loader
Raccomandato

Principale

Prevenzione

Biopsia endometriale. Come viene eseguito e quali sono le conseguenze della procedura

Le donne a causa della struttura dei loro corpi devono spesso sottoporsi a una varietà di studi. Un rappresentante del sesso più debole dovrebbe visitare regolarmente il ginecologo. I medici parlano di visite annuali dal medico in assenza di reclami. Se compaiono sintomi di patologia, è necessario contattare uno specialista il prima possibile.

I ginecologi spesso prescrivono studi come l'isteroscopia, la colposcopia, la diagnostica ecografica e così via. Negli ultimi anni, la biopsia del gasdotto endometriale è diventata molto popolare. Conseguenze, recensioni di manipolazione diagnostica saranno presentate alla vostra attenzione nell'articolo. Imparerai le caratteristiche della procedura. Puoi anche scoprire che cosa è fatta per biopsia endometriale.

Cos'è?

La biopsia dell'endometrio di Peipel è un'operazione diagnostica che consente di esaminare il rivestimento interno dell'utero senza la necessità di espandere il canale cervicale. Il paziente al momento della raccolta del materiale quasi non sente disagio. Questo elimina l'uso di anestetici e narcotici.

La biopsia del tubo dell'aspirazione endometriale prende il nome dalla persona che l'ha scoperta. Viene eseguita utilizzando il tubo più sottile, che ha un diametro di 2,3 o 4 millimetri. All'interno di questo strumento è vuoto, che consente la raccolta di materiale.

Quando è necessario diagnosticare

Negli ultimi anni ai pazienti viene sempre più prescritto questo tipo di diagnosi. Le principali indicazioni di questo studio includono:

  • infertilità di natura oscura;
  • ciclo irregolare delle mestruazioni;
  • sanguinamento dovuto all'uso di farmaci ormonali;
  • sospetta endometrite acuta o cronica;
  • mancanza di mestruazioni a tempo debito;
  • la menopausa;
  • polipi e fibromi nella cavità dell'organo riproduttivo;
  • preparazione per la chirurgia e così via.

A volte la biopsia del tubo endometriale viene prescritta prima della fecondazione in vitro. Questo tipo di ricerca consente di escludere eventuali difficoltà durante l'impianto dell'ovulo e aumenta la probabilità di un risultato positivo.

Controindicazioni alla chirurgia

Come con qualsiasi intervento nel corpo del paziente, la biopsia della pipeline endometriale ha i suoi limiti e controindicazioni. Questi includono:

  • la presenza di gravidanza, compreso lo sviluppo al di fuori dell'utero;
  • malattie infiammatorie degli organi pelvici;
  • infezione nella vagina;
  • scarsa coagulazione del sangue;
  • soglia del dolore basso (necessita anestesia);
  • difetti nello sviluppo dell'utero (setto, aderenze e così via).

In ogni caso, potrebbero esserci ulteriori controindicazioni. Prima della manipolazione, il paziente viene sempre esaminato da esperti e la conclusione è presa.

Preparazione per lo studio

L'esecuzione del consumo di materiale viene sempre effettuata nelle pareti dell'ospedale. Prima della manipolazione, al paziente viene offerto di assumere anestetico e sedativo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi questo non è necessario. L'anestesia è necessaria solo a una soglia di dolore basso e utilizzando un tubo con un diametro di più di quattro millimetri.

Ci sono condizioni speciali per la procedura chiamata biopsia endometriale? In quale giorno del ciclo dovrebbe essere prelevato il materiale? Tutto dipende dallo scopo dello studio. Se una donna è in età riproduttiva e ha un ciclo relativamente stabile, la procedura viene eseguita da 20 a 25 giorni dall'inizio delle mestruazioni. Rappresentanti del sesso più debole nel periodo della menopausa, puoi assegnare uno studio in qualsiasi momento.

In preparazione alla procedura di fecondazione in vitro, la manipolazione viene prescritta un ciclo prima dell'uso di farmaci ormonali. Vale la pena notare che è necessario annullare tutti i farmaci che possono influenzare lo stato dell'endometrio. Questi includono ormoni, antibiotici, chemioterapia e così via. In casi eccezionali, lo studio viene eseguito direttamente durante il trattamento.

Come viene eseguita la biopsia endometriale?

Il materiale è raccolto da un medico esperto su una sedia ginecologica. Una donna deve eseguire procedure igieniche prima della procedura e spogliarsi. Inoltre, il paziente si deposita sulla sedia e il medico inizia la manipolazione.

Un dilatatore con uno specchio viene inserito nella vagina del sesso più debole. Con esso, la cervice viene fissata in una posizione fissa. Dopo di ciò, lo specialista deve conoscere la dimensione dell'organo riproduttivo. A tale scopo viene utilizzato uno speciale dispositivo di misurazione. Si inserisce delicatamente nel canale cervicale finché non si arresta. Dopodiché, il medico seleziona una pipa di dimensioni adeguate e procede alla procedura.

Il medico prende il tubo di aspirazione e lo inserisce delicatamente nel canale cervicale. Vale la pena notare che il dispositivo non deve poggiare sul fondo dell'utero. In caso contrario potrebbe verificarsi un danno. Quando il tubo viene inserito nella profondità desiderata, il medico estrae il pistone dall'estremità esterna del dispositivo. A questo punto, viene creata una pressione negativa nell'utero. Le particelle dell'endometrio con alcune aree cadono nel tubo e rimangono lì anche dopo l'estrazione. Il passo successivo è che il medico tiri delicatamente il tubo dal canale cervicale del paziente. Successivamente, il materiale risultante viene applicato al vetro sterile e inviato allo studio.

Opinioni di medici e pazienti sulla manipolazione

La biopsia endometriale ha recensioni positive. I pazienti dicono che la manipolazione è assolutamente indolore. Non dura più di un minuto. Molto più è la preparazione per questo. Entro pochi minuti dopo aver preso il materiale, il paziente può tornare a casa. Solo in alcuni casi speciali, i medici lasciano una donna in ospedale per alcune ore.

I medici dicono che la biopsia del tubo endometriale dà risultati molto precisi. Se una biopsia convenzionale conduce uno studio su un'area specifica che è stata presa con l'aiuto del curettage, allora il tubo esegue la rimozione dell'endometrio da tutte le pareti dell'organo riproduttivo. Inoltre, gli esperti riferiscono sulla manipolazione della sicurezza. I ginecologi non devono espandere il canale cervicale del paziente. Dopotutto, questo porta spesso allo sviluppo di complicazioni.

La biopsia endometriale è anche una procedura sicura grazie all'uso di materiali sterili. I tubi sono fatti di plastica di alta qualità e possono essere usati solo una volta. Durante il raschiamento vengono utilizzati dispositivi metallici riutilizzabili. Questo spesso porta all'infezione e allo sviluppo dell'infezione. Questo è il motivo per cui la biopsia del tubo è il metodo preferito per studiare lo stato della cavità interna dell'organo genitale.

I pazienti parlano del costo relativamente costoso della procedura. La categoria di prezzo medio della biopsia del tubo è compresa tra 2 e 5 mila rubli. Tuttavia, nelle istituzioni pubbliche questa ricerca viene effettuata in modo assolutamente gratuito se sono disponibili determinati documenti.

Durata della diagnostica e ottenimento dei risultati

Come già sai, il materiale non è preso più di un minuto. Successivamente, il tessuto viene inviato al laboratorio per la ricerca. La diagnosi dura non più di una settimana. Il risultato viene solitamente emesso entro dieci giorni.

Solo uno specialista qualificato può decifrare i dati ricevuti. Non provare a farlo da solo. Le tue ipotesi potrebbero essere sbagliate. Se necessario, dopo la biopsia della biopsia endometriale, vengono prescritti farmaci per correggere la condizione.

Biopsia per biopsia endometriale: effetti

Le recensioni dei medici dicono che le complicazioni di solito si verificano quando il materiale non è correttamente raccolto. Inoltre, le conseguenze non possono essere evitate nel caso in cui mancassero le controindicazioni.

