usato quando la chirurgia è controindicata. Per eseguire le procedure, quando si utilizza un cyber-coltello, non è necessario fissare la testa.

Il dispositivo per l'esecuzione di manipolazioni durante la sessione controlla costantemente la posizione della posizione OGM, che consente di inviare un raggio di raggi gamma direttamente al tumore. Il funzionamento del radiatore è controllato da un programma speciale. Sotto la sua gestione, la TC viene eseguita prima di ogni esposizione. Quando i raggi gamma colpiscono le cellule sane, non sono quasi danneggiati.

Nel campo delle neoplasie patologiche si accumula una grande dose di radiazioni, che crea l'effetto di un coltello per radiazioni. Sotto l'influenza dell'irradiazione, le cellule tumorali muoiono.

Conseguenze e possibili complicazioni

Le conseguenze della rimozione dell'OGM dipenderanno dallo stadio di sviluppo del neoplasma, dalla presenza o dall'assenza di metastasi e dalle condizioni fisiche del paziente. Le complicazioni dopo la rimozione di un tumore cerebrale benigno sono estremamente rare. Il corpo del tumore ha contorni chiari, è facilmente rimosso chirurgicamente, quando localizzato in un luogo facilmente accessibile.

Durante la diagnosi di neoplasie maligne con metastasi multiple, anche il triplo successo non garantisce che la malattia smetta di progredire. Secondo i dati statistici, la terapia a tre stadi tempestiva consente di prolungare la vita del 60-80% dei pazienti per 5 o più anni. A volte durante il periodo postoperatorio, le persone hanno bisogno di imparare nuovamente a parlare, a percepire ciò che è scritto, a muoversi indipendentemente, a conoscere il mondo che li circonda, a riconoscere i loro cari. Affinché il recupero dopo l'operazione abbia successo, è necessario informare il paziente e i familiari delle possibili conseguenze. L'atteggiamento mentale è importante. Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere l'OGM, possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati:

  • Prurito e arrossamento della pelle;
  • alopecia;
  • nausea, vomito;
  • la comparsa di ulcere;
  • emorragie multiple;
  • sanguinamento;
  • intasamento di coaguli di sangue;
  • gonfiore;
  • formazione di cisti nel sito di una formazione remota.

reinserimento

Quanto durerà la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico dipenderà da diversi fattori:

  • La condizione psicologica e fisica del paziente;
  • categoria di età;
  • la posizione del corpo del tumore;
  • estensione del danno tissutale.

In media, il tempo di recupero è di 3-4 mesi. Il processo di riabilitazione comprende una serie di attività come fisioterapia, massaggi, terapia fisica, lezioni con uno psicoterapeuta. Al momento della riabilitazione, il paziente deve abbandonare il pesante lavoro fisico, il contatto con sostanze chimiche tossiche, evitare situazioni stressanti. I pazienti devono attraversare diverse fasi di recupero.

Se il processo di recupero ha esito positivo, dopo 2 mesi, la riabilitazione dopo la rimozione dell'OGM viene proseguita a casa.

L'obiettivo della terapia riabilitativa

La riabilitazione dopo la rimozione del tumore ha lo scopo di ripristinare la funzionalità dei centri cerebrali al fine di aiutare il paziente a tornare a uno stile di vita normale. Se le conseguenze della rimozione di un tumore non consentono di ripristinare completamente la struttura del tessuto cerebrale, il compito principale del recupero è l'adattamento della persona ai limiti che sono apparsi.

Il programma di riabilitazione è fatto separatamente per ogni caso. Per cominciare, imposta le attività a breve termine. Prima di tutto, al paziente viene insegnato a sedersi sul letto senza alcun aiuto. Dopo il primo compito, una nuova persona viene messa di fronte a lui. Il metodo di impostazione dei compiti a breve termine consente di valutare adeguatamente le dinamiche del recupero. Non rinunciare al supporto psicologico di uno specialista qualificato. La terapia psicologica è spesso necessaria non solo per il paziente, ma anche per i suoi parenti.

fisioterapia

Effetti di fisioterapia finalizzati a ripristinare la funzionalità del sistema muscolo-scheletrico. Sotto la supervisione di un fisioterapista, il paziente impara a muoversi autonomamente o su una sedia a rotelle.

massaggio

La massoterapia ha lo scopo di migliorare la circolazione del sangue nei tessuti, contribuendo al rapido recupero delle cellule danneggiate. Il massaggio consente di aumentare la sensibilità e tonificare i muscoli, migliorare la struttura dei tessuti.

