loader
Raccomandato

Principale

Teratoma

Il decorso clinico e le complicanze del cancro gastrico

Il decorso clinico del cancro gastrico è molto vario e ha molte caratteristiche. Il decorso del cancro gastrico è principalmente influenzato da 3 fattori: 1) la natura della crescita e della diffusione del tumore; 2) il grado di disturbi funzionali causati dal tumore e 3) le complicanze associate.

Le forme endofitali-ulcerative sono caratterizzate da una rapida crescita. Le forme di cancro endofitiche e polipoidi si sviluppano più lentamente e fluiscono più a lungo. Comparativamente lenti e ingannevolmente favorevoli (nel senso di violazioni generali apparentemente evidenti) nel corso sono forme di skirrose, anche se a volte effettivamente interessano l'intero stomaco. La prognosi postoperatoria per loro è molto sfavorevole; La generalizzazione metastatica del processo si sta sviluppando rapidamente a causa della crescita energetica infiltrante degli elementi tumorali del tumore.

Un disturbo alimentare pronunciato è causato da tumori situati all'ingresso dello stomaco e all'uscita da esso, ma allo stesso tempo essi stessi sono distinti da un decorso lento.

I giovani pazienti hanno un rapido decorso del cancro gastrico e le metastasi sono più comuni in questi pazienti rispetto ai pazienti più anziani.

Nel nostro paese, è consuetudine distinguere 4 fasi del decorso clinico del cancro gastrico. La loro caratteristica è la seguente:

Fase I È caratterizzato dai seguenti sintomi: un tumore di diametro non superiore a 2 cm, la sua germinazione solo nella mucosa gastrica e l'assenza di metastasi visibili.

Fase II La dimensione del tumore in un diametro di 4-5 cm; il tumore invade lo strato sottomucoso o anche i muscoli dello stomaco; ci sono metastasi nei nodi regionali più vicini e vi è un'incipiente germinazione del tumore negli organi più vicini, che contribuisce alla saldatura dello stomaco con loro. Le complicazioni del tumore in questa fase non sono comuni.

Fase III. Il tumore germinano lo strato subserosale o la sierosa dello stomaco, gli organi e i tessuti adiacenti, non è molto mobile. Ciò rivela una tendenza allo sviluppo di un conglomerato di organi e tessuti. La dimensione del tumore aumenta, c'è una tendenza alla sua disintegrazione. Le metastasi afferrano i nodi III e IV dei collettori del bacino linfatico dello stomaco. In questa fase, ci sono numerose complicazioni.

La fase IV è definitiva. Ci sono lesioni estese o totali dello stomaco con la transizione agli organi vicini, metastasi a distanza nei linfonodi (collo), nel sistema scheletrico, nei polmoni. Come risultato della germinazione delle metastasi, si sviluppa l'infiltrazione del cancro e si verifica la completa immobilità del cancro di questo organo.
La determinazione finale dello stadio della malattia diventa spesso possibile dopo uno studio dettagliato della preparazione dello stomaco rimosso e un esame istologico delle sue pareti e dei linfonodi rimossi da esso.

Il decorso del cancro gastrico cambia spesso a seconda delle metastasi, del sanguinamento, dell'anemia, della perforazione, della germinazione del cancro negli organi adiacenti e dell'occorrenza di processi infettivi concomitanti.

Le metastasi nel cancro gastrico sono caratterizzate dalla molteplicità e diversità delle loro dimensioni. Le metastasi si diffondono più spesso attraverso il sistema linfatico, meno spesso attraverso i vasi sanguigni; metastasi si verificano impiantando cellule tumorali cancerose.

Il sanguinamento nel cancro gastrico può essere abbondante se il tumore è localizzato sulla curvatura minore vicino a grandi rami vascolari o quando cresce in organi ricchi di vasi sanguigni. Nel cancro dello stomaco è spesso profuso vomito sanguinante. Con il collasso superficiale di un cancro, c'è spesso sanguinamento "nascosto", determinato dalla reazione di Gregersen. Più spesso c'è sanguinamento nel lume dello stomaco, ma in presenza di metastasi o perforazione del tumore, può verificarsi anche nella cavità addominale libera. A causa di perdita di sangue, malnutrizione e disordini metabolici nel cancro gastrico, si sviluppa progressiva anemia sideropenica.

Nel caso di perforazione di un cancro gastrico nella cavità addominale libera, si presenta un'immagine di "addome acuto", la stessa di una perforazione di un'ulcera allo stomaco, ma è più difficile da riconoscere. La perforazione del cancro gastrico nel colon con la presenza di fistola gastrointestinale fu descritta per la prima volta da Haller (1751). Sono descritti casi di perforazione del cancro gastrico nella cistifellea, nella parte verticale del duodeno, nella cavità pleurica, ecc.

La perforazione del cancro gastrico è principalmente associata allo sviluppo della necrosi tumorale, allo sviluppo del processo infiammatorio, alla trombosi purulenta dei vasi tumorali e alla linfangite infiammatoria.

La germinazione del cancro gastrico negli organi adiacenti a volte porta alla formazione di un conglomerato tumorale che comprende diversi organi. Nel decorso clinico della malattia, questo si manifesta con forti dolori alla schiena durante la germinazione nel pancreas o nella radice del mesentere. La germinazione del cancro gastrico nel mesentere del colon trasverso si manifesta con gonfiore progressivo, restrizione dello spostamento del tumore, aumento del dolore durante la palpazione, risposta della temperatura corporea. La germinazione del cancro allo stomaco nella parete addominale può simulare l'infiltrazione o la cellulite. Spesso la metastasi del cancro si trova nella lig. torce l'epatite, e attraverso di essa cattura l'ombelico della pelle.

Esistono tre tipi di germinazione del cancro gastrico:
a) adesioni peritoneali filamentose o membranose o aderenze planari contenenti elementi cancerogeni;
b) la germinazione del cancro con lo sviluppo dell'infiltrazione infiammatoria, dando l'impressione che il tumore sia già germogliato nell'organo adiacente;
c) vera germinazione del cancro, più spesso negli organi tubulari o parenchimali, quando si verifica l'infiltrazione dei tessuti circostanti, che cambia notevolmente la crescita e il decorso del cancro.

Quando un'ulcera cancerosa dello stomaco si rompe, appare come una complicazione, infiltrazione infiammatoria della parete dell'organo, che scorre spesso latente, causando aumenti di temperatura a breve termine, difficili da spiegare, con un cambiamento nella formula dei leucociti, accelerazione della VES, comparsa di estremità inspiegabili a prima vista, danni ai polmoni sotto forma di polmonite. A causa dell'alimentazione inadeguata di un tumore canceroso, i processi suppurativi in ​​essa contenuti sotto forma di linfangite, cellulite, tromboflebite nel tumore stesso e nei tessuti e negli organi circostanti sono frequenti.

Il cancro di disintegrazione dell'ulcera allo stomaco si presenta spesso con sintomi severi comuni e intossicazione. La base di questo è l'effetto della flora microbica putrefattiva. Con la trombosi o la compressione dell'arteria basilare si può verificare la necrosi della parete dello stomaco, che può essere superficiale, profonda, sequestrante (con la sconfitta del vaso principale) e ascesso quando il focolaio purulento-supplente si verifica nel tumore stesso. Tutto ciò porta allo sviluppo di febbre prolungata, e talvolta uno stato settico e metastasi purulente nei polmoni, nei reni e in altri organi.

