loader
Raccomandato

Principale

Cirrosi

Il cancro al cervello può essere curato?

I tumori al cervello sono un gruppo abbastanza ampio di tumori localizzati all'interno del cranio. Questi includono glioma, meningioma, medulloblastoma, neurinoma, schwannoma, ecc. I tumori cerebrali possono essere benigni e maligni. I tumori di natura benigna sono caratterizzati da una crescita lenta e dalla mancanza di diffusione ad altri tessuti. I tumori maligni tendono a svilupparsi rapidamente e si diffondono al tessuto cerebrale sano. Inoltre, ci sono anche noti tumori secondari, che sono metastasi che penetrano nel cervello a causa di malattie oncologiche di altri organi.

Indipendentemente dal fatto che un tumore cerebrale maligno o benigno sia diagnosticato in un paziente, il trattamento ha principi simili. Entrambi i tumori cerebrali sono trattati con chirurgia, chemioterapia e radioterapia.

Il centro di oncologia dell'Ospedale Yusupov offre trattamenti diagnostici di alta qualità e trattamenti per il cancro del cervello a prezzi convenienti. La clinica è equipaggiata con le più moderne attrezzature per gli studi diagnostici più avanzati necessari per rilevare tempestivamente un tumore al cervello. Il trattamento viene effettuato con l'uso di metodi progressivi di trattamento del cancro, prevenendo lo sviluppo di recidive.

Diagnosi di tumori cerebrali

Il metodo principale utilizzato per identificare i problemi è una radiografia. Tuttavia, questo studio nella diagnosi dei tumori cerebrali è considerato non informativo, pertanto gli specialisti del Centro di Oncologia dell'Ospedale Yusupov preferiscono metodi più efficienti e accurati: la risonanza magnetica (MRI) e la tomografia computerizzata (CT). Inoltre, la tomografia ad emissione di positroni (PET) fa parte di un esame completo per rilevare un tumore al cervello. L'uso di questi metodi diagnostici garantisce la diagnosi corretta, selezionando quindi il programma di trattamento più efficace.

Tumore al cervello: trattamento

Sulla base dei risultati della diagnostica, gli oncologi dell'ospedale Yusupov selezionano un regime terapeutico individuale per ciascun paziente con una diagnosi di tumore al cervello. L'operazione è il gold standard per trattare questa malattia, ma in alcune situazioni si usano metodi meno radicali: la radioterapia o la chemioterapia.

Chirurgia del tumore cerebrale

La rimozione di un tumore al cervello (totale o parziale) mediante chirurgia è il metodo principale per il trattamento del cancro.

Il Centro di Oncologia dell'Ospedale di Yusupov utilizza diversi tipi moderni di trattamento chirurgico:

  • chirurgia stereotassica - questo metodo fornisce l'accesso più accurato alla zona interessata del cervello;
  • lo smistamento - l'installazione di uno shunt (il tubo che collega i vasi e la cavità) aiuta a ripristinare il liquido cerebrospinale spinale, la cui violazione può causare mal di testa, nausea e altri sintomi caratteristici dell'ipertensione spinale;
  • Trattamento HIFU di un tumore al cervello. L'essenza di questo metodo consiste nell'esporre un ultrasuono ad alta potenza al focus patologico, a causa del quale il tumore viene distrutto. Dopo la procedura, vengono rimossi i frammenti rimanenti del tumore.

Il trattamento chirurgico dei tumori cerebrali, di regola, è completato da chemioterapia e radioterapia, dopo di che il paziente ha bisogno di un corso di trattamento riabilitativo, che può essere eseguito presso il centro di riabilitazione dell'Ospedale di Yusupov.

Rimozione di un tumore al cervello: effetti

Qualsiasi intervento chirurgico è accompagnato da cattiva salute dopo di esso. Di regola, i pazienti si lamentano di vertigini, confusione. Questi sintomi sono episodici, che compaiono e scompaiono da soli.

Lo sviluppo di potenziali effetti collaterali dipende da fattori quali:

  • tipo di operazione;
  • localizzazione del tumore;
  • stato neurologico del paziente prima dell'operazione;
  • salute generale del paziente;
  • è stata eseguita la rimozione completa o parziale del tumore;
  • I tessuti sani sono danneggiati durante l'intervento?

I principali possibili effetti indesiderati includono quanto segue:

  • sviluppo di sanguinamento (intra-o postoperatorio), che è accompagnato da cambiamenti neurologici;
  • l'emergenza del dolore - per il loro sollievo, gli specialisti dell'Ospedale Yusupov prescrivono analgesici dell'ultima generazione;
  • sviluppo di edema nell'area dell'incisione (scompare in 2-4 giorni);
  • infezione della ferita - per prevenire lo sviluppo di questa complicanza, ai pazienti vengono prescritti farmaci antibatterici;
  • gonfiore del tessuto cerebrale: viene rimosso assumendo corticosteroidi, uno dei quali è il desametasone - un farmaco ormonale che ha effetto immunomodulatore, antinfiammatorio, antiallergico e stabilizzante della membrana. Il desametasone con un tumore al cervello viene usato come decongestionante per aiutare a ridurre la pressione intracranica;
  • lo sviluppo di disturbi neurologici che impediscono il ripristino della normale funzione neurologica;
  • la comparsa di convulsioni e sindrome convulsiva, che può essere prevenuta con l'assunzione di anticonvulsivanti;
  • formazione di trombi - per ridurre il rischio di coaguli di sangue, gli specialisti dell'ospedale di Yusupov raccomandano di cambiare la posizione del corpo del paziente durante il periodo postoperatorio, sviluppando esercizi speciali per le gambe. Inoltre, il paziente deve smettere di fumare;
  • idrocefalo - nel caso di questa complicanza, il paziente deve sottoporsi a ventricolostomia endoscopica, a un'unità di drenaggio, a un intervento chirurgico di bypass;
  • deflusso di liquido cerebrospinale attraverso un'incisione praticata per l'operazione - viene eseguito un altro intervento per ripristinare la corrente del CSF;
  • divergenza dei bordi delle graffe installate per fissare i bordi della ferita postoperatoria - per evitare questa complicazione, il paziente deve abbandonare l'attività fisica per uno a uno mesi e mezzo dopo l'operazione.

Come trattare un tumore al cervello con la chemioterapia?

La chemioterapia è importante nel trattamento delle formazioni tumorali. Ai pazienti vengono assegnati speciali farmaci citotossici che contribuiscono alla sconfitta di cellule anormali che si moltiplicano rapidamente. Molto spesso, tale trattamento comporta la conduzione di corsi, tra i quali si osservano piccole interruzioni necessarie per ripristinare il corpo.

Di norma, la chemioterapia viene utilizzata dopo l'intervento chirurgico per rimuovere il tumore.

