loader
Raccomandato

Principale

Sintomi

melanoma

Il melanoma è un tumore maligno aggressivo sulla pelle, molto meno spesso sulle mucose, che è formato da cellule del pigmento (melanociti). La malattia è incline a recidiva e rapida progressione con la diffusione delle metastasi in tutto il corpo.

GENERALI

Negli ultimi decenni, c'è stato un costante aumento dell'incidenza del melanoma. Le malattie sono suscettibili alle persone di qualsiasi età, a partire dall'adolescenza, ma in persone di età superiore ai 70 anni, i sintomi del melanoma vengono diagnosticati più spesso. È interessante notare che il melanoma rappresenta solo il 4% di tutte le neoplasie maligne della pelle, ma nel 70% dei casi la malattia si conclude con esito fatale.

Secondo le statistiche, 10 casi per 1000 abitanti sono registrati nei paesi europei, mentre in Australia la cifra è significativamente più alta e ammonta a 37-45 casi.

Il melanoma può svilupparsi come una formazione indipendente, ma nel 70% degli episodi la macchia pigmentaria è lo sfondo. I nevi (talpe) sono composti da melanociti che sintetizzano la melanina del pigmento. Il più delle volte sono di colore scuro, ma si trovano anche nevi non pigmentati. A volte si trovano sul guscio dell'occhio, sul cervello, sulla mucosa nasale, nella bocca, nella vagina e nel retto.

Le voglie acquisite, che si sono già formate in età adulta, sono più pericolose. Nell'86% dei pazienti, lo sviluppo della malattia è stato provocato dall'influenza delle radiazioni ultraviolette prodotte al sole o nei lettini abbronzanti.

Le cellule di melanoma non hanno legami stretti l'una con l'altra, quindi si staccano facilmente dalla massa totale e migrano formando metastasi. In questa fase, la malattia non è più curabile.

CAUSE

La causa della formazione del melanoma è la degenerazione dei melanociti in cellule maligne. La teoria principale che spiega questo processo è genetica molecolare. I difetti compaiono nella molecola di DNA della cellula del pigmento. Inoltre, sotto l'influenza di fattori provocatori, si verifica una mutazione del gene associata a un cambiamento nel numero di geni, a una violazione dell'integrità dei cromosomi o al loro riarrangiamento. Le cellule alterate acquisiscono la capacità di divisione illimitata, in conseguenza del quale il tumore cresce di dimensioni e metastatizza. Questi disturbi possono verificarsi sotto l'influenza di fattori avversi delle proprietà interne ed esterne o della loro combinazione.

Cause e fattori di rischio:

  • L'effetto della radiazione UV sulla pelle. La luce può essere di origine naturale o artificiale (lettini abbronzanti, lampada battericida). Nonostante il fatto che la malattia si sviluppi spesso nelle aree protette del corpo, le norme di sicurezza non dovrebbero essere trascurate. In questo processo, non è tanto l'esposizione diretta alla luce solare che conta quanto la radiazione dell'organismo nel suo complesso. Ciò che è importante non è la durata di questo processo, ma l'intensità della radiazione. Le ustioni solari possono essere un fattore scatenante per lo sviluppo del melanoma in età adulta.
  • Radiazione elettromagnetica. Le nuove crescite sono più spesso registrate nelle persone le cui attività professionali sono legate alle telecomunicazioni e alle apparecchiature televisive.
  • Danno meccanico ai nevi. Anche un singolo trauma della voglia può innescare lo sviluppo di un processo oncologico. Nel 30-85% dei pazienti questo fattore è stato decisivo nello sviluppo del melanoma.
  • Caratteristiche del fenotipo. Le persone con pelle chiara e capelli, occhi verdi o blu, con una tendenza alla comparsa di lentiggini sono considerate a maggior rischio.
  • Eredità. Il melanoma in parenti stretti dovrebbe essere una ragione per prestare particolare attenzione a questo problema al fine di prevenire la malattia. Il rischio è significativamente aumentato nel caso in cui più di due persone in famiglia erano malate di melanoma o questa diagnosi è stata fatta alla madre.
  • Il melanoma precedentemente trasferito aumenta significativamente il rischio di recidiva.