Tra le conseguenze possono essere identificate le complicanze immediate e la risposta ritardata. Nel primo caso, la patologia si sviluppa direttamente durante l'assunzione di materiale. Le complicanze tardive si sviluppano più frequentemente. Considera le difficoltà più comuni che le donne affrontano durante o dopo una biopsia del tubo.

Perforazione dell'utero

Questa complicazione è la più pericolosa. Di solito si verifica quando viene effettuata la manipolazione, nonostante i processi infiammatori. Quando infettano pareti uterine, diventano più sciolte e più sottili. Se la dimensione del tubo è stata scelta in modo errato, lo strumento potrebbe semplicemente forare l'organo.

In questo caso si sviluppa un sanguinamento massiccio che può essere pericoloso per la vita. Questa situazione richiede un intervento chirurgico.

Sanguinamento dal tratto genitale

La biopsia dell'endometrio di Peipel può avere conseguenze sotto forma di sanguinamento. In questo caso, stiamo parlando di danni alla cervice o alla sua cavità interna. Inoltre, questa complicazione può svilupparsi a causa del fatto che la coagulazione del sangue del paziente è compromessa. Ecco perché è così importante condurre questa analisi prima della manipolazione.

Normalmente, il rilascio di sangue dopo la raccolta di materiale può essere osservato in una piccola quantità e in un breve periodo di tempo. Questo di solito è uno scrigno marrone o poche gocce di liquido scarlatto, che passano in due o tre giorni.

Infezione dell'organo riproduttivo

La conseguenza della diagnosi potrebbe essere l'adesione dell'infezione. Poiché tutti i materiali per lo studio sono sterili, la complicazione si sviluppa a causa della penetrazione dei microbi dalla vagina nell'utero. Spesso ciò accade ignorando il fatto che la diagnostica è proibita quando si verifica un risultato di una cattiva macchia.

In caso di sviluppo di questo effetto, la donna ha bisogno di correzione, che prevede un trattamento a lungo termine con farmaci antimicrobici e immunomodulatori.

Riassumendo

La biopsia endometriale è una procedura informativa e abbastanza sicura che può essere eseguita in qualsiasi momento senza molta preparazione. Il risultato che ottieni nel minor tempo possibile. Tale studio consente di identificare patologie quali endometrite, metrite, fibromi, polipi, varie malattie ormonali e così via. Con la rilevazione tempestiva di deviazioni e correzioni, una donna si sbarazza dei suoi problemi abbastanza rapidamente. In alcuni casi, la biopsia del tubo endometriale consente di identificare la causa dell'infertilità femminile. Dopo diversi cicli di correzione, tali pazienti diventano incinte in modo indipendente e in modo sicuro dare alla luce bambini.

Se il medico ha prescritto questo tipo di diagnosi, allora non dovresti rifiutarlo. La procedura aiuterà a conoscere lo stato del tuo organo riproduttivo. Buona salute e benessere!

Preparazione e realizzazione della biopsia del tubo endometriale

La biopsia endometriale è una raccolta di un piccolo pezzo di membrana mucosa dall'utero per un'analisi successiva. La manipolazione viene eseguita utilizzando un catetere speciale, un piccolo tubo di plastica flessibile con un diametro di circa 3 mm. Rispetto alla tradizionale biopsia di aspirazione, che viene eseguita utilizzando una siringa speciale o uno strumento a vuoto, la procedura di pipa è più delicata, non richiede l'anestesia e richiede 7-10 minuti.

Indicazioni per appuntamento

Le indicazioni per lo studio sono:

  • sanguinamento durante la menopausa;
  • mancanza di mestruazioni (amenorrea);
  • mensile scarso (dismenorrea);
  • lunghi periodi abbondanti;
  • sanguinamento uterino aciclico;
  • infertilità;
  • aborto spontaneo;
  • polipi endometriali;
  • fibromi;
  • iperplasia endometriale;
  • tumori endometriali per determinare la loro neoplasia;
  • sospetta endometriosi;
  • sospetta malattia infiammatoria del rivestimento uterino (endometrite);
  • valutazione dell'efficacia del trattamento ormonale.

Spesso, prima della fecondazione in vitro è raccomandata una biopsia del tubo per aumentare la probabilità di impianto di embrioni.

Controindicazioni per

La biopsia di Paypel non viene eseguita alle seguenti condizioni:

  • gravidanza a causa di un alto rischio di aborto;
  • processi infiammatori pelvici in forma acuta, in quanto possono causare la diffusione dell'infezione;
  • patologia dell'emostasi;
  • anemia grave.

Preparazione per la procedura

Durante l'ultimo ciclo mestruale, è necessario prevenire la gravidanza prima di una biopsia, poiché è una controindicazione allo studio.

Poiché il metodo di ricerca è una procedura chirurgica, saranno richiesti i seguenti test:

  • esami generali del sangue e delle urine;
  • biochimica del sangue;
  • sangue per HIV, sifilide, epatite B e C;
  • uno striscio vaginale sulla microflora per identificare un possibile processo infiammatorio;
  • spalmare su oncocytology;
  • test hCG per escludere la gravidanza;
  • un coagulogramma per rilevare un disturbo emorragico.

Alla vigilia della procedura, è necessario osservare il riposo sessuale, non usare candele, tamponi e non douching. Il medico può raccomandare di assumere No-Shpu 40 minuti prima dell'esame per alleviare un possibile spasmo dell'utero. Il dosaggio del farmaco viene selezionato singolarmente. Immediatamente prima della procedura, è necessario svuotare la vescica.

Come viene condotto lo studio?

Il medico prescrive il giorno della procedura secondo le indicazioni. Ad esempio, per valutare lo stato dell'endometrio e rilevare l'insufficienza della seconda fase del ciclo, una biopsia viene eseguita nei giorni 21-23 dall'inizio dell'ultima mestruazione e per eliminare l'endometrite cronica, la procedura deve essere eseguita nei giorni 9-13, durante questo periodo non ci sono normalmente cellule infiammatorie nell'endometrio.

La manipolazione viene eseguita su base ambulatoriale e quasi sempre senza anestesia. Nella prima fase, un esame ginecologico viene eseguito su una sedia e la riabilitazione della vagina e della cervice viene eseguita con farmaci speciali, mentre la seconda viene fissata con una pinza da proiettile.

La tecnica della biopsia è che uno strumento sterile monouso, un tubo, viene inserito nella cavità uterina attraverso la vagina e la cervice, che è un tubo di plastica flessibile con un pistone, come in una siringa. Tirando il pistone, si crea una pressione negativa, a seguito della quale il catetere viene aspirato contro la parete dell'utero e l'aspirazione delle particelle endometriali avviene attraverso l'apertura laterale nel tubo. Il tessuto viene prelevato in tre diversi siti della mucosa. Il materiale risultante viene posto in una soluzione di formalina e inviato per esame istologico.

Dopo la procedura

Dopo la biopsia, potrebbe esserci un sanguinamento che non dovrebbe essere coagulato, pus o un odore sgradevole. Se questi fenomeni appaiono ancora, è necessario consultare urgentemente un medico. Normalmente, sanguinamento minore si arresta rapidamente, in quanto è una reazione allo stress meccanico. Sono possibili anche contrazioni uterine, ma scompaiono durante il giorno o dopo aver assunto antispastici.

Nel periodo di recupero, che dura 2 settimane, non è possibile:

  • fare sesso prima di smettere di sanguinare;
  • fare un bagno, si dovrebbe limitare la doccia;
  • sollevare pesi;
  • visitare il bagno e la sauna;
  • condurre la pulizia;
  • usare i tamponi.

Decodifica risultati

I risultati della biopsia endometriale saranno pronti in 7-14 giorni, tutto dipende dalla clinica dove vengono condotti i test e dal carico di lavoro totale del laboratorio. La conclusione, che viene emessa dopo lo studio istologico della biopsia, consiste di 4 parti.