I corsi di massaggio vengono ripetuti più volte. All'inizio del periodo di recupero, tutte le procedure sono eseguite sotto la supervisione di medici, in futuro, il massaggio è fatto a casa.

Esercizio mostrato prima del trepanation e dopo di esso. Nel primo caso, gli esercizi di fisioterapia mirano a migliorare il tono muscolare, l'allenamento del sistema cardiovascolare e l'apparato respiratorio. Nel periodo postoperatorio, la terapia fisica viene assegnata per ripristinare la funzionalità dell'organismo nel suo insieme. Il livello di stress dipende in gran parte da dove si trova il tumore.

All'inizio della terapia, gli esercizi vengono eseguiti sdraiati. Fondamentalmente, si tratta di esercizi di respirazione. Se non ci sono controindicazioni, espandere gradualmente l'elenco degli esercizi di movimento. Nel corso del tempo, gli esercizi iniziano a esibirsi seduti, e poi in piedi. Gli esercizi non dovrebbero causare dolore, superlavoro.

Previsione e conseguenze

Per la maggior parte delle persone che hanno perso la capacità di muoversi a causa dell'OGM, dopo le manipolazioni chirurgiche, le funzioni motorie vengono ripristinate. Secondo le statistiche, il recupero ha successo nel 60% dei pazienti. L'86% dei pazienti può ripristinare la vista. Le conseguenze di operazioni come i disturbi mentali sono estremamente rare. Molto spesso, le condizioni patologiche si manifestano nei primi 3 anni dopo l'intervento.

Disturbi del sistema nervoso centrale si verificano estremamente raramente, solo nel 6% dei pazienti. In questi casi, le persone perdono la capacità di parlare, di prendersi cura di se stesse. La conseguenza più terribile è la ricaduta. Il suo aspetto non può essere previsto. La probabilità di recidiva dipende interamente dallo stadio del cancro, dal suo tipo.

La percentuale di sopravvivenza dipende dalla categoria di età. Nel 50-90% dei casi, le persone di età compresa tra i 22 ei 25 anni dopo le procedure chirurgiche possono vivere 5 anni. La sopravvivenza tra i pazienti di età compresa tra 45 e 55 anni è ridotta di 1/3. Un termine di 5 anni è considerato minimo: la maggior parte delle persone, in assenza di ricadute, può vivere più di 20 anni dopo l'intervento.

conclusione

Per i tumori cerebrali, la chirurgia è il trattamento principale. È abbastanza difficile prevedere come il corpo si comporterà ulteriormente con danni significativi. Si raccomanda di iniziare la riabilitazione il più presto possibile. La terapia di riabilitazione è progettata per migliorare la funzionalità del corpo. La terapia è suddivisa in più fasi, che implicano la formulazione di compiti facili e complessi.

All'inizio della terapia, il paziente si adatta a sedersi indipendentemente nel letto. Dopo interventi chirurgici e altre manipolazioni, è necessario evitare un prolungato esercizio fisico, oltre a prendersi cura di ridurre l'effetto dello stress sul corpo. Una fase importante di recupero è il lavoro sullo stato psicologico del paziente e dei suoi parenti. È importante mostrare il successo del paziente nel suo lavoro di recupero.

Il periodo di recupero per un trattamento efficace richiede 2-3 mesi. In casi gravi, ritardato di sei mesi. Il progresso tecnologico ci consente di sperare che in futuro emerga un metodo che consenta di ridurre al minimo i danni alle strutture cerebrali durante l'intervento.

Conseguenze dopo la rimozione di un tumore al cervello

Saluti, cari abbonati. Oggi ti parlerò di una cosa così complessa come il periodo post-operatorio dopo la rimozione dei tumori cerebrali.

E per cominciare, analizzeremo cos'è un tumore.

Un tumore al cervello è un concetto tridimensionale che include varie formazioni localizzate nel cranio. Questi includono degenerazione del tessuto benigno e maligno, risultante dalla divisione anormale delle cellule cerebrali, vasi sanguigni o linfatici, membrane cerebrali, nervi e ghiandole. A questo proposito, la riabilitazione dopo la rimozione del tumore includerà un complesso di vari effetti.

L'essenza è chiara. La cosa principale è che questo tipo di tumore è uno dei più rari. (Non è necessario scrivere nei commenti che ci sono 2 amici che hanno avuto un'altra "foto di Peter Griffin")

I tumori cerebrali sono dei seguenti tipi:

Tumori primari: educazione, inizialmente sviluppata direttamente dalle cellule cerebrali;

Tumori secondari - degenerazione del tessuto risultante da metastasi dal fuoco primario;

Benigni: meningiomi, gliomi, emangioblastomi, schwannomi;

I tumori benigni si sviluppano dalle cellule del tessuto in cui compaiono. Di norma, non crescono nei tessuti vicini (tuttavia, con un tumore benigno a crescita molto lenta, questo è possibile), crescono più lentamente di quelli maligni e non si metastatizzano.