  • La molteplicità delle talpe. Il numero di nevi più di 50 in una persona è un fattore potenzialmente pericoloso.
  • Vecchiaia Le persone di età superiore a 50 anni sono particolarmente sensibili ai cambiamenti maligni da parte dei punti di età.
  • Fattori chimici Le persone professionalmente associate al lavoro nel campo della petrolchimica, della farmacologia, dell'industria carboniera, nella produzione di materiali polimerici e tinture aromatiche, richiedono esami preventivi presso l'oncologo.
  • Periodo di gravidanza e allattamento al seno. Nel corpo di una donna, si verificano processi che provocano la rinascita di un nevo in un tumore maligno. Questa domanda è pertinente per le donne con più di 31 anni o per le donne in gravidanza con feti di grandi dimensioni.
  • Cause endocrine. Le concentrazioni eccessive di ormoni sessuali e melatonina possono avere conseguenze negative.
  • Caratteristiche della dieta. Una quantità maggiore di prodotti animali in assenza della quantità necessaria di verdure fresche, frutta e la mancanza di vitamine provocano lo sviluppo di tumori nodulari e superficialmente diffusi.
  • Melanosi di Dubreus, xeroderma pigmentosa. Queste malattie comportano il rischio potenziale di un processo tumorale maligno.
  • L'identità sessuale. A causa dell'effetto stimolante degli androgeni sullo sviluppo di un tumore, gli uomini soffrono la malattia molto più delle donne. Tuttavia, i casi di melanoma sono più spesso registrati in quest'ultimo.
  • Lo stato di immunodeficienza, in cui le cellule del sistema immunitario non sono in grado di riconoscere e distruggere le strutture geneticamente modificate.
  • Lo spettro di individui sensibili non è limitato alle persone con un basso grado di pigmentazione. I casi di melanoma sono registrati sia con la pelle chiara che con la pelle scura. Il rischio del suo sviluppo tra gli europei è di circa lo 0,5%, gli africani - lo 0,1%, mentre tra i popoli caucasici - il 2%.

    CLASSIFICAZIONE

    La malattia varia nella forma.

    Forme cliniche della malattia:

    • Spargimento di superficie o super-ufficiale. È osservato nel 70% dei pazienti, più spesso nelle donne. Un tale melanoma è caratterizzato da un lungo periodo di crescita benigna. Negli strati più profondi, cresce dopo molto tempo, ha una prognosi favorevole.
    • Nodulare (nodulare). Variante invasiva del tumore. Si sviluppa rapidamente in profondità nella pelle, sembra un cono arrotondato convesso. La pigmentazione di questa formazione è solitamente nera, meno spesso di altre tonalità scure, o non è affatto cambiata. Spesso, il melanoma nodulare è rilevato nelle persone anziane sugli arti e sul tronco.
    • Akrolentiginoznaya. Si sviluppa sulla superficie della pelle, successivamente cresce nelle profondità. Una caratteristica distintiva è la localizzazione dei sintomi - il tumore si verifica sui palmi delle mani, i piedi o sotto le unghie. Tale melanoma appare spesso nei neri e negli asiatici.
    • Lentigo lentiginous o maligno. Il tumore in apparenza assomiglia a una grande voglia piatta. Nello strato epiteliale si formano nidi di melanociti, da dove penetrano. È più comune nelle donne di età superiore a 70 anni sul viso, collo e schiena degli arti.
    • Senza pigmenti (acromatico). È piuttosto raro nel 5% dei casi. Le cellule pigmentate alterate perdono la loro capacità di sintetizzare il pigmento, quindi queste formazioni sono di colore rosa o corporeo. Un tumore non pigmentato è considerato una delle varietà della forma nodulare o è considerato una manifestazione di metastasi sulla pelle.

    SINTOMI DI MELANOMA

    All'inizio dello sviluppo della malattia è difficile tracciare visivamente eventuali differenze tra un nevo e un tumore maligno. Ma i sintomi del melanoma si manifestano non solo nelle talpe, la malattia può anche svilupparsi sulla pelle sana. Nelle donne, i sintomi appaiono spesso sul petto e sulle gambe, negli uomini, sulle braccia, sul petto, sulla schiena.

    Il melanoma ha una serie di sintomi caratteristici, secondo i quali i medici diagnosticano la malattia. La caratteristica principale del processo patologico è un cambiamento nella forma, dimensione, colore del nevo esistente.

    Dovrebbe essere notato e il fatto che le talpe con i segni della distribuzione dei capelli non diventeranno mai maligni.

    Sintomi nelle prime fasi dello sviluppo:

    • asimmetria educativa;
    • colorazione non uniforme (scurimento o alleggerimento);
    • diametro superiore a 5 mm;
    • bordi dell'istruzione irregolari o sfocati;
    • cambiare l'altezza delle macchie (precedentemente piatte, iniziano a salire sopra la superficie);
    • modifica della densità della voglia (diventa morbida);
    • scarico nell'area della crescita;
    • sanguinamento, bruciore, formazione di una crosta sulla superficie della formazione.

    I sintomi nelle ultime fasi dello sviluppo:

    • l'aspetto della pigmentazione attorno al nevo;
    • violazione dell'integrità dell'istruzione;
    • sanguinamento da un nevo;
    • sensazioni di prurito e dolore nell'area del danno tissutale.