Spesso, con il cancro allo stomaco, si può formare un flemmone della sua parete con un decorso acuto o, viceversa, molto lento. In futuro, la perforazione e la peritonite acuta possono manifestarsi inaspettatamente, meno spesso sanguinamento o formazione di ascessi con localizzazione molto diversa.

Quali sono le complicanze del cancro gastrico?

Le malattie oncologiche degli organi interni si distinguono per la gravità dei sintomi e la rapida progressione nelle fasi finali in assenza di trattamento tempestivo.

Inoltre, sono caratterizzati da diagnosi troppo tardi, che determina la previsione non sempre ottimistica per il recupero. Circa una di queste malattie, così come le complicazioni ad essa associate, saranno discusse in questo articolo.

A proposito della malattia

Il cancro allo stomaco è una neoplasia maligna della natura di origine, che si trasforma dalle cellule delle mucose dell'organo.

È considerata una delle più comuni patologie tumorali. Inizia con la comparsa della compattazione, che viene poi formata in un nodo tumorale, distruggendo lentamente le cellule vicine e crescendo in tessuti che circondano l'anomalia.

Con il progredire del tumore oncologico maligno, lo sviluppo di complicanze di vario grado di gravità è inevitabile - dal portare il disagio a una minaccia diretta alla vita del paziente. Nella maggior parte dei casi, non è possibile affrontarli da soli, e prima vengono fornite le cure mediche, minori sono le conseguenze.

Ecco perché è estremamente importante capire quali sono queste complicazioni e come si manifestano in un paziente con cancro dello stomaco, una persona.

emorragia

Il termine "sanguinamento" nella pratica medica è inteso come la rottura frammentaria del sangue che si verifica a causa del danno alle pareti vascolari del sistema nel lume gastrico.

Il fenomeno provoca un effetto negativo espulso dal dipartimento, il fluido che, lavando il tumore, ha un effetto irritante su di esso.

Inoltre, il sanguinamento può essere causato dai prodotti di decadimento dell'educazione, che è caratteristico della forma avanzata della malattia, quando l'anomalia è troppo grande e il suo comportamento è incontrollabile. In una tale situazione, quasi l'intero rivestimento interno dell'organo è affetto da cellule cancerose.

Nelle fasi finali della malattia, questa complicazione è irta di vomito, quando le sue masse si mescolano a coaguli di sangue.

Quasi sempre il paziente sente l'impulso di defecare e le feci cambiano colore e consistenza - la ragione di ciò - la rimozione dei frammenti del collasso del tumore.

Il sanguinamento viene fermato solo da un'équipe medica speciale di ambulanze, seguita dall'ospedalizzazione del paziente alla clinica dove sarà determinato un ulteriore trattamento. A seconda del quadro clinico del decorso della malattia, può essere sia medico che chirurgico.

Perforazione del tumore

I medici spesso chiamano questa perforazione del tumore di complicanza. Appare come segue.

Un foro si forma gradualmente nella parete dello stomaco, che è di natura passante e apre completamente la cavità del peritoneo. Una volta in questa zona, il succo gastrico provoca un'ustione locale dei tessuti e inizia una forte infiammazione, non solo di loro, ma anche delle regioni che circondano il luogo.

La perforazione dell'educazione è irta di forti dolori. Il dolore è acuto, locale. I muscoli dell'organo si induriscono e la palpazione della zona infiammata causa intollerabilità, sensazioni. Associata con secchezza della mucosa orale, nausea e riflesso di vomito imprevedibile.

La perforazione del tumore di solito si sviluppa nella terza fase della malattia e richiede, ai primi segni della sua manifestazione, un'assistenza chirurgica di emergenza. Per quanto riguarda il quadro clinico il più completo possibile, il paziente non dovrebbe essere solo, prima dell'arrivo della squadra di emergenza, a prendere analgesici antidolorifici.

Come si manifesta un tumore benigno allo stomaco: i sintomi sono descritti qui.

L'unica cosa che in questa fase può essere fatta per alleviare le condizioni di una persona è quella di attaccare una piastra elettrica con acqua fredda al luogo della ferita.

Fermare lo stomaco con un tumore

Quando il cancro dello stomaco passa in una fase in cui la patologia è già troppo grande, e la sua rimozione è poco pratica, la formazione si sovrappone prima parzialmente e quindi completamente, il lume presente nell'organo. Questo è chiamato stenosi. A 3 - 4 stadi del decorso della malattia, circa il 70% dei pazienti con questa diagnosi soffre di tale complicazione.

Tutti i sintomi del dolore si sviluppano dove c'è un'anomalia incolta. Se è localizzato nella zona di coniugazione dell'organo con l'esofago, o, direttamente, nell'esofago, il paziente è accompagnato da una sensazione di cibo che si blocca al momento di inghiottirlo. In un primo momento, ciò accade solo quando si tratta di cibi solidi, quindi di cibo liquido.

Se la patologia è cresciuta su tutta l'area dello stomaco, allora la persona avverte una sensazione di completa saturazione molto prima della fine del pasto. Questa è una sindrome di piccolo stomaco, causata dalla perdita delle pareti del corpo di ex elasticità, a seguito della quale un'incapacità di allungare ai volumi necessari si sviluppa per accettare una porzione di cibo.

Se la formazione è concentrata nella zona inferiore dello stomaco, l'uscita da essa viene ridotta a una dimensione critica. Il rilascio del corpo in modo naturale diventa estremamente difficile, e l'unica via d'uscita dai residui alimentari processati dal corpo è il vomito. La sua concentrazione è abbastanza abbondante, e il fenomeno è spesso provocato dal paziente coscientemente per alleviare la loro condizione.

Per la stenosi vengono utilizzati i seguenti trattamenti:

  • stenting;
  • flussi di raggi;
  • terapia laser.

Necrotizzazione del tumore

La necrotizzazione è la morte spontanea dei tessuti cancerosi. Le cellule sane non sono soggette a tali processi. In presenza di un tumore maligno dello stomaco, come del resto qualsiasi altro organo, la necrotizzazione è sempre frammentaria - solo una certa percentuale dei tessuti della matrice muore.

Questi organismi non hanno la capacità di correggere la loro riproduzione e crescita, ei processi di mutazione sono estremamente primitivi e imperfetti.

Per provocare lo sviluppo di questa complicazione può:

  • trauma meccanico del tumore;
  • effetto della temperatura;
  • radioterapia;
  • ragioni chimiche

L'effetto tossico dei prodotti di decomposizione è pericoloso non solo per l'oncologia, ma anche per l'organismo nel suo complesso. Un'alta concentrazione di tossine nel sangue del paziente può causare shock settico, interferire con il normale assorbimento dei grassi e progredire nella cachessia, che può diventare mortale sullo sfondo del cancro.

La complicanza non può essere ignorata, perché le tossine riducono il sistema immunitario e senza di esso una persona non può essere indebolita dal cancro. Eliminato da una corretta alimentazione e farmaci.

Distrofia generale

I seguenti fattori precedono la patologia:

  • totale mancanza di interesse per il cibo;
  • la debolezza;
  • aumento dell'assorbimento da parte delle cellule maligne di quei nutrienti che stanno ancora "cadendo" nel corpo.