I tumori maligni sono formati da cellule immature del cervello e da cellule di altri organi (e metastasi) introdotte dal flusso sanguigno. Tali formazioni sono caratterizzate da rapida crescita e germinazione nei tessuti vicini con la distruzione della loro struttura, così come le metastasi.

Ma come dice BIG RUSSIAN BOSS

Pertanto, vi è una diagnosi del tumore. Quindi, la diagnosi è fatta sulla base di:

2) Esecuzione di test neurologici speciali

3) Radiografia del cranio, TC, RM con contrasto.

4) Se viene rilevata una neoplasia, viene assegnato un esame istologico di questo oggetto per classificarlo.

5) Misurazione della pressione del piano orbitale

6) L'EEG (elettroencefalogramma) si presenta così:

Supponiamo, sfortunatamente, che abbiamo trovato un tumore. Questo è seguito da tattiche di trattamento.

Esistono 3 approcci per il trattamento dei tumori cerebrali:

1) Manipolazioni chirurgiche.

3) Radioterapia, radiochirurgia.

Parliamo di chirurgia, è di 4 tipi:

1) rimozione totale del tumore;

2) rimozione parziale del tumore;

3) intervento a due stadi;

4) chirurgia palliativa (facilitando le condizioni del paziente).

Non smonteremo le controindicazioni / complicazioni, ce ne sono naturalmente molte: questa non è una piantaggine applicata a te, ma un'operazione sul GM. È come camminare o guidare in auto sotto i 350 km / h e il tuo posto è in fiamme e la macchina è accesa, e in generale tutto è in fiamme.

La chemioterapia è l'uso di speciali gruppi di farmaci che contribuiscono alla distruzione di tipi di cellule patologiche. La chemioterapia è una procedura molto complicata, come per il miele. personale e per i pazienti. Non tutti possono sopportarlo. Tuttavia, su questo è possibile rivedere un po 'il film "Non ancora suonato nella scatola", e descritto. In altri film non spedirò, chi sarà interessato, lui stesso sarà in grado di trovare.

La radioterapia si concentra su una particolare proprietà delle cellule maligne. Sono molto più sensibili alle radiazioni radioattive rispetto alle cellule normali. Non descriverò gli effetti collaterali controindicazioni come tutti sanno qualcosa.

Attualmente viene utilizzata anche la radiochirurgia.

È necessario distinguere 2 concetti: gamma e cyber coltello.

Coltello gamma: questo metodo di trattamento non richiede anestesia generale e craniotomia. Gamma Knife è un irradiazione gamma ad alta frequenza con cobalto-60 radioattivo da 201 emettitori, che sono diretti in un raggio, l'isocentro. Allo stesso tempo il tessuto sano non è danneggiato. Il metodo di trattamento si basa sull'effetto distruttivo diretto sul DNA delle cellule tumorali, nonché sulla crescita delle cellule piatte nei vasi nell'area della neoplasia. Dopo l'irradiazione gamma, la crescita del tumore e il suo apporto di sangue si fermano. Per ottenere il risultato desiderato, è necessaria una procedura, la cui durata può variare da una a diverse ore.

Questo metodo è caratterizzato da un'elevata precisione e un rischio minimo di complicanze. Il coltello gamma è usato solo per le malattie del cervello.

Cyber ​​Knife: questo effetto si applica anche alla radiochirurgia. Un cyber-coltello è un tipo di acceleratore lineare. In questo caso, il tumore viene irradiato in diverse direzioni. Questo metodo è usato per certi tipi di tumori per il trattamento di tumori non solo del cervello, ma anche di altre localizzazioni, cioè è più versatile del Gamma Knife.

E finalmente, siamo stati in riabilitazione. La cosa più pericolosa dietro. O no?

Durante la riabilitazione, la cosa più importante è ottenere il massimo ripristino possibile delle funzioni perse del paziente e il suo ritorno alla vita domestica e lavorativa indipendente dagli altri. Anche se non è possibile il completo revival delle funzioni, l'obiettivo principale è quello di adattare il paziente ai vincoli che sono sorti al fine di rendere la vita più facile per lui. Il processo di riabilitazione dovrebbe iniziare il prima possibile per prevenire l'invalidità di una persona.