  • Un campione non informativo e inadeguato è determinato dal fatto che non ci sono abbastanza cellule endometriali nel materiale risultante, ci possono essere cellule del sangue, un epitelio piatto multilayered della vagina, un epitelio cilindrico del canale cervicale;
  • il campione informativo e adeguato è caratterizzato dal fatto che nella biopsia è presente un numero sufficiente di cellule mucose.

Descrizione macroscopica della biopsia:

  • peso dei campioni presentati;
  • dimensione del frammento (grande, piccolo);
  • colore (dal grigio al rosso acceso);
  • coerenza (sciolto, denso);
  • coaguli di sangue, coaguli di sangue;
  • muco.

Descrizione microscopica della biopsia:

  • il tipo di epitelio (cilindrico, cubico, piatto, indifferente), la sua dimensione, il numero di strati;
  • stroma (sua presenza, densità, uniformità);
  • la dimensione e la forma delle cellule stromali;
  • fibroblasticità dello stroma, cioè il numero di fibre connettive;
  • decidibilità dello stroma, cioè accumulo di liquidi e nutrienti;
  • ghiandole uterine, la loro forma, descrizione dell'epitelio che le rivestiva;
  • la forma e la dimensione del lume delle ghiandole, la presenza di secrezione all'interno delle ghiandole, la ramificazione;
  • accumuli linfoidi come segni di infiammazione;
  • cellule del corion, presenza di edema o cambiamenti distrofici, indicando che la donna ha avuto un aborto mancato o un aborto spontaneo incompleto.

Fare una diagnosi dopo aver ricevuto i risultati

  1. Indica a quale fase del ciclo corrisponde l'endometrio.
  2. La presenza di iperplasia (crescita) dell'endometrio.
  3. La presenza di polipi e la descrizione del tessuto di cui sono composti.
  4. La presenza di atrofia dell'endometrio (assottigliamento della mucosa dell'utero).
  5. Endometrio misto ipoplasico (borderline, non patologico).
  6. I villi coriali, che sono particelle del guscio del feto, indicano una gravidanza abortita.
  7. Degenerazione dell'epitelio o dei vasi dei villi corionici (dice che il feto inizialmente non aveva ricevuto nutrienti, che avrebbero potuto causare la sua morte).
  8. La presenza di atipia, cioè cellule con segni che non sono caratteristici del tessuto (parla dello stato precanceroso dell'endometrio).
  9. La presenza di cellule maligne (tumorali) (indicative del carcinoma endometriale).

Spesso c'è solo una frase in custodia: "Endometrio normale nella fase di proliferazione / secrezione / periodo mestruale". Significa che l'endometrio è normale, nessun segno di malattia e cambiamenti nella struttura delle cellule, non ci sono polipi e iperplasia. È importante che la condizione dell'endometrio corrisponda alla fase del ciclo mestruale della donna e al periodo della sua vita.

I risultati dello studio permettono di identificare:

  • discrepanza tra lo spessore della norma della membrana mucosa;
  • la presenza di endometrite;
  • neoplasie maligne;
  • iperplasia atipica;
  • condizione precancerosa;
  • la presenza di fibromi e polipi;
  • la presenza di endometriosi.

Dopo aver ricevuto un rapporto, è possibile contattare il medico per prescrivere un regime o altri metodi di trattamento.

Possibili complicazioni

Come con qualsiasi intervento chirurgico, sono possibili complicazioni dopo una biopsia del tubo:

  • sanguinamento prolungato;
  • l'aggiunta o l'attivazione di un'infezione latente;
  • dolore prolungato;
  • danno alla parete uterina.

I seguenti sintomi indicano il loro sviluppo e la necessità di andare dal medico:

  • sanguinamento eccessivo (più di 3 pad in 2 ore);
  • forte dolore nel basso addome e nella parte bassa della schiena, che non diminuisce dopo l'assunzione di anestetico;
  • sanguinamento più di 5 giorni;
  • scarico con un odore sgradevole;
  • aumento di temperatura sopra 37,5ºС.

La complicazione più pericolosa di una biopsia è l'endometrite. È caratterizzato da dolori addominali e dall'aspetto di secrezioni uterine offensive con segni di suppurazione. Il suo sviluppo è associato a ipotermia o mancato rispetto del regime dopo la procedura e le raccomandazioni del medico.

Biopsia di aspirazione endometriale: come viene eseguita, indicazioni

In precedenza, in alcune malattie ginecologiche, solo i metodi traumatici di biopsia della mucosa uterina, che comportavano il curettage (cioè procedure simili a un aborto chirurgico classico), venivano utilizzati per raccogliere campioni dell'endometrio. Tuttavia, a causa della comparsa di una biopsia di aspirazione (o biopsia di Paypel), tale studio è diventato più indolore e più sicuro.

Questa tecnica chirurgica minimamente invasiva per la raccolta del tessuto endometriale viene eseguita utilizzando uno speciale tubo di plastica, il tubo. Lo spessore di questo dispositivo è 3 mm e il suo principio di funzionamento è simile al meccanismo della siringa. All'interno del tubo c'è un pistone, e in una delle estremità c'è un'apertura laterale per l'ammissione per aspirazione dell'endometrio nella punta del tubo.

In questo articolo, vi faremo conoscere le indicazioni, le controindicazioni, il metodo di preparazione del paziente per la procedura, i benefici e i metodi per eseguire una biopsia di aspirazione dell'endometrio. Queste informazioni aiuteranno a capire l'essenza di questa tecnica diagnostica, e potrai porre eventuali domande al medico.

In contrasto con la classica tecnica chirurgica del campionamento del tessuto endometriale, una biopsia di aspirazione non richiede l'espansione del canale cervicale. La punta di un tubo monouso viene inserita nell'utero senza l'uso di dispositivi aggiuntivi. Il medico tira lo stantuffo verso se stesso, creando una pressione negativa per la necessaria aspirazione di una piccola porzione di endometrio. Allo stesso tempo, estese superfici della ferita non si formano sullo strato interno dell'utero, la cervice non soffre di stress meccanico e il paziente non manifesta fastidio pronunciato.

testimonianza

Una biopsia di aspirazione è prescritta nei casi in cui, dopo un esame ginecologico e un'ecografia presso un medico, si presuma che il paziente abbia alterazioni patologiche nello stato dello strato interno dell'utero - l'endometrio. I campioni di tessuto ottenuti ci permettono di condurre un'analisi istologica dello strato mucoso dell'utero e di fare la diagnosi corretta.

La biopsia dell'aspirazione endometriale è indicata nei seguenti casi clinici:

  • iperplasia endometriale;
  • irregolarità mestruali (sanguinamento povero aciclico, menorragia, scarse mestruazioni, amenorrea di origine sconosciuta);
  • endometriosi;
  • endometrite cronica;
  • polipi nel corpo dell'utero;
  • sospetta infertilità;
  • sanguinamento pesante nelle donne in menopausa;
  • sospetto di un tumore benigno o maligno (fibromi uterini, carcinoma dell'endometrio).

Una biopsia del tubo può essere eseguita non solo per diagnosticare le patologie dell'endometrio, ma anche per valutare l'efficacia della terapia ormonale.

Controindicazioni

La biopsia dell'aspirazione endometriale non può essere eseguita nei seguenti casi:

Le possibili limitazioni all'esecuzione di una biopsia del tubo comprendono i seguenti casi clinici:

  • disturbi della coagulazione del sangue;
  • forme gravi di anemia;
  • uso costante di agenti antipiastrinici e anticoagulanti (Clexan, Warfarin, Trental, farmaci antinfiammatori non steroidei, ecc.);
  • idiosincrasia degli anestetici locali applicati.

Nell'identificare tali condizioni, la biopsia dell'aspirazione può essere eseguita dopo una preparazione speciale del paziente o sostituita da un altro studio.