Allo stesso tempo, la distrofia può essere molto pronunciata già nelle fasi iniziali del decorso della malattia, quando c'è una perdita di peso acuta e non motivata (più del 10% del peso corporeo iniziale). Spesso, il paziente, soprattutto se si tratta di una donna, è contento di questo fenomeno, senza pensare a quanto possa essere seria la causa di tale spontaneità.

Tuttavia, man mano che la patologia progredisce, la persona diventa emaciata, magra e pallida, il che indica chiaramente la gravità del problema. Allo stesso tempo, mantenere il peso diventa più difficile. Oltre all'oncologia, vengono aggiunti anche i processi psicologici di rifiuto del cibo.

Dieta corretta ed equilibrata in clinica - la migliore soluzione alla situazione. Dopo che lo stato è in qualche modo stabilizzato, il paziente può tornare a casa con la condizione di un ulteriore controllo della dieta.

In questo articolo, informazioni sul tumore dello stomaco: sintomi e trattamento.

Dopo la radioterapia

Nonostante il fatto che le conseguenze di questo tipo di effetto terapeutico su un tumore allo stomaco siano coniugate con una serie di effetti collaterali e gravi complicanze, in alcuni casi è l'unica alternativa a una condanna a morte per un paziente.

Il modo in cui queste manifestazioni saranno intense dipende dalle caratteristiche anatomiche e fisiche individuali della persona.

Brucia di radiazioni

Una delle manifestazioni più comuni della reazione negativa dei tessuti molli all'esposizione alle radiazioni. È molto simile al sole, mentre penetra più profondamente nel tessuto e può portare a effetti irreversibili nella zona interessata.

Può apparire non appena, dopo un paio d'ore, o entro pochi giorni o addirittura settimane, quando la dose di radiazioni raggiunge la sua massima concentrazione in una singola area.

Si manifesta con cambiamenti esterni nella pelle e, in caso di gravi ustioni, vesciche estese. Il trattamento è lo stesso delle scottature solari.

Dermatite da radiazioni

Dopo una settimana, l'altro epitelio della pelle comincia prima a diventare rosso, quindi si stacca. Spesso questo è accompagnato da forte prurito e talvolta dolore. Per mitigare l'esposizione alle radiazioni, è necessario iniziare a trattare con cura le aree colpite già alla prima manifestazione di dermatite.

Unguenti farmaceutici, per esempio, Pantenolo, così come mezzi più neutri della linea pediatrica - creme, lozioni, lo faranno. Allo stesso tempo, è necessario osservare la modalità di temperatura del bagno - i bagni troppo caldi sono controindicati, in quanto possono peggiorare i sintomi. Con una cura adeguata, la dermatite non richiede cure mediche speciali.

Dopo la chemioterapia

Questa opzione per il trattamento del cancro gastrico prevede la successiva terapia riabilitativa delle parti più colpite del tratto gastrointestinale. Uccidere cellule maligne, la droga, purtroppo, influisce negativamente sulla salute umana, causando una serie di complicazioni.

nausea

La sensazione può verificarsi immediatamente dopo la sessione, e forse dopo un po '- a volte i primi sintomi compaiono solo dopo pochi giorni. Dipende da quanto il corpo umano è impoverito della malattia sottostante.

Le pareti dello stomaco sono molto vulnerabili all'azione irritante dell'azione dei farmaci anti-cancro. Ridurre al minimo il disagio può bere molto, se non aiuta - il medico prescriverà pillole, nausea.

diarrea

Il disturbo delle feci è insito nell'80% dei pazienti sottoposti a chemioterapia. È una conseguenza degli effetti tossici dei farmaci citostatici sulle pareti interne dell'organo. Interferisce con il normale funzionamento dei processi digestivi e provoca la diarrea. Può essere lieve, moderato e frequente.

Richiede un trattamento obbligatorio, in quanto può portare alla disidratazione e, di conseguenza, alla morte.

Cancro allo stomaco

Il cancro allo stomaco è un tumore epiteliale maligno della mucosa gastrica. Segni di cancro allo stomaco includono perdita di appetito, perdita di peso, debolezza, dolore epigastrico, nausea, disfagia e vomito, sazietà rapida durante il consumo, gonfiore, melena. La diagnosi è facilitata dalla gastroscopia con biopsia, radiografia gastrica, ecografia degli organi addominali, endosonografia, determinazione dei markers tumorali, esame del sangue occulto fecale. A seconda della prevalenza del cancro gastrico, viene eseguita una gastrectomia parziale o totale; chemioterapia e radioterapia sono possibili.

Cancro allo stomaco

Cancro allo stomaco - una neoplasia maligna, nella maggior parte dei casi proveniente dalle cellule epiteliali ghiandolari dello stomaco. Tra i tumori maligni dello stomaco, il 95% degli adenocarcinomi è rilevato, meno spesso - altre forme istologiche - linfomi, carcinoma a cellule squamose, leiomiosarcoma, carcinoide, adenoacantoma. Gli uomini soffrono di cancro allo stomaco 1,7 volte più spesso delle donne; di solito la malattia si sviluppa all'età di 40-70 anni (età media 65 anni). Il cancro allo stomaco è soggetto a rapida metastasi agli organi del tubo digerente, spesso cresce nei tessuti e organi adiacenti attraverso la parete dello stomaco (nel pancreas, nell'intestino tenue), spesso complicata da necrosi e sanguinamento. Con il flusso sanguigno metastatizza principalmente i polmoni, il fegato; i vasi del sistema linfatico - nei linfonodi.

Cause di cancro allo stomaco

Attualmente, la gastroenterologia non conosce abbastanza i meccanismi di sviluppo e le cause del cancro allo stomaco. La moderna teoria del cancro gastrico suggerisce che l'infezione da Helicobacter Pylori gioca un ruolo significativo nel suo verificarsi. Tra i fattori di rischio si osservano i seguenti: fumo, gastrite cronica, chirurgia dello stomaco, anemia perniciosa, predisposizione genetica. Le condizioni ad alto rischio di cancro sono l'adenoma gastrico, la gastrite atrofica e l'ulcera gastrica cronica.

Molto spesso il cancro si sviluppa nelle persone di mezza età e più anziane e più spesso gli uomini si ammalano. Tuttavia, l'assenza di fattori di rischio non garantisce pienamente l'eliminazione del cancro gastrico. Così come nelle persone con una combinazione di diversi fattori cancerogeni, il cancro gastrico non sempre si verifica.

Classificazione del cancro gastrico

Il cancro dello stomaco è classificato secondo gli stadi in base alla classificazione internazionale delle neoplasie maligne: classificazione TNM, dove T è lo stato (stadio di sviluppo) del tumore primario (dallo stadio pre-precancer zero al quarto stadio dell'invasione tumorale nei tessuti e organi adiacenti), N è la presenza di metastasi nei linfonodi regionali (da N0 - assenza di metastasi, fino a N3 - infezione con metastasi di oltre 15 linfonodi regionali), M - presenza di metastasi in organi e tessuti distanti (M0 - no, M1 - è).

Sintomi di cancro allo stomaco

La prima fase di sviluppo di cancro gastrico spesso procede senza manifestazioni cliniche, i sintomi cominciano a svilupparsi, di regola, già con un tumore del secondo o terzo stadio (germinazione negli strati submucosi e oltre).