Radioterapia per il cancro al cervello

Uno dei trattamenti più efficaci per la patologia del cancro è la radioterapia. La radioterapia per i tumori cerebrali riduce le dimensioni del tumore in assenza della possibilità della sua completa rimozione.

La base di questo metodo è l'irradiazione dell'area interessata del cervello. Tuttavia, è necessario capire che le radiazioni hanno un effetto disastroso su tutte le cellule del corpo, comprese quelle sane. Ma le cellule anormali sono più sensibili, quindi questo effetto è più pronunciato per loro.

La radioterapia viene utilizzata per trattare tumori sia benigni che maligni. È spesso combinato con il trattamento chirurgico e la chemioterapia.

La radioterapia per i tumori cerebrali può essere fatta in diversi modi:

  • tradizionale - implica l'irradiazione remota, in cui la testa del dispositivo è posizionata ad una certa distanza dalla testa del paziente;
  • brachiterapia: il materiale radioattivo viene impiantato direttamente nel tumore, quindi il tumore viene irradiato dall'interno;
  • con un metodo di irradiazione mirata - viene usato un fascio sottile e sottile di radiazione. Per eseguire questo metodo utilizzato lama gamma e cyber.

Radioterapia cerebrale: effetti

La radioterapia, come altri metodi di trattamento, ha effetti collaterali associati al fatto che anche le cellule sane sono influenzate negativamente dall'esposizione alle radiazioni del cervello. Gli effetti della radioterapia scompaiono quando il paziente si riprende.

Molto spesso, i pazienti si lamentano dei seguenti sintomi:

  • bruciature, macchie e arrossamenti sulla pelle;
  • affaticamento e debolezza;
  • nausea e vomito;
  • perdita di capelli;
  • perdita di appetito.

Uno schema competente di trattamento riabilitativo, selezionato dagli specialisti dell'ospedale Yusupov individualmente per ciascun paziente, fornisce una rapida eliminazione di queste conseguenze negative in breve tempo.

Tumore al cervello: trattamento dei rimedi popolari

Per sapere se un tumore al cervello viene trattato con rimedi popolari, è necessario capire che questo metodo di trattamento può essere utilizzato solo per alleviare ed eliminare i sintomi, ma non per trattare la malattia.

Nell'arsenale della medicina tradizionale ci sono molte ricette a base di rimedi erboristici (vischio, poligono, origano, arnica, trifoglio, equiseto, melissa, menta, timo, ecc.) Che possono essere usati dai pazienti come trattamento aggiuntivo.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che il trattamento di un tumore al cervello senza intervento chirurgico con l'aiuto di vari rimedi popolari dovrebbe essere iniziato dopo una consultazione preliminare obbligatoria con il proprio medico, poiché questo metodo potrebbe non solo essere inutile, ma anche causare danni significativi alla salute del paziente. Solo un oncologo competente può raccomandare ulteriori metodi di trattamento, tenendo conto dell'età del paziente, delle sue condizioni fisiche generali, della posizione e del grado di sviluppo del tumore.

Nutrizione dopo la rimozione di un tumore al cervello

Nel periodo postoperatorio precoce, per prevenire la nausea, che può causare un aumento della pressione intracranica, un sondino nasogastrico viene inserito nello stomaco del paziente attraverso il naso, che è collegato al sacchetto di drenaggio.

Nelle prime ore dopo l'intervento, al paziente può essere somministrata una piccola quantità di acqua. L'attento personale medico del Centro di Oncologia dell'Ospedale di Yusupov monitora le condizioni del paziente, ha avuto qualche problema con la deglutizione, come spesso accade dopo l'intervento chirurgico.

Dopo aver recuperato la capacità del paziente di bere acqua, il tubo nasogastrico viene rimosso. Durante questo periodo, un brodo debole può essere aggiunto alla dieta del paziente.

Una dieta equilibrata e normale per un tumore al cervello è una componente importante del periodo di recupero. Aiuta a ripristinare le cellule sane, a migliorare i processi metabolici, a prevenire l'esaurimento del corpo, indebolirsi dopo una malattia e un trattamento serio. Si raccomanda al paziente di mangiare una grande quantità di verdure fresche e frutta, carboidrati sotto forma di cereali bolliti, legumi e zuppe liquide.

Nel centro di oncologia dell'ospedale Yusupov per i pazienti, tutte le condizioni sono create favorendo il recupero più veloce dopo l'operazione. Fisioterapisti, nutrizionisti e terapisti della riabilitazione della più alta categoria lavorano con i pazienti. Per la comodità dei pazienti, sono dotate di camere confortevoli e viene organizzata una nutrizione completa. Viene fornita l'assistenza 24 ore su 24 di personale medico qualificato.

È possibile porre domande sulle condizioni di ospedalizzazione, sul costo dei servizi forniti e iscriversi per una prima consultazione con il medico del Centro di oncologia chiamando l'ospedale Yusupov o online sul sito Web dei nostri coordinatori.

Gonfiore nel cervello durante il cancro e dopo l'intervento chirurgico

Di regola, la principale malattia dell'edema cerebrale non è - di solito questa manifestazione è nota come un effetto collaterale in varie condizioni patologiche. Tuttavia, le sue conseguenze possono essere violazioni molto più gravi di tutte le funzioni del corpo, la carne alla morte.

Meccanismo di manifestazione

Edema cerebrale - la risposta del corpo a gravi danni che colpisce la microcircolazione del sangue nel corpo. A causa di metabolismo insufficiente, il trasporto di ossigeno è disturbato e, di conseguenza, l'evacuazione di anidride carbonica attraverso le arterie. Altre deviazioni che possono causare malattie sono:

  • disordini del metabolismo di elettroliti, energia e proteine;
  • deviazioni dalla reazione del mezzo sanguigno dalla norma;
  • cambiamenti nella pressione delle proteine ​​plasmatiche o degli elettroliti nel cervello.

A causa della violazione delle funzioni di trasporto, i tessuti si gonfiano, provocando il rilascio di cellule del sangue attraverso le membrane e l'attacco di molecole d'acqua alle proteine ​​del sistema nervoso. Questa condizione può causare la violazione di importanti centri cerebrali come la respirazione e la termoregolazione.

Spesso è difficile stabilire la presenza di questa condizione a causa del suo mascheramento dietro altre manifestazioni sintomatiche. Un gonfiore del cervello è più probabile se le manifestazioni cliniche della malattia non progrediscono e la nevralgia si intensifica.

Secondo la vastità del decorso della malattia si divide in tre tipi: gonfiore locale, diffuso e generalizzato del cervello.