    La forma maligna della malattia può attivamente metastatizzare.

    Sintomi di melanoma metastatico:

    • mal di testa continuo;
    • la comparsa di sigilli sottocutanei;
    • colore grigio della pelle;
    • la comparsa di tosse cronica;
    • linfonodi ingrossati;
    • convulsioni;
    • perdita di peso improvvisa senza una ragione apparente.

    Le condizioni del paziente sono determinate dallo stadio della malattia.

    Fasi di sviluppo:

    • Fase I Spot di 1 mm di spessore con segni di violazione dell'integrità della superficie o intatto con uno spessore di 2 mm;
    • Fase II Formazione di 2 mm di spessore con superficie danneggiata o da 2 a 4 mm di spessore con un'intera superficie;
    • Fase III. La superficie del tumore può essere danneggiata o intatta e appaiono foci del processo patologico nei tessuti e nei linfonodi circostanti.
    • Stadio IV. Le cellule tumorali si diffondono agli organi distanti. La prognosi della malattia in questa fase è sfavorevole, l'efficacia del trattamento è piuttosto bassa e ammonta a solo il 10%.

    DIAGNOSI

    Anche per un medico esperto, la diagnosi di melanoma presenta una certa complessità. Di grande importanza preventiva in questa materia è la diagnosi precoce dei segni della malattia. Un ruolo importante è svolto dalla copertura del problema del melanoma tra la popolazione per l'autodiagnosi. Se qualche neoplasma sospetto appare sulla pelle o cambia da segni di nascita e punti di età, si dovrebbe consultare immediatamente un dermatologo o un oncologo per un consiglio.

    Passaggi di diagnostica:

    • Esame visivo della pelle del paziente e identificazione di alterazioni patologiche mediante un dermascope o una lente d'ingrandimento.
    • Prove cliniche generali su sangue e urine.
    • Una biopsia per escissione per prelevare un campione di tessuto da un tumore (rimozione completa del tumore).
    • Biopsia incisiva del sito tumorale per campionamento tissutale per analisi istologiche.
    • Analisi citologica della puntura di un linfonodo regionale ingrandito.
    • Radiografia del torace, scansione computerizzata isotropica, risonanza magnetica, ecografia per rilevare lesioni di organi interni.
    • Microscopia confocale - irradiazione infrarossa dello strato cutaneo per determinare la profondità di germinazione del melanoma.

    TRATTAMENTO

    Qualsiasi cambiamento che si verifica con un nevo (cambiamento di colore, forma, aspetto di sanguinamento) richiede un intervento chirurgico immediato. I medici preferiscono rimuovere le neoplasie sospette, non aspettando la loro rinascita.

    Il tumore viene eliminato con diversi metodi:

    Nel caso della formazione metastatica, la lesione viene rimossa combinando un metodo chirurgico, immunoterapia e chemioterapia. Il trattamento del melanoma a diversi stadi ha le sue caratteristiche.

    Trattamento in base allo stadio della malattia:

    • Fase I Asportazione chirurgica con cattura di tessuto sano. L'area di intervento dipende dalla profondità della germinazione della formazione.
    • Fase II Oltre all'asportazione dell'istruzione, viene eseguita una biopsia dei linfonodi regionali. Se durante l'analisi del campione viene confermato il processo maligno, viene rimosso l'intero gruppo di linfonodi in quest'area. Inoltre, ai fini della profilassi, possono essere prescritti interferoni alfa.
    • Fase III. Oltre al tumore, vengono asportati tutti i linfonodi che si trovano nelle vicinanze. Se ci sono diversi melanomi, tutti devono essere rimossi. La radioterapia viene effettuata nell'area interessata, vengono anche prescritte immunoterapia e chemioterapia.
    • Stadio IV. In questa fase, una cura completa non è più possibile. Solo le formazioni che causano inconvenienti, così come le grandi neoplasie, sono soggette a rimozione. A volte è possibile rimuovere le metastasi dagli organi interni, alcuni pazienti sono invitati a sottoporsi a chemioterapia e radioterapia.

    COMPLICAZIONI

    La principale complicazione del melanoma è la diffusione del processo patologico attraverso le metastasi.

    Tra le complicanze postoperatorie, possiamo distinguere l'aspetto di segni di infezione, un cambiamento nell'incisione postoperatoria (edema, sanguinamento, scarico) e la sindrome del dolore. Nel sito di un melanoma remoto o su una pelle sana, si può sviluppare una nuova talpa o si può verificare una decolorazione del tegumento.

    PREVENZIONE

    Le misure preventive comportano la rimozione anticipata di qualsiasi entità ferita in istituzioni mediche specializzate.