Con lo sviluppo della malattia, si manifestano i seguenti sintomi: dolore epigastrico (inizialmente moderato), pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato, perdita di appetito e perdita di peso, nausea fino al vomito (il vomito, di regola, indica una diminuzione della pervietà dello stomaco - blocco del tumore pilorico del dipartimento). Con lo sviluppo del cancro nell'area del cardias, è possibile la disfagia (disturbo della deglutizione).

Al terzo stadio del cancro (quando un tumore colpisce tutti gli strati della parete dello stomaco, fino a muscoli e sierosi), si verifica una sindrome di sazietà precoce. Ciò è dovuto a una diminuzione dell'estensione dello stomaco.

Con la germinazione di gonfiore nei vasi sanguigni, può verificarsi sanguinamento gastrico. Conseguenze del cancro: anemia, riduzione della nutrizione, intossicazione da cancro portano allo sviluppo di debolezza generale, alto affaticamento. La presenza di uno qualsiasi dei suddetti sintomi non è sufficiente per diagnosticare il cancro gastrico, quindi possono anche comparire altre malattie dello stomaco e degli organi digestivi. La diagnosi di cancro gastrico viene effettuata solo sulla base di dati di biopsia.

Tuttavia, l'identificazione di tali sintomi richiede un appello immediato al medico-gastroenterologo per l'esame e il rilevamento più precoce possibile di una neoplasia maligna.

Diagnosi di cancro gastrico

L'unica base per stabilire la diagnosi di "cancro gastrico" è il risultato dell'esame istologico del tumore. Ma per identificare il tumore, determinarne le dimensioni, le caratteristiche superficiali, la localizzazione e l'implementazione della biopsia endoscopica, viene eseguita la gastroscopia.

La presenza di linfonodi ingrossati del mediastino e delle metastasi polmonari può essere rilevata mediante radiografia dei polmoni. La radiografia a contrasto dello stomaco visualizza la presenza di una neoplasia nello stomaco.

L'ecografia della cavità addominale viene eseguita per determinare la diffusione del processo tumorale. Per gli stessi scopi (visualizzazione dettagliata di una neoplasia), viene eseguita la tomografia computerizzata multispirale (MSCT). La PET (tomografia a emissione di positroni) aiuta a determinare l'estensione del processo maligno (il glucosio radioattivo introdotto nel corpo viene raccolto nei tessuti tumorali, visualizzando il processo maligno che è andato oltre i limiti dello stomaco).

Negli studi di laboratorio sul sangue, vengono rilevati marker tumorali specifici. Le feci sono controllate per la presenza di sangue nascosto. Uno studio dettagliato del tumore, la possibilità della sua rimozione chirurgica è determinata dalla laparoscopia diagnostica, è anche possibile effettuare una biopsia per lo studio.

Trattamento del cancro allo stomaco

La tattica delle misure terapeutiche dipende dallo stadio di sviluppo del cancro gastrico, dalle dimensioni del tumore, dalla germinazione nelle aree vicine, dal grado di colonizzazione dei linfonodi da parte delle cellule maligne, dai danni alle metastasi di altri organi, dalle condizioni generali del corpo e dalle malattie concomitanti di organi e sistemi.

Nel cancro dello stomaco possono essere applicati tre principali metodi di trattamento dei tumori maligni: rimozione chirurgica, chemioterapia e radioterapia. Nella maggior parte dei casi, viene utilizzata una combinazione di tecniche. La tattica del trattamento è determinata da un oncologo, dopo un esame completo del paziente, ricevendo le raccomandazioni dei professionisti correlati.

Nei casi di diagnosi precoce di un tumore (negli stadi 0 e 1), quando le metastasi sono assenti, la germinazione nel muro non raggiunge gli strati sottomucosi, è possibile una completa rimozione chirurgica del tumore. Una sezione del muro dello stomaco affetto da cancro, una parte dei tessuti circostanti, i linfonodi vicini viene rimosso. A volte, a seconda del grado di tumore gastrico, viene eseguita una resezione parziale o totale dello stomaco.

Dopo tali operazioni, il volume totale dello stomaco diminuisce marcatamente, oppure, se lo stomaco è completamente rimosso, l'esofago si collega direttamente all'intestino tenue. Pertanto, i pazienti dopo la gastrectomia possono consumare una quantità limitata di cibo alla volta.

La radioterapia (irradiazione degli organi e dei tessuti affetti da un tumore con radiazioni ionizzanti) viene eseguita per arrestare la crescita e ridurre il tumore nel periodo preoperatorio e come mezzo per sopprimere l'attività delle cellule tumorali e distruggere i probabili fuochi del cancro dopo che il tumore è stato rimosso.

Chemioterapia - soppressione della droga per la crescita di tumori maligni. Il complesso di farmaci chemioterapici comprende farmaci altamente tossici che distruggono le cellule tumorali. Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere una neoplasia maligna, la chemioterapia viene utilizzata per sopprimere l'attività delle restanti cellule tumorali al fine di escludere la probabilità di recidiva del cancro gastrico. Spesso la chemioterapia è combinata con la radioterapia per migliorare l'effetto. Il trattamento chirurgico è anche di solito combinato con uno o un altro metodo di sopprimere l'attività delle cellule tumorali.

I pazienti affetti da cancro gastrico dovrebbero mangiare bene e completamente durante il trattamento. Il corpo alle prese con un tumore maligno richiede una grande quantità di proteine, vitamine, microelementi, sufficiente contenuto calorico della dieta quotidiana. Le difficoltà si presentano in caso di depressione pronunciata della psiche (apatia, depressione) e rifiuto di mangiare. A volte c'è bisogno di somministrazione parenterale di miscele di nutrienti.

Complicazioni del cancro gastrico e effetti collaterali della terapia

Gravi complicazioni, che peggiorano significativamente il decorso della malattia, possono essere un risultato diretto della presenza di un tumore maligno, nonché il risultato di metodi molto resistenti alla terapia antitumorale. Nel cancro gastrico si verifica spesso il sanguinamento dai vasi del muro danneggiato, che contribuisce allo sviluppo dell'anemia. Grandi tumori possono necrotizzare, peggiorando le condizioni generali del corpo attraverso il rilascio nel sangue di prodotti di degradazione necrotica. La perdita di appetito e l'aumentato apporto di nutrienti da parte del tessuto tumorale contribuiscono allo sviluppo della distrofia generale.

La radioterapia prolungata può contribuire allo sviluppo di gravi ustioni da radiazioni, così come dermatiti da radiazioni e malattie da radiazioni. Gli effetti collaterali della chemioterapia sono: debolezza generale, nausea (vomito regolare), diarrea, alopecia (alopecia), pelle secca, dermatite, eczema, unghie fragili, deformazione delle piastre ungueali, disturbi della sfera genitale.

Una delle complicanze più comuni può essere un'infezione adiacente. A causa dell'immunità depressa, il corso del processo di infezione può essere molto difficile.

Previsione e prevenzione del cancro gastrico

Il cancro di stomaco è diagnosticato, di regola, già nella fase di un tumore incurabile. Solo nel 40% dei casi viene rilevata una neoplasia, in cui esiste una possibilità di cura (cancro in una fase precoce senza metastasi o con metastasi nei linfonodi vicini). Quindi, quando si rileva il cancro del terzo e del quarto stadio, quando è soggetto a un decorso rapido e complicazioni, la prognosi della gru è sfavorevole.