Come prepararsi per la procedura

Sebbene la biopsia dell'aspirazione endometriale sia una procedura minimamente invasiva, durante la procedura, gli strumenti vengono inseriti nell'utero e il danno all'integrità dello strato interno di questo organo avviene, sebbene insignificante. Ecco perché, al fine di escludere possibili complicazioni di tale studio, il paziente deve prepararsi adeguatamente per l'assunzione di materiale.

Per escludere eventuali controindicazioni alla biopsia dell'aspirazione endometriale, devono essere eseguiti i seguenti studi diagnostici:

  • esame ginecologico;
  • spalmare sulla microflora;
  • striscio cervico citologico (test PAP);
  • Ultrasuoni degli organi pelvici;
  • emocromo completo;
  • analisi del sangue hCG;
  • esame del sangue per epatite B e C, sifilide e HIV;
  • colposcopia (desiderabile).

Quando prescrive la biopsia di Peipel, il medico deve ottenere dal paziente tutte le informazioni sulle medicine che assume. Particolare attenzione è rivolta alla ricezione di agenti fluidificanti del sangue (clopidogrel, aspirina, warfarin, ecc.). Se necessario, il medico può modificare l'ordine di ammissione pochi giorni prima della procedura.

Particolare attenzione nella nomina della biopsia dell'aspirazione endometriale è data alla scelta della data dello studio. Se una donna non è ancora entrata in menopausa, la durata della procedura dipende dal giorno del ciclo mestruale. Se il paziente non ha ancora le mestruazioni, viene eseguita la raccolta dei tessuti a seconda dell'inizio di sanguinamento uterino anormale.

In genere, la biopsia di aspirazione endometriale viene eseguita in questi giorni:

  • 18-24 giorni - per stabilire la fase del ciclo;
  • il primo giorno con sanguinamento patologico - per identificare la causa del sanguinamento;
  • nel 5-10esimo giorno del ciclo - con periodi eccessivamente pesanti (polimenorrea);
  • il primo giorno del ciclo o il giorno prima delle mestruazioni - se sospetta infertilità;
  • Una volta alla settimana - con il non verificarsi della gravidanza e l'assenza di mestruazioni;
  • nei giorni 17-25 - per monitorare l'efficacia della terapia ormonale;
  • Ogni giorno del ciclo - se si sospetta una neoplasia maligna.

La preparazione diretta per la biopsia di Paypel viene effettuata 3 giorni prima dello studio. In questi giorni, le donne devono seguire le seguenti raccomandazioni del medico:

  1. Rifiuta i rapporti sessuali.
  2. Non eseguire la pulizia, non inserire candele, unguenti e creme nella vagina.
  3. Escludere dal menu prodotti che promuovono una maggiore formazione di gas.
  4. La sera prima dello studio, esegui un clistere purificante.

La procedura di biopsia di aspirazione dell'endometrio può essere eseguita in una sala appositamente attrezzata della clinica. Di norma, l'anestesia locale non è necessaria per la sua attuazione, ma a volte questo metodo di anestesia viene eseguito per pazienti particolarmente sensibili. In tali casi, prima di condurre uno studio, il medico deve garantire che non vi sia alcuna reazione allergica al farmaco utilizzato (in base alla storia o al test eseguito).

Come viene eseguita la procedura?

Nel giorno stabilito, il paziente con la direzione viene in ufficio per una biopsia di aspirazione. La procedura per la raccolta del tessuto endometriale è la seguente:

  1. La donna si sdraia sulla sedia ginecologica e il medico inserisce uno specchio nella vagina. Se necessario, l'anestesia locale della cervice viene eseguita mediante irrigazione con una soluzione di anestetico locale.
  2. La punta del tubo viene inserita nella cavità uterina attraverso il canale cervicale.
  3. Il ginecologo ritarda il pistone e viene creata una pressione negativa nel tubo. Come risultato di questo effetto, parte dell'endometrio entra nella cavità del tubo. Il medico prende materiale da diversi siti.
  4. Dopo aver ottenuto materiale sufficiente, i campioni di tessuto vengono inviati al laboratorio per l'analisi istologica.
  5. Il tubo viene rimosso dall'utero. La durata della procedura è di 1-3 minuti.

I risultati dell'analisi istologica dei tessuti endometriali sono ottenuti 7-14 giorni dopo la biopsia. Dopo la valutazione, il ginecologo diagnostica e redige un piano per ulteriori esami e trattamenti.

Dopo la procedura

Dopo aver eseguito un'aspirazione con biopsia endometriale, il paziente si sente soddisfatto e può tornare a casa. Le sue prestazioni non sono in alcun modo compromesse e non si pone la necessità di ricovero ospedaliero.

Nei prossimi 1-2 giorni, il paziente può avvertire lievi sensazioni dolorose di una natura trascinante nell'addome inferiore. Per eliminare il dolore da spasmo, causando notevoli disagi, una donna può assumere antispastici (No-spa, Papaverine, Spasmalgon). Di regola, tale disagio non dura più di 1 giorno.

Nei primi giorni dopo la procedura di biopsia di aspirazione, le donne hanno un piccolo sanguinamento dal tratto genitale. La maggior parte degli esperti raccomanda ai propri pazienti di astenersi dai rapporti sessuali in questi giorni. Dopo aver smesso di sanguinare, una donna può riprendere il sesso e usare contraccettivi di barriera per prevenire la gravidanza.

Dopo lo studio, i periodi possono verificarsi in tempo o con qualche ritardo (fino a 10 giorni). In questi casi, si raccomanda alla donna di condurre un test di gravidanza e visitare un medico.

Dopo una biopsia di aspirazione, la gravidanza può verificarsi già nel ciclo attuale o successivo. Questo metodo di raccolta dell'endometrio non influisce sul lavoro delle ovaie e l'area rimanente della mucosa uterina è sufficiente per l'impianto dell'ovulo.

Possibili complicazioni

La procedura per la biopsia di aspirazione dell'endometrio è minimamente invasiva e in rari casi porta alla comparsa di complicanze. Dopo l'esame, il ginecologo dovrà necessariamente familiarizzare il paziente con i sintomi, alla cui comparsa dovrebbe consultare immediatamente un medico:

  • febbre;
  • sanguinamento dalla vagina (colore rosso brillante intenso);
  • dolore persistente nell'addome inferiore;
  • capogiri o svenimento;
  • convulsioni.

Benefici della biopsia di aspirazione endometriale

La biopsia di Peipel presenta numerosi vantaggi significativi:

  • basso rischio di lesioni all'utero;
  • non è necessario espandere il canale cervicale per l'inserimento degli strumenti;
  • la possibilità di ottenere tessuto endometriale da aree inaccessibili dell'utero;
  • rischio minimo di infezione;
  • rischio minimo di complicanze;
  • nessun dolore durante la procedura;
  • recupero rapido del paziente dopo una biopsia;
  • la capacità di eseguire ricerche a livello ambulatoriale e la mancanza di necessità di ricovero ospedaliero del paziente;
  • altamente informativo;
  • l'assenza di effetti negativi sul corpo di una donna che si prepara alla gravidanza (per esempio, prima della FIV);
  • semplice preparazione per la procedura;
  • basso costo della ricerca.

Cosa mostrerà il risultato dell'analisi istologica dopo la biopsia dell'aspirazione

In assenza di anomalie patologiche nella struttura dello strato mucoso dell'utero, l'analisi indicherà che l'endometrio corrisponde alla norma di età e alla fase del ciclo mestruale, e non vi sono stati segni di atipia.

Se vengono identificate anomalie nella struttura dello strato mucoso dell'utero, i seguenti cambiamenti patologici possono essere indicati nei risultati dell'analisi:

  • adenomatosi (o iperplasia endometriale complessa);
  • iperplasia endometriale semplice diffusa (o ghiandolare, ghiandolare-cistica);
  • iperplasia endometriale locale con o senza atipia (o poliposi, polipi singoli);
  • iperplasia endometriale atipica semplice o complessa;
  • ipoplasia o atrofia dell'endometrio;
  • endometritis;
  • discrepanza tra lo spessore dell'endometrio e la fase del ciclo mestruale;
  • degenerazione maligna dell'endometrio.