Nel primo caso, c'è una formazione non estesa, che, di norma, copre la parte del cervello interessata da ematoma, tumore o ascesso. L'edema generalizzato si estende all'intera area del cervello. Si manifesta con lesioni cerebrali traumatiche, prolungata mancanza di accesso all'ossigeno (asfissia, annegamento), con intossicazione e significativa perdita di proteine ​​corporee. Il gonfiore diffuso del cervello, di regola, si applica solo a un emisfero

Per origine, ci sono 4 tipi di edema:

  • vasogenico (associato con alterata barriera emato-encefalica, che significa l'ingresso di proteine ​​plasmatiche);
  • citotossico (cambiamento nella regolazione osmotica delle membrane cellulari);
  • ischemico (emorragia);
  • interstiziale (quantità eccessiva di liquido cerebrospinale nel tessuto cerebrale).

Secondo la posizione può distinguere 3 tipi di patologia:

  • gonfiore dei vasi cerebrali;
  • edema cerebrale;
  • gonfiore del tronco cerebrale (il tipo più pericoloso, in quanto blocca le funzioni vitali del corpo).

A seconda dell'aspetto dell'edema, questi tipi di patologia sono diversi:

  • post-operatorio;
  • post-traumatico (derivante da esposizione traumatica);
  • tossico (per qualsiasi intossicazione grave);
  • tumore (in presenza di tumori);
  • infiammatorio;
  • epilettico (causato da epilessia);
  • ischemico (che appare dopo l'emorragia);
  • neuroendocrina.

motivi

Le manifestazioni più comuni di edema includono:

  • lividi, ferite, soffocamento;
  • lesioni che si formano sotto la dura madre senza rompere il cranio;
  • gonfiore;
  • emorragia dopo un ictus;
  • malattie infettive;
  • le allergie;
  • avvelenamento;
  • nei neonati - strangolamento del cordone ombelicale, lesioni alla nascita.

Quasi sempre, l'edema cerebrale si verifica dopo l'intervento chirurgico alla testa e le operazioni con l'anestesia spinale. Anche una significativa perdita di sangue con pressione decrescente può influire sulla condizione.

sintomi

Nelle prime fasi della manifestazione della malattia non è tipico. Spesso la patologia progredisce rapidamente, quindi i sintomi appaiono inaspettatamente.

Il sintomo più importante di edema è il mal di testa insopportabile, che ha un carattere pressante. Si diffonde rapidamente su tutta la testa, quindi è quasi impossibile determinare la posizione iniziale della localizzazione. C'è un'alta pressione intracranica, intorpidimento cervicale e confusione di pensieri. Spesso il dolore è accompagnato da nausea e vomito.

Ci sono più sintomi indicativi e specifici della malattia, che dipendono da quale parte del cervello è stata danneggiata. Quindi, se c'è un deterioramento della vista, allora probabilmente la fonte principale della malattia si trova nell'area dell'analizzatore visivo nel cervello.

I sintomi focali possono anche includere:

  • confusione dell'orientamento spazio-temporale;
  • crampi alle braccia e alle gambe;
  • difficoltà a parlare;
  • violazione della coordinazione e del funzionamento dell'apparato vestibolare;
  • disturbi del linguaggio e improvvisa perdita di coscienza;
  • amnesia;
  • coma.

Se uno qualsiasi dei sintomi si manifesta in una persona che ha precedentemente sofferto di ictus, è necessaria un'assistenza medica di emergenza. Anche su tali manifestazioni dovrebbe prestare attenzione alle persone che hanno avuto lesioni o commozioni cerebrali.

diagnostica

Per la diagnosi accurata della malattia, viene eseguito un complesso di procedure volte alla precisa determinazione della malattia:

  • presa della storia (analisi dei sintomi e dei reclami);
  • analisi delle manifestazioni nevralgiche;
  • esame del fondo dell'occhio per il rigonfiamento del nervo ottico;
  • determinazione della pressione intracranica;
  • RM e tomografia cerebrale.

Pronto soccorso

Il tentativo di alleviare l'edema senza l'aiuto di un medico può essere fatale.

Il primo soccorso per la comparsa di edema cerebrale comporta diverse azioni. In primo luogo, per ridurre lo stress, la testa di una persona è avvolta in impacchi di ghiaccio. Inoltre, vengono iniettati circa 30 ml di glucosio e 15 ml di piracetam, vengono iniettati glucorticoidi e soluzione fisiologica di lasix. Una maschera di ossigeno viene posta sul paziente per fornire al cervello sufficiente accesso alla sostanza.

Dopo l'evento, una persona viene ricoverata in un ospedale: se l'edema cerebrale è di natura traumatica, nel reparto neurochirurgico di un ospedale nevralgico, con gonfiore tossico, il paziente viene ricoverato in ospedale nel reparto di terapia intensiva o nel reparto di tossicologia.

Gonfiore del cervello dopo l'intervento chirurgico

La chirurgia, specialmente con la chirurgia del cervello o del cranio, può causare gonfiore nel cervello dopo l'intervento chirurgico. Il periodo di recupero dopo tali interventi è lungo. Immediatamente dopo l'esecuzione di qualsiasi operazione, il paziente viene posto in un'unità di terapia intensiva neurochirurgica, e quindi dopo la stabilizzazione della condizione viene trasferito in un reparto normale con l'osservanza del riposo a letto.

Il trattamento farmacologico per l'edema viene effettuato sotto la costante supervisione di un medico, poiché dopo l'intervento può esserci ipersensibilità a determinati farmaci. La velocità di recupero dipende dalle ragioni dell'intervento, dalle complicazioni che si presentano durante l'operazione e dal grado di abbandono della malattia.

In assenza di manifestazioni negative, il paziente continua a riprendersi sotto la supervisione di un medico a casa.

Edema cerebrale nel cancro

Spesso, nell'ultimo stadio del cancro, si verifica un gonfiore del tessuto cerebrale che peggiora significativamente la condizione umana. Il gonfiore è spesso la causa diretta della morte nei pazienti, poiché il tumore sposta il tessuto cerebrale sano. Poiché l'organo si trova in uno spazio ristretto, i suoi tessuti vengono schiacciati e, di conseguenza, si verifica una manifestazione edematosa.

La rimozione di un frammento del cranio per ridurre la pressione intracranica può aiutare ad alleviare la condizione, poiché se non per ridurre il carico, il tronco cerebrale può spostarsi verso la parte posteriore della testa, che può essere fatale.

trattamento

In caso di commozioni minori, ci sono casi in cui i sintomi sono passati spontaneamente senza l'intervento dei medici. Le terapie sono trattate dal medico in base alle cause dell'edema e dei suoi sintomi.

Il più delle volte, il trattamento mira a normalizzare l'accesso dell'ossigeno alle parti del cervello interessate. Di solito vengono utilizzati trattamenti preparativi e chirurgici per questo. I seguenti metodi di trattamento sono comunemente usati:

  • l'ossigenoterapia ha lo scopo di migliorare l'apporto di ossigeno al cervello;
  • l'ipotermia è associata ad una diminuzione della temperatura corporea per alleviare manifestazioni edematose;
  • i farmaci vengono selezionati in base alle cause dell'edema;
  • la pressione intracranica abbassa la procedura di ventricolostomia, che comporta il drenaggio del fluido in eccesso attraverso il catetere.