Il trattamento chirurgico in combinazione con uno o un altro metodo di terapia antitumorale fornisce un tasso di sopravvivenza a cinque anni dopo l'intervento chirurgico nel 12% dei pazienti. In caso di diagnosi precoce del cancro (diffusione superficiale senza germinazione negli strati sottomucosi della parete dello stomaco), il tasso di sopravvivenza aumenta al 70% dei casi. In caso di ulcera gastrica maligna, la probabilità di sopravvivenza è compresa tra il 30 e il 50%.

La prognosi meno favorevole è per tumori inoperabili che hanno colpito tutti gli strati della parete gastrica e penetrati nei tessuti circostanti. Decorso sfavorevole del cancro, se metastasi identificate nei polmoni e nel fegato. Nei tumori inutilizzabili dello stomaco, la terapia ha lo scopo di alleviare i sintomi e massimizzare il tasso di progressione della malattia.

Le principali misure per la prevenzione del cancro gastrico sono: trattamento tempestivo di malattie che sono condizioni precancerose, una corretta alimentazione regolare, smettere di fumare. Una misura significativa nel prevenire lo sviluppo di neoplasie maligne è il monitoraggio della condizione della mucosa gastrica e la tempestiva individuazione di processi tumorali incipienti.

cancro allo stomaco

I sintomi dispeptici variano: perdita di appetito, distorsione dell'appetito, eruttazione, sapore sgradevole in bocca, salivazione, nausea, vomito. Con lo sviluppo di processi putrefattivi e di fermentazione nello stomaco può essere un odore sgradevole dalla bocca. Nelle prime fasi della malattia, l'aspetto del paziente non cambia. Pallore della pelle e delle mucose visibili si verifica con lo sviluppo di anemia. La pelle di Pastozhnost, a volte il gonfiore in combinazione con l'anemia, si osserva nella perdita di sangue cronica, tipica delle forme di cancro polipoidi e simili a piattini. La pelle secca, il suo schema piegato, la scomparsa del tessuto adiposo sottocutaneo indica un grave squilibrio nell'acqua, una significativa perdita di peso. Durante l'esame dell'addome si possono rilevare distorsioni irregolari nella metà superiore dello stomaco e contrazioni peristaltiche dello stomaco durante la stenosi di uscita dallo stomaco.

La ricerca diagnostica è mirata alla verifica morfologica e alla rilevazione di metastasi linfogene ed ematogene.

Esofagogastroduodenoscopia con biopsia - è il metodo diagnostico principale. In Giappone, la percentuale di cancro gastrico precoce raggiunge il 50%, in gran parte dovuto non solo allo screening e alla formazione attenta dei medici endoscopici, ma anche al livello di istruzione della popolazione, propaganda all'esame degli organi del tratto gastrointestinale. In ogni singolo caso, a un paziente con più di 40 anni e soprattutto a 50 anni con nuovi disturbi dispeptici dovrebbe essere prescritto un EGD con una biopsia di qualsiasi zona sospetta della mucosa gastrica. Nei paesi sviluppati, e in particolare in Giappone, l'endoscopia a ultrasuoni è ampiamente utilizzata, che consente di visualizzare 5 strati della parete dello stomaco e determinare l'indice T in modo abbastanza accurato.L'accuratezza dell'ecografia endoscopica si avvicina al 90%. Il metodo viene anche utilizzato per determinare i linfonodi ingranditi adiacenti (di solito con cancro esofageo).

Raggi X dello stomaco. Secondo gli autori giapponesi, il primo RJ del metodo a raggi X di routine viene saltato a circa il 25%. Tuttavia, il metodo non solo non è rimasto in molti programmi di screening in Giappone, ma è utilizzato insieme agli EGD per ulteriori informazioni. Il metodo svolge un ruolo particolarmente importante nello studio della diffusione del tumore nell'area della fistola cardio-esofagea all'esofago e nella diffusione del tumore al duodeno, che influisce sulla scelta di accesso operativo e pianificazione del volume dell'operazione. Di norma, l'esame a raggi X valuta in modo più accurato la diffusione del tumore attraverso lo strato sottomucoso a causa della rigidità visibile delle pareti dell'organo (esofago, stomaco o 12 ulcera duodenale). Nei casi di crescita del tumore sottomucoso ("linitis plastica"), il metodo dei raggi x può essere in testa nella diagnosi.

La tomografia computerizzata (TC) viene talvolta eseguita per stabilire la diagnosi, ma il metodo non può essere definito accurato e sensibile per RC. Il ruolo principale è determinare le metastasi nel fegato e la definizione di linfonodi ingrossati. Non esistono segni affidabili di invasione negli organi adiacenti, in particolare nel pancreas.

Laparoscopia nella maggior parte dei casi viene utilizzata quando vi sia il sospetto di metastasi a distanza non può essere identificato con metodi convenzionali (ecografia addominale, l'esame clinico) - in totale gastrica lesione sospetta (una piccola quantità di liquido nel bacino o dei lati del ventre) in ascite, con ovaie ingrossate nelle donne (sospetto di metastasi di Krukenberg). Quando obbligatorio il lavaggio peritoneale laparoscopia (citologia trovati nei lavaggi peritoneali fluido e peritoneali), esame del fegato, epatoduodenali mesocolon legamento, poperechnoobodochnoy ulcera, un'apertura esofageo. Come con CT, il metodo non è molto informativo quando si valuta la parete posteriore dello stomaco.

Altri metodi di ricerca I metodi di routine nella diagnosi del cancro gastrico sono la tomografia ad ultrasuoni degli organi addominali, la radiografia del torace. Nella maggior parte delle cliniche in Giappone, il livello sierico dell'antigene embrionale del cancro (CEA) viene determinato prima dell'operazione. Secondo le indicazioni per il rilevamento delle metastasi ossee, viene eseguita la scintigrafia scheletrica.

Radiografia dei polmoni eseguita necessariamente.

Trattamento del cancro allo stomaco

Ad oggi, per RJ non esiste un trattamento aggiuntivo chiaramente giustificato. Uno studio preoperatorio approfondito è mirato alla costituzione o alla conferma morfologica della diagnosi e allo sviluppo di un piano di trattamento. Poiché i metodi aggiuntivi sono inefficaci, l'intervento chirurgico è l'unica possibilità di recupero [4].

Una posizione chiave nella comprensione dell'approccio all'operazione è la conoscenza e la comprensione dell'apparato linfatico dello stomaco e dei modi di metastasi. Un intervento radicale è la resezione dello stomaco o gastrectomia (rimozione dell'intero stomaco). L'operazione radicale coinvolge:

l'intersezione dello stomaco, del duodeno e dell'esofago all'interno del tessuto sano,

2) rimozione in una singola unità con lo stomaco di quei gruppi di linfonodi (1 ° e 2 ° ordine) che possono essere metricastasi in una data localizzazione del cancro,

3) operazione ablastica, l'uso di un complesso di tecniche volte a ridurre la possibilità della cosiddetta disseminazione manipolativa.