La biopsia dell'aspirazione endometriale viene spesso utilizzata come metodo di screening per l'esame di pazienti con risultati ecografici discutibili. Tuttavia, questo metodo di campionamento tissutale dello strato interno dell'utero non sempre consente di ottenere una quantità sufficiente di materiale per eliminare completamente la presenza di tumori maligni. Questo è il motivo per cui, se si sospetta un processo oncologico, l'esame del paziente viene completato da un curettage diagnostico più informativo.

Cosa fare dopo la biopsia dell'aspirazione endometriale

Dopo aver eseguito la biopsia di Peipel, il medico prescrive la data per la prossima visita al paziente. Tipicamente, le analisi dell'esame istologico sono pronte in 7-14 giorni dopo che la procedura è stata completata e, in base ai loro risultati, il ginecologo può determinare ulteriori tattiche di misure diagnostiche e terapeutiche.

Quando si identificano i segni di atipia o processi di cancro, il medico decide sulla necessità di ulteriori ricerche e trattamenti chirurgici. Se i risultati dell'analisi istologica indicano la presenza di infiammazione, al paziente viene prescritta una terapia antibiotica e farmaci anti-infiammatori.

Nel determinare i segni di iperplasia o insufficiente risposta endometriale ai cambiamenti ormonali durante il ciclo mestruale, il medico conduce ulteriori studi diagnostici per identificare i disturbi endocrini. Dopo questo, al paziente può essere prescritta la terapia ormonale, che migliora le condizioni dell'endometrio e ripristina la funzione riproduttiva, prendendo altri farmaci e la fisioterapia.

Quale dottore contattare

Un ginecologo può ordinare una biopsia di aspirazione endometriale. Prima dell'esame, il paziente dovrà sottoporsi a una serie di esami diagnostici per escludere controindicazioni: ultrasuoni, esami del sangue, striscio sulla microflora, test della PAP, colposcopia. Se necessario, dopo la biopsia della biopsia endometriale, possono essere prescritti altri studi per chiarire la diagnosi: esami del sangue per ormoni, TAC o risonanza magnetica degli organi pelvici, curettage diagnostico, ecc.

La biopsia dell'aspirazione endometriale è una procedura minimamente invasiva, sicura, indolore e informativa, che in molti casi consente di effettuare la diagnosi corretta e consente di rifiutare di condurre studi più traumatici. Prima di essere eseguito, il paziente deve sottoporsi a una serie di esami diagnostici per identificare possibili controindicazioni e seguire le semplici raccomandazioni del medico per garantire la sicurezza e l'informatività della biopsia e dell'analisi istologica. La procedura non richiede più di 1-3 minuti. Ulteriori tattiche di diagnosi e trattamento sono determinate dal medico dopo aver ricevuto i risultati dell'analisi istologica.

Il ginecologo E. A. Samotaeva racconta la biopsia dell'aspirazione endometriale:

Biopsia di Peipel endometriale: che cos'è, come eseguire, indicazioni, controindicazioni, complicanze

Il rapporto degli ormoni prodotti dalle ovaie influisce sulla formazione della membrana mucosa dell'utero. La rottura della struttura dell'endometrio, la deviazione del suo spessore dalla norma causa la comparsa di seri problemi nella salute riproduttiva di una donna. Al fine di stabilire la causa dei disturbi mestruali, l'infertilità, la comparsa di tumori nell'utero, è necessario esaminare attentamente la condizione della sua cavità, per identificare possibili patologie dello sviluppo delle cellule epiteliali. Un metodo efficace che consente lo studio dell'endometrio, è una biopsia.

Qual è la procedura?

La procedura consente di estrarre particelle dell'endometrio per il metodo istologico degli studi successivi. In questo modo, viene stabilita la struttura delle cellule della mucosa della cavità uterina, indipendentemente dal fatto che ci siano cambiamenti atipici in essa. Secondo lo studio, le conclusioni sono tratte sulla natura dei processi patologici nell'endometrio, la causa di infertilità o irregolarità mestruali.

Esistono diversi modi per estrarre le particelle dell'endometrio. Questi includono il curettage completo dell'utero, la biopsia dello ZUG (curettage parziale), l'aspirazione della mucosa con una siringa speciale (biopsia di aspirazione) e la rimozione mirata del materiale durante l'isteroscopia. Lo svantaggio di questi metodi è la necessità di espandere la cervice e l'introduzione di strumenti nella cavità, il che rende dolorosa e traumatica la procedura per la raccolta delle particelle endometriali.

Benefici della biopsia del tubo

Quando si utilizza la biopsia della tubazione endometriale, vengono eseguite manipolazioni molto più semplici e più sicure. Viene utilizzato il cosiddetto "Pipe Tool", che è un tubo stretto elastico morbido con una punta speciale. All'interno del tubo c'è un pistone. Il tubo viene inserito nella cavità uterina. Non richiede l'espansione del collo con un dispositivo speciale. Tirando via il pistone, il tubo è quasi pieno di contenuto selezionato, che viene poi esaminato al microscopio.

Una singola iniezione dello strumento consente di selezionare l'endometrio da ampie aree dell'utero. La durata della procedura è di 0,5-1 minuti. È praticamente indolore. Si svolge su base ambulatoriale, dopo di che una donna può fare i suoi soliti affari. A causa della mancanza di rischio di danni ai tessuti e ai vasi sanguigni, questo metodo di campionamento può essere utilizzato per il diabete mellito e anche (con cautela) con ridotta coagulazione del sangue.

Per la selezione delle particelle endometriali, viene utilizzato uno strumento monouso, è esclusa la possibilità di infezione durante la procedura.

Video: come viene eseguita una biopsia endometriale. Benefici della procedura

In quali casi viene assegnata una biopsia del tubo

La biopsia della pipeline endometriale è indicata nei seguenti casi:

  • una donna ha sanguinamento mestruale lungo e doloroso;
  • ci sono forti emorragie uterine tra le mestruazioni per ragioni sconosciute;
  • sanguinamento pericoloso è apparso dopo terapia ormonale o uso a lungo termine di contraccettivi;
  • c'è una secrezione di sangue durante la menopausa;
  • Gli ultrasuoni hanno mostrato la presenza nell'utero di un tumore o di polipi endometriali, mentre il paziente ha trovato una quantità eccessiva di estrogeni nel sangue;
  • la donna ha infertilità, la gravidanza è stata più volte interrotta nelle prime fasi;
  • un esame del sangue per i marcatori tumorali nella rilevazione di tumori nell'utero mostra la presenza di cellule tumorali;
  • una donna si sta preparando per la fecondazione in vitro.

Controindicazioni

Prima di eseguire la biopsia dell'endometrio, il medico deve essere sicuro che il paziente non sia incinta. La procedura per la selezione del materiale non viene eseguita in presenza di processi infiammatori e di vari tipi di infezione (funghi, patogeni delle malattie veneree), così come della disbatteriosi vaginale. La procedura viene annullata se vi è un processo infiammatorio purulento nell'utero (endometrite) o vi sono malattie infiammatorie di altri organi pelvici, dai quali l'infezione può entrare nei genitali.

Una controindicazione all'uso di questo metodo diagnostico è la presenza di disturbi del sangue come emofilia e anemia (per i quali può verificarsi un sanguinamento potenzialmente letale), così come patologie cardiovascolari che possono causare formazione di trombi. La biopsia di Paypel non viene eseguita in presenza di disturbi congeniti degli organi genitali.

In quali giorni del ciclo viene eseguita una biopsia del tubo.

La procedura può essere assegnata a diversi giorni del ciclo, a seconda di quali patologie richiedono la diagnosi:

  1. Prima delle mestruazioni, se hai bisogno di scoprire la causa dell'infertilità dovuta alla presenza di disturbi ormonali e alla mancanza di ovulazione.
  2. Alla fine delle mestruazioni (circa il 7 ° giorno del ciclo), per identificare la causa di periodi troppo lunghi, che può essere rifiuto incompleto dell'endometrio.
  3. Nella seconda fase del ciclo (17-25 giorni). La biopsia del tubo endometriale consente di monitorare i risultati della terapia ormonale.
  4. Nella prima fase del ciclo (in assenza di sanguinamento). Lo studio è condotto per rilevare la causa del sanguinamento intermestruale.