    La lunga permanenza al sole è controindicata. Abituarsi all'influenza della luce solare dovrebbe essere gradualmente, usando la protezione solare. È molto importante proteggere i bambini dalle scottature. È necessario proteggere non solo la pelle, ma anche gli occhi con l'aiuto di occhiali scuri con filtri speciali. È anche meglio rinunciare all'abbronzatura in un solarium.

    PREVISIONE PER IL RECUPERO

    La prognosi del melanoma dipende dal grado di sviluppo del tumore e dal momento del suo rilevamento. Nelle prime fasi della malattia è ben curabile. La sopravvivenza dei pazienti per cinque anni dopo il trattamento dello stadio I e dello stadio II è dell'85%, mentre lo stadio III con segni di metastasi dà a mezzo paziente la possibilità di vivere.

    Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio

    Il glioma del chlioma è una malattia di natura tumorale, il cui focus patologico si trova nelle cellule gliali. Viene espressa la comparsa del glioma chiasma nell'uomo.

    Le fasi del melanoma dalla prima alla quarta

    Ad oggi, la neoplasia cutanea più maligna (peggio del cancro) è il melanoma dall'iniziale al 4o stadio. Il suo effetto sul corpo umano dipende dallo stadio e dalla gravità delle manifestazioni cliniche. Questa malattia non è così rara: tra tutti i casi di cancro, viene somministrato a circa il 2%, tra i tumori della pelle - 10%. Il melanoma è un tumore maligno (variante del cancro) derivato da cellule della pelle del pigmento mutato (melanociti), in cui normalmente si forma la melanina.
    contenuto:

    Metodi per la separazione del melanoma sul palco.

    Ci sono molte opzioni per separare il melanoma in fasi.

    Le fasi del melanoma secondo Clark.

    Il metodo di separazione in stadi secondo Clark è di carattere ausiliario, di solito è indicato in aggiunta a quello principale. Prende in considerazione la profondità della germinazione nella pelle. La germinazione più profonda - più pericolosa è la malattia. Non ci sono 4, ma tutti e 5 i livelli.

    • Stadio 1 di melanoma in Clark - il melanoma si trova all'interno dello strato esterno della pelle (epidermide);
    • 2 - penetrazione delle cellule tumorali attraverso la membrana basale, raggiunge il derma papillare;
    • 3 - completa diffusione del tumore lungo lo strato papillare del derma, non germinare più in profondità;
    • Clark melanoma fase 4 - germinazione delle cellule tumorali nello strato sottostante del derma;
    • Fase 5 - la diffusione del tumore nello strato di grasso sottocutaneo (grasso sottocutaneo) o più profondo.

    Fasi del melanoma di TNM (classificazione principale).

    Assegnare una malattia a una determinata combinazione di numeri alle lettere TNM è il metodo principale di divisione in fasi. Gli oncologi possono essere limitati a questa combinazione e capiranno la prognosi e la tattica del trattamento. Se c'è una recidiva o una progressione ulteriore, preferiscono lasciare gli indicatori originali del TNM, in un chiarimento chiarificatore, scrivono in che direzione è cambiata la diagnosi (la comparsa di metastasi, ecc.). L'indicazione nella spiegazione delle metastasi nei linfonodi più vicini modifica effettivamente la N iniziale (passaggio allo stadio 3). La comparsa di metastasi a distanza in organi e tessuti, la pelle in un altro luogo cambia l'indice M (che significa la transizione al 4 ° stadio). In realtà, i classici 4 livelli possono essere trovati sulla base di numeri allegati alle lettere TNM.
    La separazione del melanoma allo stadio secondo il sistema TNM prevede il raggruppamento in base agli indicatori TNM. T in questo sistema significa tumore (il centro del cancro stesso), è crittografato in numeri da 0 a 4, a seconda della profondità della germinazione nella pelle. N mezzi - nodus (linfonodi), è determinato dal valore da 0 a 3, a seconda del grado di penetrazione nei linfonodi più vicini. La lettera M è metastasi (il fatto della loro presenza o assenza), la comparsa di metastasi di melanoma nella pelle altrove, i linfonodi distanti e altri organi). M0 significa assenza di metastasi al momento della diagnosi.

    Sistema TNM per determinare lo stadio del melanoma.