Le controindicazioni alla chirurgia possono essere oncologiche e generali. Il funzionamento è controindicato in presenza di metastasi a distanza nel fegato, nei polmoni, nei linfonodi sovraclaveari, in cui le grandi metastasi ascite Schnitzler e Krukenberg nei casi istologicamente provata lesioni linfonodi metastatici 3 ° e 4 ° ordine, cioè, linfonodi, di non rimuovere l'olio in un singolo blocco con lo stomaco. Controindicazioni di natura generale sono cachessia acuta, gravi comorbidità. Il livello di intersezione degli organi è determinato dalla localizzazione del tumore, dalla natura della sua crescita e prevalenza. La linea di resezione dai margini del tumore deve essere di almeno 8-10 cm nelle forme infiltrative-ulcerative su entrambi i lati del bordo palpabile del tumore, con forme crescenti delimitate ed esofitiche non inferiori a 6-8 cm dal bordo del tumore palpabile.

La stadiazione delle metastasi è condizionata, poiché per localizzazione diversa del tumore nello stomaco non è identica. Inoltre, ci sono le cosiddette metastasi "saltando", "saltando" che si trovano nelle sezioni intermedie inalterate delle vie di drenaggio linfatico.

In Russia, la percentuale di pazienti con RJ precoce è estremamente bassa, ma teoricamente, in futuro, migliorando la diagnosi, il loro numero dovrebbe aumentare. La maggior parte dei lavori sul trattamento dei primi RJ sono pubblicati da autori giapponesi. Più di 10 anni fa, la resezione della mucosa endoscopica è stata suggerita per la prima recessione della mucosa endoscopica (EMR). Dall'inizio degli anni '90, nella letteratura tra i chirurghi giapponesi ed europei è emersa una discussione sulla necessità di una dissezione linfonodale D2 con RJ. Gli autori europei hanno notato che il volume specificato di operazione non migliora i risultati a lungo termine, aumenta la mortalità, aumenta il numero di complicanze. Chirurgia combinata per il cancro allo stomaco

Durante la germinazione di un tumore allo stomaco in organi vicini, le resezioni delle strutture coinvolte (fegato, colon, rene, pancreas, ghiandola surrenale, milza) sono ampiamente utilizzate. In assenza di metastasi a distanza nel fegato, lungo il peritoneo, "pacchetti" di nodi regionali, possono essere eseguite operazioni così estese come la resezione gastropancreativododenale.

Trattamento chirurgico del cancro cardioesofageo

Nella maggior parte dei paesi europei, l'incidenza del cancro della zona cardio-esofagea è in aumento. Alla conferenza di consenso dell'International Association of Cancer e della International Society for Esophageal Disease del 2000, il comitato di esperti raccomandò la classificazione proposta dal chirurgo tedesco J.R. Siewert. Si basa sull'orientamento verso il centro anatomico del tumore, situato rispetto alla linea Z, la zona di transizione dell'epitelio dell'esofago in quella gastrica. Utilizza due accessi chirurgici: toracoaddominale addominale e sinistro. La frequenza di rilevazione delle metastasi mediastiniche nei carcinomi del cardias raggiunge il 30% e la sopravvivenza a 5 anni in questi casi non supera il 10% [21]. Dal momento che molti chirurghi non celebrano l'effetto terapeutico della linfoadenectomia mediastinica con mediastinica metastatico, nonché grazie al miglioramento aiuti chirurgici per generare un "alto" transdiafragmalnyh ezofagoeyunoanastomozov a laparotomia, l'accesso torakolaparotomny non è più un cancro primario del cardias. Particolarmente urgente è la questione dell'accesso chirurgico in pazienti con carcinoma cardiaco in pazienti anziani debilitati con malattie cardiorespiratorie concomitanti.

Chirurgia palliativa per il cancro dello stomaco

I pazienti con sintomi di scheda di uscita stenosi, disfagia, sanguinamento dal tumore disintegrazione con una penetrazione di tumori in organi adiacenti e strutture, fenomeni di ostruzione intestinale (di solito durante la germinazione in poperechnoobodochnuyu intestino), anemia, cachessia disidratazione (in particolare con disfagia) spesso cadono all'interno del reparto di chirurgia generale e ospedali terapeutici. Sfortunatamente, anche le complicazioni sopra menzionate, specialmente nei pazienti anziani e anziani, nelle menti di molti medici e chirurghi sono associate ad un'estrema negligenza del processo e dell'inoperabilità. Un aumento della quota di anziani in Russia non farà che aumentare l'urgenza del problema. Allo stesso tempo, quasi tutte le complicanze elencate si verificano sia con piccoli tumori, quando è possibile un intervento radicale, sia con tumori localmente avanzati, in cui è anche possibile un beneficio operativo. Anche il cosiddetto "fattore umano" svolge un ruolo importante. Quindi, secondo la RCRC RAMS loro. NN Nella metà dei pazienti sottoposti a laparotomia "test" in cliniche chirurgiche non specializzate, più spesso in generale, è stato eseguito un manuale chirurgico in una successiva istituzione oncologica. Tra le operazioni palliative, insieme al ben noto (gastrostomia, eyunostomy, bypass gastroenteroanastomoses con tumori localizzati nell'antro), vengono utilizzate resezioni palliative gastriche.

Chemioterapia per il cancro dello stomaco

Il cancro allo stomaco non è molto sensibile alla chemioterapia. L'efficacia della chemioterapia in GC non supera il 30-40%. La maggior parte dei paesi usa combinazioni di PF (cisplatino e 5 - fluorouracile), ELF (etoposide, calcio folinato e 5 - fluorouracile), ECF (epirubicina, cisplatino e 5 - fluorouracile). Allo stesso tempo, il concetto di "efficacia" spesso include concetti piuttosto eterogenei: un effetto soggettivo, un effetto oggettivo - riduzione di un tumore o metastasi, sopravvivenza generale o senza recidiva, ecc. In generale, si ritiene che l'uso della chemioterapia migliora la qualità della vita, cioè, ha un effetto soggettivo, aumenta la sopravvivenza libera da malattia senza impattare la sopravvivenza globale, in particolare quando la chirurgia radicale non è molto efficace nel trattamento adiuvante e, in alcuni casi, aumenta la durata della vita nel carcinoma gastrico operabile. Numerosi studi in Giappone e Corea hanno dimostrato l'efficacia della chemioterapia intra-addominale adiuvante durante la germinazione di un tumore sieroso. Come modifica di questo metodo, viene utilizzata la chemioterapia ipertermica intraperitoneale. L'efficacia del metodo è mostrata in presenza di metastasi sul peritoneo e in termini di prevenzione di quest'ultimo. Negli ultimi 10 anni, la combinazione dell'inclusione di cisplatino, fluorouracile e calcio folinato è stata considerata il "gold standard" nel trattamento del cancro gastrico.