Per studiare le cause dell'amenorrea e in caso di sospetto di formazione di tumori maligni nell'utero, si esegue una biopsia del tubo in qualsiasi giorno.

Preparazione per la procedura

Prima della procedura, è necessario donare il sangue per l'analisi del contenuto di emoglobina e la determinazione della coagulabilità, dei livelli di estrogeni, del progesterone e degli ormoni ipofisari.

Test striscio vaginale e cervicale in grado di rilevare la presenza di funghi e altri tipi di infezione. L'analisi delle urine consente di determinare il livello dei leucociti e rilevare le malattie infiammatorie degli organi urinari.

Un esame del sangue per la sifilide, HIV, virus dell'epatite. Se si sospetta il cancro, viene eseguito un esame del sangue per i marcatori tumorali.

1 mese prima della procedura, la donna deve interrompere l'assunzione di ormoni, 3 giorni dopo l'uso di anticoagulanti. È necessario rifiutare la pulizia, i tamponi, l'uso di medicine vaginali e anche astenersi da rapporti sessuali.

Non dovresti mangiare cibo per 12 ore prima di una biopsia, e appena prima di andare dal medico dovresti fare un clistere purificante.

Dopo una biopsia del tubo

L'impatto sull'endometrio con una biopsia del tubo è associato a danni ai piccoli vasi sanguigni, quindi entro pochi giorni una donna potrebbe avere un lieve sanguinamento. Normalmente, nessun dolore dovrebbe verificarsi.

Dopo aver eseguito tale procedura, i periodi di solito arrivano con un ritardo fino a 10 giorni. Poiché il danno durante la manipolazione è molto leggero, lo stato dell'endometrio viene rapidamente ripristinato.

Avvertenza: il ritardo può essere associato all'inizio della gravidanza, poiché l'ovulo fecondato dopo l'ovulazione successiva è attaccato anche alla parte dell'endometrio rimasto dopo la biopsia del tubo. Una donna dovrebbe tenerne conto. Se la gravidanza non è auspicabile, è necessario consultare il proprio medico circa l'uso di un contraccettivo barriera adeguato.

I medici raccomandano di astenersi dal rapporto sessuale per un mese dopo l'esame endometriale. Inoltre, dovresti evitare l'affaticamento fisico, i sentimenti forti. Visitando la sauna, stare in una stanza calda, fare il bagno in un bagno caldo porta a sanguinamento.

Con la comparsa di sintomi dubbiosi in nessun caso non è possibile impegnarsi nell'auto-trattamento, nell'uso di rimedi popolari o farmaci, eccetto quelli che il medico prescrive.

Quando chiamare un medico immediatamente

In rari casi, dopo aver prelevato una biopsia, la natura delle mestruazioni cambia in una donna (ad esempio, il loro volume e la loro durata aumentano, diventano dolorose). Una complicazione seria può essere l'occorrenza del processo infiammatorio. Di norma, la ragione è la non conformità con la raccomandazione dei medici sulla cura igienica degli organi genitali durante il periodo di recupero, entrando in rapporti sessuali nei giorni successivi dopo la biopsia del gasdotto endometriale, l'ipotermia della parte inferiore del corpo.

Si consiglia di consultare un medico se si verificano sintomi di indisposizione, soprattutto se si verificano scarichi purulenti o sanguinamento dagli organi genitali, aumenti della temperatura corporea, compaiono dolori nella parte inferiore dell'addome e scompaiono le mestruazioni.

Risultati della ricerca

A seconda dello scopo della diagnosi e della natura prevista della malattia, lo studio del materiale prelevato per l'analisi e l'interpretazione dei risultati può essere effettuato urgentemente entro 0,5 ore, tuttavia, la risposta può essere ottenuta dopo 2 settimane.

Dopo aver ricevuto una risposta esatta circa la natura della patologia, il trattamento con farmaci anti-infiammatori o antibiotici, si effettuano preparazioni ormonali per controllare la crescita dell'endometrio e ripristinare il ciclo. Quando è necessario un intervento chirurgico, una biopsia della tubazione consente di stimare la quantità necessaria di intervento e le possibili conseguenze.

Biopsia endometriale (utero): indicazioni, metodi e condotta, risultati

La biopsia endometriale è un'operazione in cui il chirurgo estrae piccole aree del rivestimento uterino per l'esame istopatologico. Il materiale viene inviato al laboratorio e, dopo microscopia, il medico riceve informazioni accurate sullo stato dell'endometrio e sui suoi cambiamenti.

L'esame istologico dei frammenti di tessuto è un passo essenziale nella diagnosi delle più diverse patologie. In alcuni casi, solo un'analisi microscopica del tessuto consente di determinare con precisione la natura dei cambiamenti e la loro causa e, pertanto, il trattamento prescritto in relazione a un particolare schema istologico sarà più efficace.

In ginecologia, la ricerca sulla biopsia è stata usata molto estesamente per molti decenni, durante i quali sono stati migliorati i metodi di campionamento dei tessuti, che possono differire in base allo scopo diagnostico. Ogni metodo ha le proprie indicazioni e controindicazioni, che il ginecologo prende in considerazione sulla base della diagnosi prevista.

Se necessario, la microscopia convenzionale può essere integrata da moderne tecniche immunoistochimiche in grado di rilevare tumori maligni e differenziare accuratamente la loro origine, determinare il grado di differenziazione e prognosi per il paziente.

La biopsia endometriale è un'operazione, anche se minimamente invasiva, quindi richiede un'attenta preparazione, una valutazione dei possibili rischi, un approccio equilibrato alla determinazione delle prove. Oggi l'operazione viene eseguita da una vasta gamma di donne per la relativa sicurezza relativa, facilità di implementazione e il più alto valore diagnostico.

Di norma, il campionamento bioptico viene eseguito come pianificato, come studio indipendente, ma in alcuni casi potrebbe essere necessario eseguire una biopsia urgente durante l'intervento chirurgico per la patologia degli organi genitali femminili. Lo scopo principale della biopsia è la diagnosi, ma a volte è anche di natura terapeutica, portando ad un miglioramento del benessere del paziente dopo la rimozione del centro patologico.

Specie biopsia endometriale

L'endometrio è lo strato interno dell'utero, la sua membrana mucosa, sottoposto a cambiamenti ciclici sotto l'influenza degli ormoni sessuali femminili. La sua struttura è diversa non solo in diverse fasi, ma anche in diversi giorni del ciclo mestruale. La patologia del sistema endocrino, le ovaie, l'utero stesso inevitabilmente influisce sulla struttura della membrana mucosa, secondo le caratteristiche di cui il medico giudica la natura della patologia.

"Prendi" l'endometrio può penetrare solo nell'utero. Nella prima metà del secolo scorso, i tentativi di ottenere un campione erano accompagnati dall'espansione del canale cervicale e dalla raschiatura dell'intera mucosa. Le moderne tecniche di biopsia implicano un basso livello di attività e dolore basso, nonché un basso rischio di complicanze, che consente di espandere le indicazioni per lo studio. La clinica utilizza diversi tipi di chirurgia per biopsia endometriale:

  • Raschiatura classica mucosa;
  • Aspirare la biopsia con aspirapolvere o aspirapolvere;
  • La biopsia endometriale di Paypel è uno dei metodi meno traumatici;
  • Biopsia di ZUG;
  • La biopsia target con isteroscopia consente di ottenere il tessuto dalle aree più modificate dell'endometrio, ma ha un uso limitato a causa dell'elevato costo dell'isteroscopia stessa e della mancanza di attrezzature in molti ospedali.