    Valutazione del focolare del melanoma (T)

    • Tis - gruppi separati di cellule trasformati in melanoma (in situ)
    • T1a - melanoma con uno spessore inferiore a 1 mm, senza ulcera
    • T1b - meno di 1 mm di spessore, con un'ulcera
    • T2a - 1-2 mm di spessore, senza ulcera
    • T2b - 1-2 mm di spessore, con un'ulcera
    • T3a - 2-4 mm di spessore, senza ulcera
    • T3b - 2-4 mm di spessore, con un'ulcera
    • T4a - più di 4 mm di spessore, senza ulcera
    • T4b - melanoma più di 4 mm di spessore, con un'ulcera

    Valutazione dei linfonodi regionali (N)

    • N0 - nessun danno ai linfonodi
    • Metastasi linfonodali N1 -1
    • N1a - visibile solo al microscopio
    • N1b - visibile su ultrasuoni o sentito al tatto (con palpazione)
    • N2 - metastasi in 2-3 linfonodi
    • N2a: tutto visibile solo al microscopio
    • N2b - visibile su ultrasuoni o sentito al tatto (con palpazione)
    • N2c - piccoli focolai di screening vicino al melanoma (metastasi satellitari)
    • N3 - metastasi in 4 linfonodi, metastasi satellitari

    Valutazione della presenza o dell'assenza di metastasi (M)

    • M0 - metastasi distanti sono assenti
    • M1a - metastasi alla pelle, tessuti circostanti o linfonodi distanti
    • M1b - metastasi trovate nei polmoni
    • M1c - metastasi con LDH elevata (lattato deidrogenasi)

    La divisione del melanoma in 4 fasi (clinica).

    Le 4 fasi del cancro che sono riconoscibili dalla maggior parte delle persone possono anche essere selezionate per il melanoma in base ai numeri in TNM. Nella versione moderna, dopo il numero che designa il palco, è possibile indicare le lettere A per varianti più favorevoli della malattia o B per varianti meno favorevoli.

    Le fasi iniziali del melanoma.

    Stadio 0 - cancro in situ (sul posto), questo è lo stadio iniziale del melanoma, le sue cellule non si diffondono oltre lo strato superficiale della pelle, localizzato strettamente nell'epidermide. Questo corrisponde alla classificazione TNM: TisN0M0.
    1 Stadio di melanoma: il tumore si trova all'interno dello strato superficiale, il suo spessore è inferiore a 1,3 mm. Non sono state rilevate metastasi, non vi è stata ulcerazione dell'epidermide. Il tasso di divisione cellulare è piccolo (meno di 1 per millimetro quadrato di pelle). Secondo TNM, questa variante dello stadio iniziale del melanoma corrisponde a T1aN0M0.
    Lo stadio 1 B è T1bN0M0 o T2aN0M0 - lo spessore del tumore è inferiore a 1,3 mm di pelle, mentre il tasso di divisione cellulare è superiore a 1 per millimetro quadrato e non vi è ulcerazione dell'epidermide. Oppure lo spessore può essere fino a 2,3 mm, ma non ci saranno cambiamenti ulcerativi nella pelle. E alla prima, e alla seconda opzione, il prerequisito è l'assenza di metastasi nei linfonodi e negli organi interni.

    Melanoma di stadio 2.

    2 Uno stadio di melanoma può essere considerato come quello iniziale in TNM: T2bN0M0 o T3aN0M0. La prima opzione è che lo spessore del melanoma è compreso tra 1,3 e 2,3 mm e quindi le ulcere si formano sulla pelle. La seconda opzione è uno spessore da 2,3 a 4,3 mm, ma nessuna ulcera.
    Lo stadio 2 B del melanoma può essere considerato condizionalmente quello iniziale. Questo è T3bN0M0 o T4aN0M0 di TNM. Nel primo caso, lo spessore del melanoma può variare da 2,3 a 4,3 mm, in combinazione con la presenza di un'ulcera cutanea. Nel secondo caso, lo spessore è superiore a 4 mm, ma non ci sono ulcere.
    Lo stadio 2 di melanoma non può più essere considerato iniziale. Corrisponde a T4bN0M0 - cancro più di 4,3 mm di spessore in combinazione con la formazione di ulcere cutanee multiple. Allo stesso tempo, non ci sono metastasi nei linfonodi o negli organi interni.

    Melanoma allo stadio 3.

    Una fase 3 melanoma combina molte forme di realizzazione T1aN1aM0, T2aN1aM0, T3aN1aM0, T4aN1aM0, T1aN2aM0, T2aN2aM0, T3aN2aM0, T4aN2aM0 - cancro raggiunge uno spessore da 1,3 mm a 4,3 mm o più, mentre nessun ulcere della pelle. La metastasi si verifica solo nei linfonodi più vicini (da 1 a 3).
    Lo stadio 3 B del melanoma contiene ancora più combinazioni TNM. Possono essere suddivisi in 3 flussi principali:

    1. T1bN1aM0; T2bN1aM0; T3bN1aM0; T4bN1aM0; T1bN2aM0; T2bN2aM0; T3bN2aM0; La metastasi si verifica solo nei linfonodi più vicini al melanoma e, allo stesso tempo, aumentano in misura insignificante.
    2. T1aN1bM0, T2aN1bM0, T3aN1bM0, T4aN1bM0, T1aN2bM0, T2aN2bM0, T3aN2bM0, T4aN2bM0 - spessore del tumore anche all'interno della gamma di 1,3 mm o più, metastatizza ai linfonodi vicini con il loro aumento significativo del legame. Sulla pelle non si osserva ulcerazione dell'epidermide.
    3. T1aN2cM0, T2aN2cM0, T3aN2cM0, T4aN2cM0 - germinazione avviene cellule di melanoma nei condotti linfatici, può anche essere diffuso sull'epidermide pure, i linfonodi colpiti, che si trovano nei pressi del melanoma. I linfonodi sembrano grappoli, aumentando di dimensioni diverse volte. Lo spessore del tumore può variare da 1,3 a 4,3 mm o più, ma non c'è ulcerazione.

    Lo stadio 3 C del melanoma può anche essere rappresentato da tre flussi principali:

    1. T1bN1bM0, T2bN1bM0, T3bN1bM0, T4bN1bM0, T1bN2bM0, T2bN2bM0, T3bN2bM0, T4bN2bM0 - le metastasi si verifica nei linfonodi più vicini al loro aumento significativo, senza altre metastasi. La profondità di penetrazione nell'epidermide può essere diversa, ma deve essere combinata con una lesione ulcerosa della pelle.
    2. T1bN2cM0, T2bN2cM0, T3bN2cM0, T4bN2cM0 - si verifica metastasi non solo nei linfonodi vicini, ma i dotti linfatici per la pelle adiacente al tumore. I linfonodi sono drammaticamente ingranditi, dolorosi. Lo spessore del tumore può variare da 1,3 a 4,3 mm o più, ma deve essere combinato con l'ulcerazione della pelle.
    3. T1aN3M0, T2aN3M0, T3aN3M0, T4aN3M0, T1bN3M0, T2bN3M0, T3bN3M0, T4bN3M0 - metastatizzato melanoma applicare più di 4 linfonodi, che ha drasticamente aumentato in dimensione o coperchi fusi insieme linfonodi, così come può metastatizzare linfa dotti. Secondo la profondità di penetrazione, il tumore può essere più di 4,3 mm. È combinato con l'ulcerazione della pelle.

    Stadio 4 melanoma.

    Il melanoma dello stadio 4 corrisponde a qualsiasi valore della classificazione secondo TNM, dove M1a, M1b o M1c si trova alla fine, cioè TxNxM1. Allo stesso tempo, le metastasi del melanoma appaiono nei linfonodi distanti con il loro aumento, o la pelle in luoghi distanti, o negli organi interni (polmoni, fegato, cervello, fegato e altri). Il cancro può diffondersi su tutta la superficie della pelle e nel tessuto adiposo sottocutaneo. In profondità, si diffonde un tumore maligno, di solito più di 4 mm.

    Come riconoscere il melanoma in una fase iniziale

    Il melanoma può svilupparsi sia da moli che su cute chiara Il melanoma è una formazione maligna che è significativamente diversa dalle altre patologie cutanee. È formato da melanociti - cellule del pigmento che producono un pigmento scuro che determina il colore del derma. L'incidenza del tumore è di 1-2 casi ogni 100 mila abitanti. La mortalità si verifica nello 0,74% dei casi in relazione a tutti i tumori maligni. Il melanoma si forma sia al posto dei nevi che sulla pelle.

    Che cosa sembra una neoplasia del melanoma (video)

    Quadro clinico

    Sulla base delle caratteristiche istologiche e cliniche, ci sono 4 tipi di tumori maligni:

    • acrale-lentigginoso;
    • superficialmente diffondendo;
    • lentigo;
    • giunzione.

    Nei 2/3 compaiono tumori che diffondono superficialmente. Come appaiono, puoi vedere nella foto del nostro articolo. Fondamentalmente, si tratta di un singolo tumore piatto, leggermente elevato rispetto al derma. La colorazione può essere diversa: da rossastro a nero-marrone. A volte c'è una zona di regressione, dipinta di un colore biancastro e che ricorda le cicatrici. Se lo sono, la diagnosi sarà più facile.

    Un tumore superficialmente diffuso è un tumore piatto che può avere un colore diverso.

    Il melanoma di lentigo può anche essere identificato nella foto. Si verifica in aree aperte del corpo che sono colpite dal sole, più spesso sul viso. La crescita va avanti per molti anni. Il colore è prevalentemente marrone, potrebbero esserci altre tonalità. Il punto aumenta gradualmente di dimensioni e sale sopra il derma. Questo gruppo comprende circa il 7% dei tumori.

    Il melanoma di lentigo si verifica in parti del corpo che sono spesso esposte ai raggi ultravioletti.