Il cancro allo stomaco in Russia rimane un problema estremamente acuto. La mortalità negli ultimi anni nel nostro paese non è diminuita. La rivelabilità delle prime forme, da un lato, è bassa, ma, d'altra parte, è l'unica possibilità di recupero. Le manifestazioni cliniche del cancro gastrico precoce non sono patognomoniche, ma sono spesso nascoste sotto i soliti disturbi "gastrici". I programmi di screening condotti nei paesi economicamente sviluppati sono costosi. In Russia, è necessario un programma di screening nazionale per identificare i tumori più comuni e, nella realtà odierna, lo screening per RJ dovrebbe essere condotto almeno in gruppi di patologie di base e precancerose. A questo proposito, è richiesta la divulgazione della conoscenza (compresa la televisione, la radio, la distribuzione di opuscoli, ecc.) Su RJ dei medici generici e della popolazione. Un ruolo speciale dovrebbe essere dato a terapisti, gastroenterologi, endoscopisti. Una misura efficace di prevenzione di RJ può essere un cambiamento nel modo di mangiare. I pazienti con cancro gastrico devono essere trattati in istituti specializzati. In caso di cancro gastrico familiare, la consulenza medica dei parenti dovrebbe essere effettuata. Il "gold standard" nel trattamento chirurgico è la gastrectomia (resezione) con un volume di dissezione linfonodale D2.

La ricerca condotta dà la speranza che nel prossimo futuro ci saranno nuovi standard per il trattamento del cancro gastrico.

Complicazioni del cancro gastrico

Le complicanze che si sviluppano a seguito di una progressiva crescita del tumore possono essere suddivise in due gruppi: 1) derivanti dalla diffusione locale del tumore e 2) associati a metastasi.

Le metastasi tumorali ai linfonodi regionali di solito non si manifestano, ma possono essere facilmente determinate durante l'intervento chirurgico.

Le metastasi nel fegato si sviluppano non meno frequentemente rispetto ai linfonodi (36,4-51,3%). In presenza di metastasi nel parenchima del fegato, il suo volume aumenta, il limite inferiore si estende da sotto l'arco costale. Il bordo del fegato diventa frastagliato, doloroso alla palpazione e sulla superficie sono determinati da varie dimensioni di nodi tumorali densi. Nella cavità addominale mentre si trova spesso fluido libero. Le metastasi epatiche sono accompagnate da un aumento del dolore nell'area sottocostale, che non dipende dall'assunzione di cibo, che si irradia alla scapola destra e alla regione lombare. I pazienti hanno notato una sensazione di pesantezza nella regione epigastrica e un rapido esaurimento.

Le metastasi alle porte del fegato causano nuovi sintomi. I pazienti hanno dolore nell'ipocondrio destro a causa di un aumento del fegato e della tensione della capsula, a volte si verifica ittero, aumenti di debolezza generale, diminuzione dell'appetito, aumento dell'esaurimento.

Le metastasi nel pancreas non si manifestano da molto tempo. Con una significativa diffusione del processo, c'è un dolore costante che si irradia alla regione lombare. Di norma, non è possibile diagnosticare metastasi prima dell'operazione.

La metastasi alla porta della milza e il suo parenchima sono molto rari. In tali casi, è possibile rimuovere radicalmente la milza in un conglomerato con la parte resecata dello stomaco.

La metastasi polmonare nel carcinoma gastrico è una complicazione abbastanza frequente. Le metastasi polmonari possono suppurare, causando sintomi di polmonite o anche ascesso polmonare. Metastasi polmonari lontane indicano l'inoperabilità.

Le metastasi nei reni e nelle ghiandole surrenali più spesso si trovano solo sulla sezione. Tuttavia, a volte appaiono clinicamente. Quindi, in presenza di metastasi nei reni, il dolore a volte si verifica nella regione lombare, il sangue appare nelle urine. In alcuni casi, le metastasi nelle ghiandole surrenali manifestano i sintomi della malattia di Addison.

Le metastasi ossee nel cancro gastrico sono rare.

Una delle complicanze più terribili del cancro gastrico, a seconda della diffusione locale del tumore, è il sanguinamento. Si verifica nell'8,9% di tutti i pazienti con sanguinamento gastrico. Il sanguinamento non è un segno di trascuratezza del processo e nella maggior parte dei pazienti è possibile eseguire un'operazione radicale.

Anche la perforazione di un tumore canceroso nella cavità addominale si verifica raramente. Il quadro clinico della perforazione nel cancro non differisce dal complesso dei sintomi che accompagna la perforazione dell'ulcera.

Una delle complicanze più frequenti del cancro gastrico dovrebbe essere la germinazione di un tumore negli organi vicini. In particolare, nel lobo sinistro del fegato, diaframma e spazio retroperitoneale.

Trattamento del cancro allo stomaco

Trattamento chirurgico Nel corso del tempo, nonostante alcuni successi dei metodi combinati di trattamento, è il metodo chirurgico che rimane il "gold standard" che consente una cura completa per il cancro allo stomaco. Nel determinare le indicazioni per il trattamento chirurgico, il medico deve essere guidato dai dati oggettivi dell'esame clinico e fisico del paziente, sulla base dei quali viene eseguita la stadiazione clinica preoperatoria della malattia e viene determinata l'operabilità funzionale.

Prima di tutto, si dovrebbe notare la differenza nella sopravvivenza a cinque anni dei pazienti con cancro gastrico, operati in un ospedale chirurgico e oncologico. In quest'ultimo caso, il tasso di sopravvivenza a cinque anni è 2-3 volte superiore.

Attualmente, ci sono varie tattiche chirurgiche per il cancro gastrico. Dipende dal grado di diffusione del processo tumorale.

I progressi nella diagnosi e nel trattamento delle prime forme di cancro gastrico hanno determinato una tendenza verso la chirurgia mini-invasiva, un esempio dei quali può essere resezione della mucosa endoscopica e chirurgia laparoscopica. In Giappone, in situ in caso di carcinoma, l'uso della resezione della mucosa endoscopica è diventato il trattamento standard ed è stato usato con grande successo nella pratica clinica.

Tenendo conto dell'esperienza di esperti stranieri, i nostri oncologi hanno concluso che la resezione endoscopica della mucosa è stata mostrata nelle lesioni dell'epitelio (carcinoma in situ) come metodo di trattamento indipendente, con tumori T1 come tipo di biopsia estesa nei casi di diagnosi difficile per i morfologi.

Inoltre, la resezione endoscopica della mucosa è giustificata: ad alto rischio operativo, nei pazienti anziani, in caso di rifiuto dell'operazione.

Dopo aver eseguito la resezione endoscopica della mucosa gastrica, a seconda dei risultati dello studio morfologico del farmaco rimosso, è necessario seguire le seguenti tattiche per ciascun paziente. Quando viene rilevato un adenocarcinoma altamente differenziato all'interno dell'epitelio della membrana mucosa, viene stabilita un'osservazione dinamica per i pazienti trattati. Quando si diagnostica una bassa forma di differenziazione di un tumore o la sua diffusione oltre i limiti della propria piastra muscolare della membrana mucosa, si può raccomandare un trattamento chirurgico tradizionale.

Sfortunatamente, la frequenza di rilevamento delle prime forme di cancro gastrico non supera il 10-20%. Nella maggior parte dei paesi occidentali e nel nostro paese, in oltre l'80% dei casi, le forme più comuni della malattia, che richiedono un intervento chirurgico più ampio, sono principalmente diagnosticate.

Nel trattamento chirurgico del cancro gastrico, la natura della chirurgia eseguita si distingue:

· Chirurgia radicale (Tipo A) - l'assenza di un tumore residuo con un'alta probabilità di guarigione completa;

· Operazioni condizionali radicali (Tipo B) - nessun tumore residuo, ma con probabilità di presenza di focolai tumorali subclinici;

· Chirurgia palliativa (Tipo C) - la presenza di un tumore residuo.