Durante l'operazione, la causa dell'edema può essere identificata ed eliminata. Quindi, se la manifestazione è stata causata da un tumore, viene rimossa chirurgicamente. Se la patologia è stata causata da danni al vaso sanguigno, viene ripristinata.

A volte, con il permesso di un medico, vengono applicati metodi tradizionali di trattamento dell'edema. Ad esempio, con lo sviluppo di tumori aiuta decotto di vischio bianco. Per preparare la soluzione in un bicchiere di latte occorrono circa 3 grammi di fiori della pianta.

La tintura di propoli è efficace nel trattamento della malattia: 10 grammi di alcol per grammo di sostanza. La propoli viene dissolta e quindi la miscela viene filtrata. Utilizzare la soluzione tre volte al giorno prima dei pasti.

Gonfiore del cervello nei bambini

Di norma, il più delle volte l'edema cerebrale nei bambini si verifica a seguito di traumi alla nascita. Ciò che importa è come la gravidanza della madre è proseguita.

Ad esempio, in caso di gravi manifestazioni di tossiemia, può svilupparsi ipossia fetale - mancanza di ossigeno per il feto. Inoltre, il travaglio prolungato, l'aggrovigliamento del bambino nel cordone ombelicale, l'infezione nell'utero e le anomalie cerebrali congenite possono causare il rigonfiamento del cervello in un neonato.

I sintomi della malattia nel neonato:

  • comportamento irrequieto;
  • forte pianto incessante;
  • vomito;
  • aumentare la fontanella.

Il trattamento del bambino deve essere avviato rapidamente, altrimenti la malattia può portare a morte rapida. Di solito in tale terapia, i medici non raccomandano i metodi di trattamento. Il trattamento viene effettuato rimuovendo il fluido in eccesso dal corpo. In alcuni casi, il bambino abbassa la temperatura corporea.

Le conseguenze possono essere varie alterazioni dello sviluppo, come alterazione delle capacità comunicative, motilità, anomalie intellettive, paralisi cerebrale o epilessia. Anche dopo il recupero, è necessario un follow-up a lungo termine con un pediatra.

Previsione e conseguenze

Anche se è stata effettuata una terapia tempestiva. I medici non garantiscono un esito favorevole per il paziente.

A seconda della gravità della lesione, dopo il trattamento possono comparire vari effetti collaterali. Questi includono:

  • patologie del sonno e della veglia;
  • mal di testa;
  • distrazione;
  • anomalie nevralgiche;
  • depressione;
  • deviazioni nella condizione fisica del corpo;
  • disturbi della comunicazione.

Dopo l'intervento, il paziente può anche sperimentare una distorsione asimmetrica del viso, strabismo, dismotilità e manifestazioni di epilessia.

Possibili fattori residui dopo una malattia sono influenzati dalla tempestività e correttezza della terapia iniziata - a causa della pressione edematosa sui centri cerebrali, molti sistemi corporei possono soffrire. Inoltre, nel caso dell'ipossia, si verifica la morte delle cellule neuronali. Ciò può causare il fallimento dei centri di analisi e persino la paralisi dell'intero organismo. In casi critici, c'è un coma.

In assenza di una terapia adeguata, l'edema cerebrale può causare effetti irreversibili che influenzano negativamente il lavoro di tutto il corpo, persino la morte. Ecco perché è importante cercare immediatamente un aiuto medico per evitare problemi quando si presentano i sintomi di una malattia.

Edema cerebrale in metastasi cerebrali

Edema cerebrale

I tumori intracranici e le metastasi si manifestano in una serie di sintomi, come gonfiore del cervello, cefalea, alterazione della coscienza, deficit visivo, segni di danno ai nervi cranici, coordinazione alterata e convulsioni epilettiche. Nei casi gravi, l'edema cerebrale provoca una perdita graduale o rapida di coscienza, patologia unilaterale o bilaterale delle pupille, emiparesi sul lato affetto o insufficienza respiratoria. È possibile sospettare la presenza di metastasi nella fase di raccolta dell'anamnesi o esame fisico. In generale, un progressivo peggioramento dei sintomi neurologici nella storia è più caratteristico delle lesioni metastatiche, mentre l'improvviso sviluppo dell'edema cerebrale è più spesso notato nella patologia dei vasi cerebrali.

Edema cerebrale e diagnosi

La risonanza magnetica viene utilizzata per rilevare le metastasi e per valutare la prevalenza della patologia. Questo metodo è più sensibile della TC e consente di valutare più accuratamente lo stato della fossa cranica posteriore. Tuttavia, a causa della disponibilità, della facilità di elaborazione, di tempi di esame più brevi e di costi relativamente bassi, molte istituzioni utilizzano la TC al posto della risonanza magnetica. Va ricordato che la TC ci consente di stabilire la presenza di edema cerebrale nella maggior parte dei pazienti, ma potrebbe non rivelare alcune lesioni e sottovalutarne la gravità. Se, in presenza di sintomi neurologici persistenti, la TC del cervello non rivela alcuna patologia, deve essere eseguita una risonanza magnetica. In caso di diagnosi tardiva (TC o RM) e valutazione delle radiografie dei dati del cranio o del radionuclide, non vi è alcuna garanzia che i sintomi neurologici saranno eliminati. In presenza di sintomi neurologici focali, mal di testa o disturbi della coscienza, la puntura lombare non può essere eseguita (fino a quando non viene eseguita la TC o la RMN, indicando assenza di tumore, spostamento della linea mediana o aumento della pressione intracranica). Trascurare queste regole durante la puntura lombare può portare a un tronco cerebrale e morte istantanea.

Dopo aver rilevato la patologia, desametasone viene somministrato per via endovenosa a una dose iniziale di 10-20 mg, quindi 6 mg viene somministrato per via endovenosa o orale, 4 volte al giorno. L'efficacia dei glucocorticoidi può essere spiegata dalla patogenesi dell'edema cerebrale: l'invasione delle cellule tumorali porta al rilascio di leucotrieni e altri mediatori solubili. Ciò causa vasodilatazione, aumento della permeabilità capillare e conseguente gonfiore del cervello. Il desametasone inibisce la conversione dell'acido arachidonico in leucotrieni, riducendo la permeabilità vascolare. Inoltre, i glucocorticoidi hanno un effetto stabilizzante diretto sui capillari del cervello. In alcuni casi, l'introduzione di dosi standard di desametasone è inefficace e la gravità dell'edema diminuisce solo con l'introduzione di dosi aumentate (50-100 mg al giorno). A causa del rischio di sanguinamento gastrointestinale e di altri effetti collaterali, le dosi elevate (più di 32 mg al giorno) sono solitamente prescritte per non più di 48-72 ore. Pazienti con grave edema cerebrale, con conseguente aumento della pressione intracranica o di una radice Il cervello prescrive anche mannitolo in una dose di 50-100 g (soluzione al 20-25%) per flebo endovenoso per 30 minuti. Se necessario, il farmaco viene somministrato ogni 6 ore, sotto il controllo della diuresi e della composizione dell'elettrolita ematico. In edema cerebrale grave, viene eseguita l'intubazione, che consente di ridurre la pressione del biossido di carbonio a 25-30 mm Hg. Art. e ridurre la pressione intracranica.