L'operazione di raccolta dei frammenti endometriali è solo lo stadio iniziale della ricerca diagnostica, poiché senza la microscopia è impossibile determinare quali cambiamenti strutturali si verificano nel rivestimento uterino. La risposta esatta fornirà un'analisi delle sezioni istologiche dell'endometrio al microscopio.

Indicazioni e controindicazioni per la biopsia

L'esame patologico della mucosa uterina viene eseguito su donne di età diverse, indipendentemente dal fatto che abbiano dato alla luce figli o non ancora. Il motivo della procedura può essere:

  1. Emorragia disfunzionale;
  2. Sanguinamento uterino intenso o scarsa mestruazione;
  3. Amenorrea (assenza di mestruazioni) per una ragione sconosciuta (è necessario escludere la gravidanza!);
  4. Possibile crescita del tumore;
  5. Endometriosi interna;
  6. Sospetta infiammazione cronica nel rivestimento dell'utero;
  7. Infertilità per chiarire la causa;
  8. Pianificazione di una procedura di FIV;
  9. Gli aborti, patologia della gravidanza per un breve periodo (dopo l'aborto medico).

Le controindicazioni alla biopsia endometriale sono:

  • La gravidanza è una controindicazione assoluta allo studio, poiché l'intervento nell'utero provocherà un aborto spontaneo;
  • Patologia dell'emostasi dovuta al rischio di sanguinamento;
  • Trattamento con anticoagulanti e agenti antipiastrinici, farmaci antinfiammatori (richiedere la cancellazione in anticipo);
  • Anemia grave;
  • Malattie infettive generali (ARVI, infezioni intestinali, ecc.);
  • Acuta o esacerbazione di infezioni croniche del tratto genitale;
  • Allergia agli anestetici.

Poiché una biopsia non viene eseguita per ragioni vitali, in caso di gravi controindicazioni può essere completamente abbandonata a favore di altri metodi diagnostici più sicuri. Con ostacoli relativi, il medico cercherà di scegliere il metodo più ottimale di campionamento tissutale, escluse le complicazioni.

Preparazione per lo studio

La preparazione per la biopsia endometriale comprende esami clinici generali (sangue, urina), coagulazione del sangue, gruppo sanguigno e fattore di rhesus, test HIV, epatite, sifilide. Durante un esame ginecologico, il medico preleva le macchie dalla cervice per la citologia e la microflora dalla vagina. Se è impossibile escludere la gravidanza, viene eseguito un test per la gonadotropina corionica.

Dopo aver superato gli esami e aver fissato la data della biopsia, il paziente deve abbandonare la vita sessuale, la detersione, i tamponi vaginali 2 giorni prima della procedura, 7-10 giorni per interrompere l'assunzione di agenti fluidificanti del sangue. Se è previsto il curettage in anestesia generale, il giorno precedente, alle 18:00, si interrompe l'ingestione di cibo e liquidi.

La mattina dello studio, il paziente fa una doccia, rimuove i peli dal tratto genitale esterno, in presenza di vene varicose nelle gambe, il medico può prescrivere un bendaggio elastico per prevenire le complicanze tromboemboliche.

Tempi e tecnica per eseguire la biopsia

Poiché l'endometrio riflette chiaramente su se stesso un effetto ormonale, il contenuto informativo dell'analisi dipende da quale giorno del ciclo è stato ricevuto. Con diverse patologie, i tempi della biopsia possono variare. Pertanto, durante la diagnosi delle cause di infertilità, anovulazione, violazioni della seconda fase del ciclo, alle giovani donne è raccomandato di eseguire una biopsia il giorno prima delle mestruazioni previste o il primo giorno della loro insorgenza.

Con abbondanti mestruazioni, è più opportuno eseguire l'operazione da 5 a 10 giorni del ciclo. Se il sanguinamento non è associato alle mestruazioni, una biopsia verrà prescritta nei primi 2 giorni dal momento in cui si verifica. Durante un ciclo, la procedura può essere eseguita più volte, ad esempio con uno sfondo ormonale interrotto.

Nella seconda metà del ciclo, da 17 a 25 giorni, viene mostrata la biopsia per valutare l'efficacia della terapia ormonale conservativa. Se si sospetta un processo maligno, lo studio viene eseguito indipendentemente dal giorno del ciclo e senza ritardi.

Il risultato di uno studio patologico di una donna sarà in grado di scoprire 7-10 giorni dopo l'operazione, ma se è necessario eseguire ulteriori tecniche di colorazione, questo periodo può essere esteso. Per spiegazioni dettagliate, contatta il ginecologo, che prescriverà il trattamento della patologia o ti rimanda a un oncologo quando viene rilevata una neoplasia maligna.

La tecnica di raccolta dell'endometrio per l'esame microscopico è diversa per i diversi metodi di procedura. Può includere lo stadio di espansione del canale cervicale, dopo di che gli strumenti affilati vengono inseriti nella cavità d'organo, tagliando le aree o l'intera mucosa. Tale percorso è il più traumatico, anche se fornisce la più grande quantità di informazioni, quindi, è preferito nei casi di sospetta patologia del cancro o iperplasia diffusa diagnosticata con ultrasuoni. Nel secondo caso, la procedura sarà curativa.

Una biopsia puramente diagnostica viene spesso eseguita con metodi delicati che possono essere implementati senza allargare il canale cervicale - la fase più dolorosa dell'intera operazione, che migliora la tollerabilità dello studio nelle donne e riduce il rischio di complicanze.

raschiatura

Il metodo più radicale per la raccolta del tessuto endometriale è il curettage delle curette, una tecnica classica utilizzata da mezzo secolo. Per penetrare nella cavità di un organo, è necessario espandere il collo, per cui speciali dilatatori vengono prelevati dal diametro più piccolo al massimo, il collo viene fissato con una pinza, e quindi il chirurgo rimuove la mucosa con una curette affilata. Il metodo è traumatico, richiede grande attenzione a causa del rischio di danni allo strato basale dell'endometrio e della parete uterina.

Il curettage classico dell'utero è piuttosto doloroso, quindi richiede l'anestesia, l'anestesia generale è considerata ottimale - mascherata o endovenosa. In vista della necessità di anestesia, una donna viene mostrata come una preparazione simile a quella in qualsiasi altra procedura chirurgica (esame, cancellazione di alcuni gruppi di farmaci, rifiuto di cibo e acqua dalla sera prima dell'operazione).

Raschiare l'utero è di solito effettuato con processi iperplastici nella mucosa, gravidanza non in via di sviluppo, sanguinamento prolungato e pesante, sospetto cancro. Rimozione del muco da tutte le pareti dell'organo e l'area degli angoli del tubo in alcuni casi consente non solo di fare una diagnosi accurata, ma anche di rimuovere simultaneamente il processo patologico stesso, cioè, è una procedura medica.

Biopsia di aspirazione

In preparazione per uno studio sull'aspirazione sottovuoto, una donna dovrebbe escludere la vita sessuale, la pulizia e l'uso dei tamponi 3 giorni prima della data della biopsia, e il giorno prima mostra un clistere per pulire l'intestino. In connessione con il rischio di infezione durante la penetrazione nell'utero, è importante in fase di preparazione escludere i processi infiammatori e infettivi nel tratto genitale.

La biopsia di aspirazione può essere eseguita per qualsiasi patologia nell'utero e anche mostrata con dati ecografici discutibili. Come svantaggio, è possibile considerare una minore quantità di aspirato rispetto al curettage, il che rende difficile la diagnosi di una neoplasia maligna, quindi, se si sospetta il cancro, è preferibile effettuare il curettage.

Video: biopsia di aspirazione endometriale

Biopsia del tubo

Una biopsia del tubo assomiglia ad un'aspirazione, ma ha il vantaggio che un tessuto viene prelevato usando un tubo sottile con un diametro di circa 3 mm. Il metodo è a basso impatto, non richiede dilatazione della cervice, praticamente non dà complicazioni.

Una biopsia della tuba può essere eseguita in regime ambulatoriale, in una clinica prenatale, è necessario prepararsi sia per l'aspirazione che per la sua aspirazione. Durante la procedura, il medico posiziona la punta del tubo nell'utero, quindi tira il pistone, separando un piccolo frammento dell'endometrio creando una pressione negativa nella siringa.