Le operazioni radicali comprendono gastrectomia, gastrectomia distale subtotale e resezione prossimale subtotale.

La gastrectomia è indicata per le forme infiltrative di cancro, così come per i grandi tumori esofitici situati nell'antro e nel terzo inferiore del corpo dello stomaco. L'intersezione dell'esofago è fatta non meno di 3 cm sopra il bordo del tumore con cancro esofitico e 5-6 cm con cancro endofitico. Il bordo distale della resezione dovrebbe essere 2-3 cm sotto il piloro. Il controllo morfologico dei bordi della resezione dello stomaco con qualsiasi volume di intervento chirurgico è necessario.

In caso di gastrectomia distale subtotale, la piccola curvatura viene intersecata ad una distanza di 1,5-3,0 cm dall'esofago e maggiore - a livello del polo inferiore della milza. Questo tipo di intervento chirurgico viene eseguito con tumori esofitici dell'antro e piccoli tumori endofitici della sezione di uscita dello stomaco.

La gastrectomia prossimale subtotale viene eseguita nei tumori esofitici del terzo superiore dello stomaco. La linea di resezione prossimale passa attraverso l'esofago, ad almeno 3-5 cm dal bordo superiore del tumore, l'intera piccola curvatura viene escissa nella direzione distale e le sue pareti anteriori e posteriori si intersecano ad una distanza di 5 cm sotto il tumore.

Nel trattamento chirurgico del cancro gastrico, è necessario rimuovere non solo l'organo interessato, ma anche le zone di metastasi regionali. Va sottolineato che il termine "dissezione dei linfonodi" significa una rimozione monoblocco non solo dei linfonodi, ma anche dell'intero sistema linfatico (vasi linfatici con tessuto adiposo circostante) all'interno dei gusci fasciali. Questo determina la vera prevalenza del processo tumorale.

La quantità ottimale di linfoadenectomia non è stata ancora stabilita. Si ritiene che debbano essere rimossi almeno 14 linfonodi (in modo ottimale 25).

Per decisione del IV Congresso internazionale sul cancro gastrico, la dissezione dei linfonodi D2 è riconosciuta come una procedura ragionevolmente sicura e dovrebbe essere un elemento obbligatorio nel trattamento chirurgico del cancro gastrico.

Più della metà dei pazienti con cancro gastrico in 3B e 4 stadi hanno complicazioni che minacciano direttamente la loro vita, che può essere eliminata solo con la chirurgia. Questo impone la necessità di eseguire chirurgia palliativa e tsitodreduktivnyh.

Quando le operazioni di citoriduzione devono lottare per la citoriduzione più completa, che può essere eseguita nei pazienti.

La chemioterapia. Il successo della chemioterapia per il cancro gastrico è modesto. Ma ora è considerato non etico rifiutare un paziente con cancro gastrico disseminato per condurre la chemioterapia, dal momento che studi randomizzati dimostrano in modo convincente che la chemioterapia aumenta l'aspettativa di vita dei pazienti con un processo metastatico da 3-5 mesi. fino a 10-12 mesi

Fino a poco tempo fa, il principale farmaco per il trattamento del cancro gastrico era il 5-fluorouracile. Oggi il cisplatino, il taxano e l'irinotecano stanno diventando sempre più popolari.

Tuttavia, non vi sono ancora prove convincenti che la monoterapia con 5-fluorouracile sia meno efficace della chemioterapia di associazione con o senza 5-fluorouracile. Come risultato della ricerca, è stato dimostrato che durante la chemioterapia combinata, si osserva più spesso un effetto antitumorale oggettivo, che tuttavia non determina un aumento dell'aspettativa di vita rispetto all'uso della monoterapia con 5-fluorouracile. Pertanto, nella maggior parte dei paesi del mondo, la possibilità di ottenere un maggiore effetto antitumorale ha fatto pendere la bilancia in favore della prescrizione di chemioterapia di combinazione.

La risposta a questa domanda in diversi paesi e in diversi continenti sarà diversa. Nessuna delle combinazioni studiate negli studi randomizzati ha mostrato un vantaggio convincente rispetto alle altre. In poche parole, nessuno di loro è abbastanza efficace per trattare il cancro allo stomaco.

Negli anni '80, la combinazione di FAM (5-fluorouracile, doxorubicina, mitomicina-C) era la più popolare, la cui efficacia nei primi studi era superiore al 40%. Nei primi anni '90, la combinazione FAMTX (5-fluorouracile, doxorubicina, metotrexato) ha sostituito questo schema. Questa combinazione è stata considerata standard per la chemioterapia per il carcinoma gastrico disseminato. Alla fine degli anni '90, le combinazioni con l'inclusione del platino erano sempre più utilizzate. Uno di questi regimi è la combinazione di PF, in cui, dopo la somministrazione di cisplatino, viene somministrata un'infusione prolungata di 5-fluorouracile per 5 giorni.

Nessuna delle combinazioni studiate può essere considerata standard per i pazienti con cancro gastrico, ad oggi sono state sviluppate nuove combinazioni.

Radioterapia Il miglioramento dei metodi di radiazione e l'introduzione di fonti di radiazioni ad alta energia nella pratica medica che hanno un significativo potere penetrante e una distribuzione favorevole di dosi profonde nei tessuti normali e patologici hanno permesso anche l'uso della radioterapia nel cancro gastrico. I compiti della radioterapia sono di fornire la dose terapeutica necessaria al tumore dello stomaco primario e alle metastasi nei linfonodi regionali, senza causare marcati cambiamenti negli organi e nei tessuti sani circostanti e senza avere un significativo effetto di radiazione totale sul corpo del paziente.

Recentemente, lo sviluppo intensivo di metodi di radioterapia sullo sfondo dell'uso di radio modificatori (composti accettore di elettroni, miscele di gas ipossico, ipertermia, iperglicemia, chemioterapia), fornendo un aumento dell'effetto antitumorale delle radiazioni riducendo il danno radioattivo ai tessuti sani circostanti. Ad esempio, la radioterapia (SOD = 32-44 Gy) sullo sfondo dell'ipossia causata dall'inalazione di una miscela di gas contenente l'8% di ossigeno consente un aumento del numero di operazioni radicali del 10%, aumentando del 30% il tasso di sopravvivenza a 3 anni riducendo di 3 volte il Le reazioni.

In tutto il mondo, è in corso il lavoro sull'uso della radioterapia intraoperatoria per il cancro gastrico. Il suo vantaggio è la possibilità di portare grandi dosi di radiazioni sotto forma di una frazione al letto tumorale per la devitalizzazione delle micrometastasi residue dopo l'operazione con una buona protezione dei tessuti normali.

L'irradiazione intraoperatoria può essere eseguita sullo sfondo dell'uso di radiomodificatori, così come combinata con la terapia gamma a distanza e l'ipertermia locale.

prospettiva nel trattamento del carcinoma gastrico localmente avanzato è deludente. Il tasso di sopravvivenza a 5 anni quando il tumore invade l'intera parete dello stomaco e la presenza di metastasi nei linfonodi regionali è del 20-35%. Con una combinazione di questi fattori, oltre a una lesione totale del tumore allo stomaco, non supera il 7-15%.