Tumori intracranici

Dopo la stabilizzazione delle condizioni del paziente, vengono prese misure per eliminare la causa dell'edema cerebrale. La radioterapia è considerata il metodo principale di trattamento delle metastasi cerebrali, ma la chirurgia è possibile in pazienti con focolai chirurgicamente accessibili. Se ci sono una o due metastasi al cervello e un decorso controllato del processo del tumore, il trattamento combinato (chirurgia combinata con la radioterapia) può consentire di raggiungere un lungo periodo libero da recidive e aumentare la sopravvivenza globale. Con un numero limitato di piccoli focolai, un'efficacia (efficacia paragonabile a un intervento chirurgico combinato con radiazioni) può essere radiochirurgia stereotassica combinata con irradiazione di un tumore al cervello.

Ci sono altre cause di anomalie dell'edema cerebrale: ematoma subdurale in pazienti con trombocitopenia, ascesso cerebrale, toxoplasmosi o altre malattie infettive in pazienti con funzionalità compromessa del sistema immunitario.

Edema cerebrale: cause e forme, sintomi, trattamento, complicanze e prognosi

L'edema cerebrale (GM) è una condizione patologica che si forma a seguito dell'esposizione a vari fattori che danneggiano il cervello: lesioni traumatiche, compressione da un tumore, penetrazione di un agente infettivo. L'effetto avverso porta rapidamente a un eccessivo accumulo di liquidi, a una maggiore pressione intracranica, che porta allo sviluppo di gravi complicanze, che in assenza di misure terapeutiche di emergenza possono portare alle conseguenze più disastrose per il paziente e i suoi parenti.

Cause di gonfiore GM

Normalmente, la pressione intracranica (ICP) negli adulti è compresa tra 3 e 15 mm. Hg. Art. In certe situazioni, la pressione all'interno del cranio inizia a salire e crea condizioni inadatte al normale funzionamento del sistema nervoso centrale (SNC). Un aumento a breve termine della ICP, che è possibile quando tosse, starnutire, sollevare peso, aumentare la pressione intra-addominale, di regola, non ha il tempo di influenzare negativamente il cervello in un così breve periodo di tempo, quindi, non può causare edema cerebrale.

È un'altra questione se i fattori dannosi per lungo tempo lasciano la loro influenza sulle strutture cerebrali e poi diventano le cause di un persistente aumento della pressione intracranica e la formazione di una tale patologia come il gonfiore del cervello. Pertanto, le cause di gonfiore e compressione del GM possono essere:

    Penetrazione di veleni neurotrofici, infezioni virali e batteriche nella sostanza di GM, che si verificano in caso di avvelenamento o di vari tipi di malattie infettive e infiammatorie (encefalite, meningite, ascessi cerebrali), che può essere una complicazione dell'influenza e processi purulenti localizzati negli organi nelle immediate vicinanze al cervello (mal di gola, otite media, sinusite); Danni alla sostanza del cervello e altre strutture a seguito di un'azione meccanica (lesioni alla testa - TBI, in particolare con fratture della volta o della base del cranio, emorragia e ematomi intracranici); Nei neonati - trauma alla nascita, così come patologia dello sviluppo intrauterino, la cui causa erano le malattie che la madre ha sofferto durante la gravidanza; Le cisti, i tumori primitivi del GM o le metastasi da altri organi che comprimono il tessuto nervoso, interferiscono con il normale flusso del sangue e del liquido cerebrospinale e contribuiscono così all'accumulo di liquidi nei tessuti cerebrali e aumentano l'ICP; Operazioni eseguite sul tessuto cerebrale; Incidente cerebrovascolare acuto (ictus) in infarto ischemico (infarto cerebrale) ed emorragico (emorragico); Reazioni anafilattiche (allergiche); Arrampicata ad alta quota (oltre un km e mezzo) - edema montano in alpinismo; Insufficienza epatica e renale (nella fase di scompenso); Sindrome da astinenza da alcol (avvelenamento da alcol).

Una qualsiasi delle condizioni sopra elencate può causare edema cerebrale, il cui meccanismo di formazione è, in tutti i casi, in linea di principio lo stesso, e l'unica differenza è che l'edema colpisce solo una singola area o si estende a tutta la materia cerebrale.

Lo scenario pesante dello sviluppo di OGM con trasformazione in gonfiore cerebrale minaccia la morte del paziente e assomiglia a questo: ogni cellula del tessuto nervoso è piena di liquido e si estende fino a dimensioni senza precedenti, l'intero cervello aumenta di volume. In definitiva, il cervello limitato al cranio non si adatta allo spazio previsto (gonfiore del cervello) - esercita una pressione sulle ossa del cranio, che lo fa spremere, poiché il cranio solido non ha la capacità di allungarsi parallelamente all'aumento del tessuto cerebrale, che fa sì che quest'ultimo infortunio (compressione del GM). Allo stesso tempo, la pressione intracranica aumenta naturalmente, il flusso sanguigno è disturbato e i processi metabolici sono rallentati. L'edema cerebrale si sviluppa rapidamente e senza un intervento urgente dei farmaci e, a volte, la chirurgia, può tornare alla normalità solo in alcuni casi (non gravi), ad esempio quando si sale ad un'altezza.

Tipi di edema cerebrale derivanti da cause

Aumento della pressione intracranica a causa di ematoma

A seconda delle ragioni per l'accumulo di liquido nel tessuto cerebrale, si forma uno o un altro tipo di edema.

La forma più comune di gonfiore del cervello è vasogenica. Deriva da una disfunzione della funzionalità della barriera emato-encefalica. Questo tipo si forma aumentando la dimensione della sostanza bianca - con TBI, tale edema è già in grado di dichiararsi prima della scadenza del primo giorno. I luoghi preferiti per l'accumulo di liquidi sono i tessuti nervosi, i tumori circostanti, le aree operative e i processi infiammatori, l'ischemia, i siti di traumi. Tale edema può rapidamente trasformarsi in compressione GM.

La ragione per la formazione di edema citotossico sono spesso tali condizioni patologiche come ipossia (monossido di carbonio, per esempio), l'ischemia (infarto cerebrale) che si verificano a causa di occlusione dei vasi cerebrali, intossicazione, che si sviluppa a seguito di ingestione di globuli rossi riducono (eritrociti) sostanze (veleni emolitiche), come pure altri composti chimici. edema cerebrale in questo caso è dovuto principalmente alla sostanza grigia GM.