Il restauro viene effettuato da un team multidisciplinare, che comprende un chirurgo, un chemioterapista, un radiologo, uno psicologo, un fisioterapista, un fisioterapista, un istruttore di terapia fisica, un logopedista, infermiere e personale medico junior. Solo un approccio multidisciplinare garantirà un processo di riabilitazione completo e di alta qualità.

Il recupero richiede in media 3-4 mesi.

1) adattamento agli effetti dell'operazione e ad un nuovo modo di vivere;

2) recupero delle funzioni perse;

3) apprendimento di determinate abilità.

Viene elaborato un programma di riabilitazione per ciascun paziente e vengono stabiliti obiettivi a breve e a lungo termine. Gli obiettivi a breve termine sono compiti che possono essere svolti in un breve periodo di tempo, ad esempio, imparare a sedersi sul letto da soli. Al raggiungimento di questo obiettivo, ne viene messo uno nuovo. L'impostazione di compiti a breve termine divide il lungo processo di riabilitazione in fasi specifiche, consentendo al paziente e ai medici di valutare le dinamiche nello stato. Va ricordato che la malattia è un periodo difficile per il paziente e i suoi parenti, perché il trattamento dei tumori è un processo difficile che richiede molta forza fisica e mentale. Ecco perché sottovalutare il ruolo dello psicologo (neuropsicologo) in questa patologia non ne vale la pena, e il suo aiuto professionale è necessario, di regola, non solo per il paziente, ma anche per i suoi parenti.

Fisioterapia: l'impatto dei fattori fisici dopo l'intervento è possibile, il trattamento in questo caso è sintomatico. In presenza di paresi, si applica la miostimolazione, con la sindrome del dolore e l'edema - terapia magnetica. Spesso usato e fototerapia. La possibilità di utilizzare la terapia laser postoperatoria dovrebbe essere discussa dai medici e dai riabilitatori. Ma non dimenticare che il laser è un potente biostimolatore. Quindi dovrebbe essere applicato con molta attenzione.

Quando il paziente sviluppa la paresi degli arti, viene prescritto il massaggio. Quando viene eseguito, l'apporto di sangue ai muscoli, il deflusso del sangue e della linfa migliora, la sensazione e la sensibilità articolare e muscolare, nonché l'aumento della conduzione neuromuscolare.

L'esercizio terapeutico è usato nei periodi preoperatori e postoperatori.

Prima dell'intervento chirurgico, con condizioni relativamente soddisfacenti del paziente, la terapia fisica viene utilizzata per aumentare il tono muscolare, allenando i sistemi cardiovascolare e respiratorio.

Dopo l'intervento chirurgico, l'esercizio terapia viene utilizzato per ripristinare le funzioni perse, formare nuove connessioni riflesse condizionate e combattere i disturbi vestibolari.

Nei primi giorni dopo l'intervento, è possibile eseguire gli esercizi in modalità passiva. Se possibile, vengono eseguiti esercizi di respirazione per prevenire le complicazioni associate all'inattività fisica. In assenza di controindicazioni, è possibile espandere la routine motoria ed eseguire esercizi in modalità passiva-attiva. Dopo aver trasferito il paziente dall'unità di terapia intensiva e stabilizzato la sua condizione, è possibile verticalizzarlo gradualmente e concentrarsi sul ripristino dei movimenti persi. Quindi il paziente è seduto gradualmente, nella stessa posizione vengono eseguiti gli esercizi. In assenza di controindicazioni, è possibile espandere la modalità motorio: trasferire il paziente in posizione eretta e iniziare a riprendere a camminare. Esercizi con attrezzature aggiuntive vengono aggiunti ai complessi della ginnastica terapeutica: palle, peso. Tutti gli esercizi vengono eseguiti per la fatica e senza il verificarsi del dolore. È importante prestare attenzione al paziente anche a miglioramenti minimi: l'emergere di nuovi movimenti, un aumento della loro ampiezza e forza muscolare. Si raccomanda di dividere il tempo di riabilitazione in piccoli intervalli e impostare compiti specifici. Questa tecnica permetterà al paziente di essere motivato e vedere i suoi progressi, dal momento che i pazienti con diagnosi considerata sono inclini alla depressione e alla negazione. Le dinamiche positive visibili aiuteranno a capire che la vita va avanti e il recupero è un'altezza completamente raggiungibile.

Alla fine voglio dire. Questo argomento è ancora molto giovane e in rapido sviluppo. Il problema principale non è la velocità di sviluppo, ma l'aspetto economico. Questi tipi di operazioni / riabilitazione si possono permettere in modo molto significativo. Tuttavia, è un peccato che una persona non abbia scelta.