    Puoi vedere nella foto che aspetto ha un tumore lentieroide acrale. La vista presentata è meno comune. Il tumore si trova sulle mucose della bocca, delle palme, nella regione ano-genitale, sulle suole e sotto le unghie. In una fase precoce, è difficile riconoscere un tumore desmoplastico.

    Il tumore lentigiale o desmoplastico dell'acriale nelle prime fasi è piuttosto difficile da riconoscere.

    Neoplasie maligne (come si vede, si può vedere nella foto) nel 30% dei casi si sviluppano da talpe. Nel 70% si formano sulla pelle pulita. Tra le altre cose, il tumore può trovarsi sotto le unghie e sulla mucosa. Puoi imparare come diagnosticare e curare il melanoma della retina leggendo l'articolo pertinente sul nostro sito web.

    Dati comparativi sul colore del melanoma primitivo della pelle (1 ° gruppo) e tumori di altra origine e malformazioni cutanee (2 ° gruppo) (M ± m)

    Colore della pelle

    A causa di ciò che appare

    L'aspetto del melanoma è associato a stimolazione ormonale durante la pubertà o con lesioni della pelle

    Il melanoma si presenta per una serie di motivi. I fattori che provocano la comparsa di macchie irregolari sono:

    • esposizione a radiazioni ultraviolette;
    • frequenti visite al solarium;
    • la presenza di un tumore nei parenti;
    • età avanzata;
    • la presenza di un gran numero di moli;
    • un gran numero di lentiggini, pelle chiara e capelli rossi.

    Come diagnosticare e trattare

    Anche nella fase iniziale, il tumore dovrebbe essere trattato. Il medico esaminerà il nevo, effettuerà un esame completo. Il melanoma è molto aggressivo. Il suo sviluppo può provocare traumi permanenti.

    • In primo luogo, il medico esamina l'aspetto e quindi controlla le condizioni dei linfonodi. Inoltre, viene utilizzato uno studio di radioisotopi che utilizza fosforo. La sua maggiore presenza dice che il melanoma si è sviluppato.
    • La citologia può essere utilizzata. In questo caso, se il melanoma ha ulcerazioni, viene presa un'impronta dalla sua superficie. È analizzato e fatto delle conclusioni. Ultrasuoni di organi interni, tomografia o radiografia aiutano a identificare le metastasi.
    • Quando viene trattato nella fase iniziale, il melanoma viene semplicemente asportato. Indipendentemente dal grado di diffusione del tumore, è anche necessario rimuovere parte della pelle sana. Si raccomanda di eseguire un'ampia asportazione. Allo stesso tempo, circa un centimetro di pelle sana viene catturata a uno spessore del tumore inferiore a 1 mm. Se lo spessore è 1-2 mm, vengono rimossi 1-2 centimetri del tumore e la pelle normale. Da tutti i lati è possibile rimuovere non più di 2 centimetri di tessuto. Con una grande incisione, i difetti possono rimanere e la ferita si rimargina più a lungo.
    • La terapia aggiuntiva può essere prescritta da uno specialista, che ridurrà il rischio di recidiva. Se si sospetta una lesione del linfonodo, viene eseguita una biopsia e, se necessario, la rimozione.
    • L'immunoterapia ha un buon effetto. Questo metodo viene utilizzato immediatamente dopo l'escissione del tumore.

    Al fine di evitare danni alla pelle di questa malattia, è importante adottare misure preventive.

    Il valore della prevenzione

    Ora sai come appare un tumore maligno nella fase iniziale dello sviluppo, ma non è abbastanza. È necessario effettuare periodicamente la diagnosi delle talpe, per controllare se la loro struttura, colore o spessore sono cambiati. Se il processo di ispezione rivela sintomi allarmanti, è necessario contattare immediatamente uno specialista.

    È anche importante limitare il tempo trascorso al sole. Se il clima è caldo, è necessario proteggere le aree aperte del corpo e la testa dalla luce solare diretta. Dovresti usare speciali creme protettive e indossare occhiali da sole. Non dovresti essere coinvolto in viaggi al solarium - può influenzare negativamente le talpe.

    Nella fase iniziale, è difficile riconoscere un tumore maligno. In considerazione di ciò, se vi sono sospetti, si consiglia di rivolgersi immediatamente a uno specialista. Ha effettuato la diagnosi e la diagnosi necessarie.

    Diagnosi precoce del melanoma (video)

    È importante ricordare che nella fase iniziale qualsiasi malattia viene trattata meglio. Il tumore viene semplicemente asportato, a volte viene eseguita l'immunoterapia. Allo stesso tempo, le previsioni di sopravvivenza sono molto buone, il che non si può dire su un tumore a sviluppo prolungato.