La variante osmotica dell'edema cerebrale deriva dall'aumentata osmolarità del tessuto nervoso, la cui causa potrebbe essere rappresentata dalle seguenti circostanze:

Affogando nelle acque dolci; Encefalopatia, che si sviluppa sulla base di disordini metabolici (metabolica e.); Procedura di purificazione del sangue errata (emodialisi); Sete inestinguibile, che solo per un breve periodo può essere soddisfatta con una quantità innaturalmente enorme di acqua (polidipsia); Un aumento di BCC (volume ematico circolante) - ipervolemia.

Tipo interstiziale di edema - la sua causa è la penetrazione del fluido attraverso le pareti dei ventricoli (laterali) nel tessuto circostante.

Inoltre, a seconda della scala della diffusione di edema, la patologia è diviso in locale e generalizzato. Locale OGM accumulo limitato di liquido su una piccola area di sostanza cerebrale non è quindi un rischio per la salute del sistema nervoso centrale, come il cervello generalizzata rigonfiamento quando il processo ha coinvolto entrambi gli emisferi.

Video: conferenza sulle opzioni di edema cerebrale

Come può manifestarsi l'accumulo di fluido nel tessuto cerebrale

Probabilmente il più tipico, anche se non è una caratteristica specifica che caratterizza il grado di accumulo di liquido nella materia del cervello, è un forte mal di testa, che spesso non viene rimosso quasi nessun analgesici (e se rimosso, è solo per un breve periodo di tempo). Tali sintomi dovrebbero apparire particolarmente sospettosi se il recente c'è stato un trauma cranico e mal di testa accompagnato da nausea con vomito (anche sintomi tipici di lesioni cerebrali traumatiche).

Quindi, i sintomi dell'OGM sono facili da riconoscere, specialmente se ci sono dei prerequisiti per questo (vedi sopra):

    Intenso mal di testa, vertigini, nausea, vomito; Distrazione, attenzione ridotta, incapacità di concentrazione, dimenticanza, diminuzione delle capacità comunicative (individuali) di percepire le informazioni; Disturbi del sonno (insonnia o sonnolenza); Fatica, diminuzione dell'attività fisica, costante desiderio di sdraiarsi e astrarre dal mondo esterno; Depressione, stato di depressione ("non bella luce bianca"); Compromissione visiva (strabismo, bulbi oculari fluttuanti), disordine di orientamento nello spazio e nel tempo; Incertezza nel movimento, cambiamento nell'andatura; Discorso e difficoltà di contatto; Paralisi e paresi degli arti; La comparsa di segni meningei; Abbassare la pressione sanguigna; Disturbo del ritmo cardiaco; Le convulsioni sono possibili; Nei casi più gravi: annebbiamento della coscienza, disturbi dell'attività respiratoria e cardiaca, coma.

Quando il cervello gonfiore e la mancanza di un adeguato trattamento del paziente possono aspettarsi le conseguenze più deplorevoli - il paziente può cadere in uno stato di torpore, e poi in coma, che è abbastanza alta probabilità di insufficienza respiratoria e, di conseguenza, la perdita della vita di conseguenza.

Va notato che in ogni periodo di progressione di aumento della pressione intracranica (sviluppo di ipertensione endocranica) viene attivato un certo meccanismo di protezione. Le capacità del complesso dei meccanismi compensatori sono determinate dalla capacità di adattarsi all'accumulo di fluido nel sistema craniospinale e all'aumento del volume cerebrale.

Diagnosi e identificazione delle cause di edema e gonfiore del cervello, così come il grado di pericolo per il paziente per mezzo di esame neurologico, analisi del sangue biochimica e metodi strumentali (in pratica, ogni speranza per la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata e di laboratorio).

Come recuperare?

edema cerebrale, che si è formata presso lo scalatore a causa del desiderio di prendere l'altezza più veloce, o accumulo di fluido in una sezione separata GM (edema locale) derivante per altri motivi, non può richiedere un trattamento in ospedale e andare per 2-3 giorni. Tuttavia, una persona è particolarmente attiva OGM prevenire i sintomi, che sarà ancora presente (cefalea, vertigini, nausea). In una tale situazione pochi giorni dovranno sdraiarsi e bere Rapporti compresse (diuretici, analgesici, antiemetici). Ma nei casi più gravi, il trattamento non può essere limitato anche dai metodi conservativi - a volte richiedono un intervento chirurgico.

Per il trattamento dell'edema cerebrale da metodi conservativi usare:

Diuretici osmotici (mannitolo) e diuretici dell'ansa (lasix, furosemide); Terapia ormonale, in cui i corticosteroidi (ad esempio il desametasone) impediscono l'espansione della zona edema. Nel frattempo, va tenuto presente che gli ormoni sono efficaci solo nel caso di danni locali, ma non aiutano con una forma generalizzata; Anticonvulsivi (barbiturici); I farmaci che sopprimono l'eccitazione, hanno un rilassante muscolare, sedativi e altri effetti (diazepam, Relanium); Vascolare significa migliorare l'apporto di sangue e la nutrizione del cervello (trental, carillon); Inibitori di enzimi proteolitici che riducono la permeabilità delle pareti vascolari (contrykal, acido aminocaproico); Farmaci che normalizzano i processi metabolici nel GM (nootropics - piracetam, nootropil, cerebrolysin); Ossigenoterapia (trattamento con ossigeno).

Con insufficiente efficacia della terapia conservativa, il paziente, a seconda della forma di edema, viene eseguito Intervento chirurgico:

    Ventricolostomia, che è una piccola operazione, che consiste nel prendere il liquido cerebrospinale dai ventricoli del GM con una cannula e un catetere; Trepanation del cranio, che è prodotto con tumori ed ematomi (elimina la causa di OGM).

Resta inteso che per tale trattamento, dove non esclude l'intervento chirurgico, il paziente è un ricovero obbligatorio. Nei casi più gravi, i pazienti generalmente devono essere trattati in terapia intensiva, come può essere necessario per mantenere le funzioni di base del corpo con l'ausilio di attrezzature speciali, per esempio, se una persona non può respirare autonomamente, sarà collegato ad un ventilatore (ventilazione meccanica).

Quali potrebbero essere le conseguenze?

All'inizio dello sviluppo del processo patologico di parlare di previsione prematuramente - dipende dal motivo per la formazione di edema, il tipo, la posizione, la velocità di progressione, la condizione generale del paziente, l'efficacia delle misure terapeutiche (o chirurgici) e, eventualmente, di altre circostanze che immediatamente possono essere difficili da notare. Nel frattempo, lo sviluppo OGM può andare in direzioni diverse, e questa previsione, e quindi le conseguenze dipenderà.