La biopsia di Peipel non provoca lesioni alla mucosa, non causa la formazione di una superficie della ferita aperta con rischio di infezione, è praticamente indolore, quindi è preferibile per i pazienti giovani senza bambini, con patologia endometriale, infertilità, per campionamento tissutale per immunoistochimica dei recettori ormonali.

Zug biopsia

La biopsia di ZUG viene eseguita senza dilatazione del canale cervicale, con una piccola curetta speciale, con la quale il chirurgo raschia le cavità strette della mucosa, iniziando dal fondo e alla gola interna dell'utero. Questo tipo di biopsia viene mostrato principalmente per determinare l'efficacia della terapia ormonale, il grado di maturazione dell'endometrio con il livello naturale di ormoni nelle diverse fasi del ciclo, pertanto lo studio può comportare diverse procedure durante un ciclo mestruale.

Una biopsia di ZUG è considerata una procedura sicura ea basso impatto, poiché solo piccole porzioni della mucosa vengono rimosse sotto forma di "ictus". Il contenuto informativo della ricerca è migliorato dal recinto di diverse strisce di muco provenienti da diverse parti del corpo.

Valutazione dei risultati della biopsia

Per un'adeguata valutazione dello stato dell'endometrio, il patologo deve conoscere il più possibile il giorno esatto del ciclo mestruale del paziente, pertanto la data dell'ultima mestruazione è sempre indicata nella direzione dello studio. È anche importante indicare l'età della donna, la natura del trattamento che viene preso (specialmente se si tratta di farmaci ormonali), la diagnosi prevista sulla base dei risultati degli ultrasuoni e di altri metodi di esame.

Decodificare i risultati della biopsia endometriale può mostrare la norma, e quindi il patologo in conclusione indicherà la fase specifica del ciclo e il suo stadio corrispondente al giorno del ciclo mestruale. Questi parametri sono determinati in base alla struttura delle ghiandole, alle caratteristiche dei vasi e allo stroma dell'endometrio.

La patologia che viene più spesso rilevata dalla biopsia è:

  1. Processi iperplastici - semplici o complessi non atipici, così come iperplasia con atipia;
  2. Polipi endometriali con o senza atipia epiteliale;
  3. Tumori maligni;
  4. Processi atrofici (nelle donne anziane - una variante della norma di età);
  5. Infiammazione (acuta o cronica).

I cambiamenti iperplastici sono più spesso diagnosticati in pazienti la cui età si avvicina alla menopausa, poiché durante questo periodo si verificano fluttuazioni degli steroidi sessuali e molti cicli sono di natura anovulatoria. Il carcinoma endometriale si trova in donne giovani e anziane e l'atrofia della mucosa è una variante della normale struttura nel periodo della menopausa.

Uno dei punti chiave nella valutazione delle caratteristiche morfologiche dell'endometrio è l'identificazione o l'esclusione di atipia cellulare, che può indicare un alto rischio di trasformazione maligna. Atypia può essere trovato in aree di endometrio invaso con iperplasia, nei polipi.

La presenza di un processo displastico e un alto rischio di cancro è indicata da un aumento della divisione cellulare con un aumento del loro numero, del polimorfismo dei nuclei e delle cellule epiteliali delle ghiandole endometriali stesse e della comparsa di mitosi patologiche. Nel cancro, le cellule acquisiscono le caratteristiche della malignità (polimorfismo, ipercromia dei nuclei, molte mitosi anormali), foci di necrosi (necrosi), emorragia e tessuto alterato crescono in strutture e vasi sottostanti, che è la base delle metastasi.

La domanda principale a cui spesso deve rispondere il morfologo che studia la biopsia è se esiste un cancro o può essere completamente escluso. Se c'è un tumore, viene indicato il grado di differenziazione (adenocarcinoma altamente differenziato, ad esempio).

La biopsia dell'infertilità viene eseguita non solo per confrontare il quadro morfologico con il giorno del ciclo stabilito dalla data dell'ultima mestruazione, ma anche per la ricerca immunoistochimica dei recettori dell'ormone sessuale, che può dare la possibilità di determinare la genesi dell'infertilità e scegliere il modo di combatterlo.

Gli effetti della biopsia endometriale e le possibili complicanze

Indipendentemente dal modo in cui è stata presa la mucosa, la procedura danneggia inevitabilmente il tessuto, quindi l'emorragia sarà comunque. La loro intensità e durata sono determinate dal metodo di manipolazione.

Dopo aver raschiato, l'emorragia è la più abbondante, spesso dolorosa, ma è ancora più facile rispetto alle normali mestruazioni, poiché la mucosa è quasi completamente rimossa. Lo scarico non dovrebbe contenere grossi grumi, frammenti di figa, non dovrebbero produrre un odore sgradevole, altrimenti la donna dovrebbe consultare nuovamente il medico per escludere l'infiammazione postoperatoria. Se la temperatura aumenta, devi andare dal ginecologo immediatamente.

La prima mestruazione dopo una biopsia arriva in tempo o un po 'più tardi, è più abbondante o più scarsa. Molto spesso, il ritardo si verifica dopo la biopsia del tubo, ma per evitare una gravidanza, si dovrebbe comunque fare un test e andare dal medico.

Se una donna sta pianificando una gravidanza, nel prossimo ciclo puoi contare su di lei. Lo strato funzionale avrà il tempo di recuperare, il lavoro delle ovaie non viene disturbato, quindi l'ovulo fecondato può impiantare in sicurezza l'utero. Tuttavia, gli esperti consigliano di astenersi dal contatto sessuale fino alla completa cessazione delle secrezioni e, nel prossimo ciclo, di essere protetti con metodi di barriera.

Ulteriori azioni del paziente e del medico dipenderanno dai dati dell'analisi morfologica. Se viene diagnosticato un cancro o cambiamenti atipici, la consulenza di un oncologo viene nominata con la possibilità di un secondo intervento chirurgico, ma già radicale. Quando l'infiammazione mostra una terapia antinfiammatoria e antibiotica, i processi disormoni possono richiedere la nomina di ormoni sessuali.

Gli effetti negativi dopo la biopsia sono rari. Molto spesso, i pazienti si lamentano delle irregolarità del ciclo mestruale, delle mestruazioni dolorose, del disagio durante il rapporto sessuale. La complicazione più pericolosa dell'intervento è l'endometrite acuta, che procede con febbre, dolore addominale, sintomi di intossicazione, secrezioni maleodoranti della secrezione. Questa condizione richiede un trattamento immediato con ripetuto curettage dell'utero.

Se vi è infiammazione cronica nel tratto genitale, aborto o aborto per ragioni mediche, gli antibiotici ad ampio spettro sono prescritti per la prevenzione dell'endometria prima dell'operazione.

Per prevenire le complicazioni, le donne dovrebbero osservare il riposo sessuale fino a quando la scarica non si arresta, eseguire attentamente l'igiene degli organi genitali, astenersi dal visitare la piscina, la sauna e il bagno, così come le vasche idromassaggio domestiche.

La biopsia endometriale viene di solito eseguita gratuitamente, nelle cliniche prenatali o in degenza, ma è anche possibile effettuare una diagnosi a pagamento. In media, il prezzo della procedura è di 3-5,5 migliaia di rubli, a seconda delle qualifiche del personale, delle condizioni di soggiorno, del metodo utilizzato e del trattamento aggiuntivo.

Se viene prescritto un esame istologico della mucosa uterina, è impossibile rifiutarlo senza una buona ragione. Il rischio di complicanze in conformità con le raccomandazioni del medico è minimo, ma la quantità di informazioni che possono essere ottenute con una biopsia non è paragonabile a nessun altro metodo non invasivo. Solo una diagnosi accurata aiuterà a prescrivere un trattamento veramente efficace, rimanere incinta, normalizzare la salute o evitare gli effetti di un tumore maligno.