Nessuna conseguenza

Data la relativamente piccola danni locali o edema GM e terapia efficace del processo della malattia può lasciare conseguenze. Tale possibilità ha i giovani, in buona salute che non sono gravati da patologie croniche, ma per caso o di propria iniziativa ha ricevuto trauma cranico minore, che è stato complicato da gonfiore, e prendere l'alcool in grandi dosi o altri veleni neurotropi.

Possibile gruppo di disabilità

Edema GM media entità, che si è evoluto in seguito a trauma cranico o infiammazione infettiva (meningite, encefalite), ed è stata prontamente eliminato con metodi conservativi o interventi chirurgici trovi prognosi è abbastanza favorevole, in quanto il trattamento di sintomi neurologici spesso assenti, ma talvolta un terreno per un gruppo di disabili. Le conseguenze più comuni della OGM possono essere considerati mal di testa ricorrenti, stanchezza, depressione, convulsioni.

Quando la previsione è estremamente seria

Le conseguenze più terribili attendono il paziente con gonfiore e compressione del cervello. Qui la previsione è seria. Lo spostamento delle strutture cerebrali (dislocazione) porta spesso alla cessazione dell'attività respiratoria e cardiaca, cioè alla morte del paziente.

OGM nei neonati

Nella maggior parte dei casi, una patologia simile nei neonati viene registrata, come risultato del trauma della nascita. L'accumulo di liquidi e un aumento nel cervello del volume porta ad un aumento della pressione intracranica e, quindi, al gonfiore del cervello. L'esito della malattia e la sua prognosi dipendono non solo dalla dimensione della lesione e dalla gravità della condizione, ma anche dall'efficienza dei medici nel fornire assistenza medica, che dovrebbe essere urgente ed efficace. Il lettore può trovare una descrizione più dettagliata delle lesioni alla nascita e delle loro conseguenze nel materiale sulle lesioni cerebrali traumatiche in generale. Tuttavia, qui vorrei soffermarmi un po 'su altri fattori che formano la patologia come OGM:

Processi tumorali; Ipossia (fame di ossigeno); Malattie del cervello e delle sue membrane di natura infettiva-infiammatoria (meningite, encefalite, ascesso); Infezioni intrauterine (toxoplasmosi, citomegalovirus, ecc.); Gestazione tardiva durante la gravidanza; Emorragie ed ematomi

L'edema cerebrale nei neonati è diviso in:

    Regionale (locale), che riguarda solo una parte specifica del GM; OGM comune (generalizzato), che si sviluppa a seguito di annegamento, asfissia, intossicazione e intacca l'intero cervello.

I sintomi di aumento della pressione intracranica nei bambini dei primi mesi di vita è determinato da tali complicazioni come una violazione del midollo allungato, responsabile per la termoregolazione, la funzione respiratoria e la funzione cardiaca. Naturalmente, questi sistemi l'esperienza del dolore, in primo luogo, che i segni manifesti di disagio come febbre, quasi continuo pianto, ansia, vomito persistente, sporgenti fontanella, convulsioni. Qual è la cosa peggiore - questa patologia in questo periodo a causa di insufficienza respiratoria può facilmente portare alla morte improvvisa di un bambino.

Le conseguenze dell'ipertensione endocranica trasferita possono ricordare se stesse mentre il bambino cresce e si sviluppa:

Frequenti condizioni sincopali (svenimento); Sindrome convulsiva, epilessia; Aumento dell'eccitabilità del sistema nervoso; Crescita ritardata e sviluppo mentale (memoria alterata e attenzione, ritardo mentale); Paralisi cerebrale (paralisi cerebrale); Conseguenze della leucomalacia rilevate nei neonati (danno cerebrale causato da ischemia e ipossia), se accompagnate da gonfiore del cervello.

Il gonfiore del cervello nei neonati con diuretici, che favoriscono la rimozione dei liquidi indesiderati, i corticosteroidi che inibiscono l'ulteriore sviluppo di edema, i farmaci anticonvulsivanti, gli agenti vascolari e gli angioprotettori, che migliorano la circolazione cerebrale e rafforzano le pareti vascolari, vengono curati.

Infine, ancora una volta voglio ricordare al lettore che l'approccio al trattamento di qualsiasi patologia nei neonati, negli adolescenti e negli adulti, di regola, varia in modo significativo, quindi è meglio affidare una cosa del genere a uno specialista competente. Se negli adulti un piccolo edema cerebrale locale può a volte passare da solo, allora non vale la pena sperare nei neonati, nei neonati dei primi giorni di vita a causa dell'imperfezione del sistema craniospinale, l'edema cerebrale differisce in modo fulminante e può dare molto poco triste risultato. Nei bambini piccoli, è sempre una condizione che richiede cure urgenti e altamente qualificate. E prima arriva, più favorevole è la prognosi, maggiore è la speranza di una piena guarigione.

Attacchi in un tumore cerebrale canceroso: cos'è, cosa sono?

Un tumore al cervello può verificarsi a qualsiasi età e in qualsiasi parte del cervello. È formato come risultato della divisione cellulare incontrollata delle cellule del tessuto cerebrale, delle meningi e dei nervi cranici. Tra i tumori cerebrali si distinguono il primario e il metastatico.

Metastasi cerebrali multiple

Più spesso, i sintomi del cancro al cervello sono preoccupati sotto forma di convulsioni, che aumentano notevolmente nel corso di diversi mesi e persino anni. Meno comunemente, un tumore può manifestarsi sotto forma di un attacco acuto - un ictus. Tale è osservato quando l'emorragia nel tumore o la compressione della nave arteriosa.

Malattia da ictus

Nel cancro al cervello raramente, ma c'è un improvviso insorgere di sintomi neurologici, che è causato da emorragia o insufficiente apporto di sangue a causa della compressione dei vasi arteriosi. Con un'attenta discussione del paziente, si può scoprire che molto prima dell'attacco alcuni sintomi del tumore erano già stati notati, di norma, è gradualmente crescente mal di testa mattutino, crampi parossistici negli arti, spasmi della testa. Ma l'uomo non prestò loro attenzione, accusato di stanchezza, età e altre malattie.

L'emorragia nel tumore può essere la prima manifestazione luminosa del cancro, è il 5% di tutte le emorragie non traumatiche intracraniche. Il decorso dell'emorragia è più caratteristico dei tumori cerebrali con un alto livello di malignità. La clinica è composta dai sintomi del cancro al cervello stesso e dai segni di disturbi circolatori acuti.

In alcuni casi, i sintomi dell'emorragia e dell'ictus vengono alla ribalta, mentre la neoplasia maligna passa inosservata.

Negli anziani, i disturbi circolatori acuti sono spesso presi come conseguenza dell'aterosclerosi dei vasi della testa e dell'ipertensione, il che aggrava la prognosi della salute umana e della vita.

Sintomi di parossistica

Il mal di testa è uno dei primi sintomi di un tumore al cervello.

Segni di un tumore maligno, che può essere disturbato sotto forma di convulsioni:

  • Il mal di testa è il sintomo principale. Appare a causa di un aumento della pressione intracranica, del sangue e dei disturbi della circolazione del liquido cerebrospinale nel cervello. All'inizio del dolore, si trovano in un luogo specifico e sono causati dall'irritazione della dura madre. Nel 35% dei casi, il mal di testa è il primo sintomo della malattia, nel 70-80% dei casi, i pazienti sono ulteriormente preoccupati.

Nel cancro del cervello, il dolore può persistere costantemente o in modo parossistico, essere localizzato in un posto o essere diffuso. Più spesso, i parossismi di mal di testa compaiono improvvisamente quando la posizione verticale del corpo cambia in quella orizzontale, quando tossiscono, starnutiscono, tendono, aumentano con lo sforzo fisico, l'accovacciamento, la flessione, la tensione dei muscoli addominali, se una persona è nervosa, è in uno stato di stress. Dovrebbe essere allarmante se il dolore è più preoccupato dopo una notte di sonno e si abbassa durante il giorno, se aumenta gradualmente, accompagnato da vomito.

Simultaneamente con un mal di testa, ci possono essere disabilità visive, perdita della vista in uno o entrambi gli occhi, una spaccatura negli occhi. Una persona può perdere l'udito e talvolta si possono notare vertigini.

  • Vomito. Appare sempre sullo sfondo di mal di testa al mattino a stomaco vuoto, mentre il vomito non porta sollievo. Il suo aspetto è spiegato dall'aumento della pressione intracranica e dall'accumulo di tossine, che irrita fortemente il centro emetico. Le tossine causano affaticamento, sonnolenza e debolezza. Il vomito in stadio iniziale è più caratteristico del cancro del quarto ventricolo, del midollo allungato e del verme cerebellare.
  • Vertigini. Sono manifestati da parossismi, compaiono improvvisamente quando la posizione del corpo cambia a seguito di una caduta della pressione intracranica o della pressione di un tumore sull'apparato vestibolare, nella loro posizione relativa stretta.

Le vertigini si verificano sotto forma di convulsioni.

  • Convulsioni epilettiche. Sono il primo segno di cancro al cervello in un terzo dei pazienti, almeno un sequestro durante la malattia è stato osservato nel 60% dei pazienti. Le convulsioni sono caratteristiche dell'inizio di un tumore a crescita lenta, possono verificarsi quando il tumore si trova vicino alla corteccia, nei meningiomi, nel gonfiore del cervello, nelle metastasi cerebrali e in presenza di anomalie vascolari.

Le convulsioni sorgono senza motivo e improvvisamente, si verificano sotto forma di movimenti anormali negli arti con compromissione della coscienza. Il movimento degli arti è incontrollabile, può durare un paio di minuti. A volte i crampi agli arti possono non essere accompagnati da perdita di coscienza.

  • Disturbi mentali Nel 15-20% dei pazienti, i primi segni di malattia sono caratterizzati da attacchi di disturbo mentale e di personalità temporaneo:
    • perdita di memoria;
    • dubbio e difficoltà nel rispondere a domande semplici;
    • a volte una persona malata è difficile da concentrare, diventa dispersa e non raccolta, può dimenticare ciò che ha dovuto fare;
    • ci sono problemi con il ragionamento, una persona non è in grado di esprimere i suoi pensieri;
    • inizia a dormire molto;
    • il paziente non può navigare nel tempo e nello spazio;
    • i parenti notano i suoi frequenti attacchi di aggressività o apatia, che possono sostituirsi a vicenda;
    • i disordini emotivi sono annotati;
    • può cambiare il comportamento del paziente nel comunicare con altre persone.

I disturbi mentali non sono tra le principali manifestazioni dei tumori cerebrali.

Non è la presenza di questi sintomi che dovrebbe essere allarmante, ma la regolarità del loro aspetto con mal di testa, crisi epilettiche, il fatto che con il tempo cominciano ad apparire più spesso.

Il meccanismo del loro sviluppo

I sintomi di un tumore possono svilupparsi in modo incrementale, disturbando costantemente, non permettendo al paziente di dimenticare la terribile diagnosi. Tuttavia, più spesso, specialmente all'inizio della malattia, non appaiono costantemente, parossismi. Si scopre questo per i seguenti motivi: il tumore può essere localizzato in un posto tale che fino a quando raggiunge una certa dimensione, non può portare ansia al suo proprietario. Tuttavia, questa è una formazione volumetrica già esistente, che in certe posizioni del corpo è in grado di spremere le strutture del cervello. Quando le arterie vengono schiacciate, il flusso sanguigno si interrompe temporaneamente, mentre le vene vengono schiacciate, il sangue venoso defluisce, la compressione di altre strutture può produrre sintomi neurologici focali.

I sintomi possono comparire dopo una notte di sonno, quando il paziente era in posizione orizzontale per un lungo periodo e improvvisamente si alza bruscamente, dopo starnuti, tosse, movimenti improvvisi - le fluttuazioni della pressione intracranica aumentata già esistente portano allo sviluppo dei sintomi della malattia. L'emergere di crisi di mal di testa può essere spiegato dal seguente meccanismo: di notte, il deflusso venoso dalla cavità cranica è ostacolato, la circolazione del liquore è disturbata, che provoca dolore al mattino. Quando il corpo assume una posizione eretta, il flusso di sangue aumenta, la pressione intracranica diminuisce e il dolore diminuisce.

Il più delle volte, la testa con tumori cerebrali inizia a far male di notte e nelle prime ore del mattino.

Vampate di calore a seconda della posizione del tumore

Più spesso la sintomatologia parossistica è caratterizzata da cancro del lobo temporale. Le convulsioni possono essere semplici - sotto forma di allucinazioni olfattive o di gusto, periodi di rabbia e piacere. Con un decorso più complesso della malattia si verifica sotto forma di crisi epilettiche, disturbi comportamentali, disturbi complessi della parola, della scrittura e del conteggio.

Per il cancro, situato nel terzo ventricolo, caratterizzato dall'insorgenza di forti mal di testa, vomito, svenimento, grave debolezza delle gambe con caduta a terra. Meccanismo: durante lo sforzo o la modifica della postura, può verificarsi un'ostruzione delle vie di conduzione del liquido, che è caratterizzata dall'aspetto dei sintomi elencati. Di regola, compaiono quando il tumore raggiunge dimensioni sufficientemente grandi.

Non ignorare alcun segno sospetto di cattiva salute. Cerca sempre l'aiuto di un medico, perché con qualsiasi lamentela del paziente, il medico deve prima escluderlo da una neoplasia maligna.