    Come fa il melanoma della pelle, i suoi tipi e metodi di trattamento

    Circa 40 anni fa, il melanoma cutaneo era una malattia relativamente rara. Tuttavia, negli ultimi decenni, la sua frequenza è aumentata in modo significativo e il tasso di crescita annuale è aumentato fino al 5%. Cos'è il melanoma pericoloso?

    Cause e fattori di rischio

    Il melanoma è una delle varietà di neoplasie maligne della pelle, che si sviluppa dalle cellule del pigmento - melanociti che producono melanine, ed è caratterizzata dalla natura aggressiva, spesso imprevedibile e variabile del decorso clinico.

    La sua localizzazione più frequente - la pelle, molto meno spesso - la membrana mucosa degli occhi, la cavità nasale, la bocca, la laringe, la pelle del canale uditivo esterno, l'ano, gli organi genitali esterni femminili. Questo tumore è una delle forme più gravi di cancro, che colpisce sproporzionatamente spesso i giovani (15-40 anni), e occupa il 6 ° posto tra tutti i tumori maligni negli uomini e il 2 ° posto nelle donne (dopo il cancro cervicale).

    Può svilupparsi indipendentemente, ma più spesso è "mascherato" sullo sfondo delle voglie, che non causa preoccupazione alle persone e crea notevoli difficoltà per i medici in termini di diagnosi più precoce possibile. Nella velocità con cui questa neoplasia si sviluppa ed è difficile da rilevare nelle fasi iniziali, c'è un altro pericolo che spesso interferisce con la diagnosi tempestiva. Già da 1 anno si diffonde (metastatizza) ai linfonodi, e presto attraverso i vasi linfatici e sanguigni, praticamente, a tutti gli organi - ossa, cervello, fegato, polmoni.

    motivi

    La principale teoria moderna sull'origine e il meccanismo di sviluppo del melanoma è genetica molecolare. In accordo con questo, il DNA è danneggiato nelle cellule normali dal tipo di mutazioni geniche, cambiamenti nel numero di geni, riarrangiamenti cromosomici (aberrazioni), interruzione dell'integrità cromosomica e sistema enzimatico del DNA. Tali cellule diventano capaci di crescita tumorale, riproduzione illimitata e rapida metastasi.

    Tali violazioni sono provocate o provocate da fattori di rischio esterni esogeni o endogeni, nonché dai loro effetti combinati.

    Fattori di rischio esogeni

    Questi includono agenti chimici, fisici o biologici ambientali che hanno un effetto diretto sulla pelle.

    Fattori di rischio fisici:

    1. Lo spettro ultravioletto della radiazione solare. La sua connessione con il verificarsi del melanoma è di natura paradossale: quest'ultima si verifica principalmente nelle aree del corpo che sono chiuse dai vestiti. Questo indica lo sviluppo di una neoplasia, non tanto come risultato del diretto, quanto piuttosto l'effetto indiretto della radiazione UV sull'organismo nel suo complesso. Inoltre, non è tanto la durata che conta quanto l'intensità dell'irradiazione. Negli ultimi anni, la letteratura scientifica attira l'attenzione sul rischio particolarmente elevato di scottature da sole - anche quelle ottenute durante l'infanzia e l'adolescenza, in età avanzata, possono giocare un ruolo significativo nello sviluppo della malattia.
    2. Radiazione ionizzante di fondo aumentata.
    3. Radiazione elettromagnetica - un tumore è più comune tra le persone professionalmente associate alle apparecchiature di telecomunicazione e all'industria elettronica.
    4. La lesione meccanica delle voglie, indipendentemente dalla sua frequenza, è ad alto rischio. Infine, non è chiaro se sia la causa o il trigger, tuttavia, questo fattore è associato al 30-85% dei casi di melanoma.

    Fattori chimici

    Sono importanti soprattutto tra coloro che lavorano nell'industria petrolchimica, del carbone o farmaceutica, così come nella produzione di gomma, plastica, vinile e cloruro di polivinile e coloranti aromatici.

    Tra i fattori biologici, i più importanti sono:

    1. Caratteristiche alimentari. Un elevato apporto giornaliero di proteine ​​e grassi di origine animale, un basso consumo di frutta e verdura fresca ad alto contenuto di vitamine A e C e alcune altre sostanze bioattive sono un rischio in termini di sviluppo della diffusione superficiale e forme nodulari (nodulari) di melanoma, e anche tumori del tipo di crescita inclassificabile.
      Per quanto riguarda l'uso sistematico delle bevande alcoliche, si ipotizza teoricamente che possano provocare la crescita di melanomi, ma non ci sono prove pratiche a riguardo. L'assenza di un legame tra il consumo di bevande contenenti caffeina (tè forte, caffè) e tumori maligni è stata accuratamente dimostrata. Pertanto, l'alimentazione per il melanoma della pelle deve essere bilanciata principalmente a causa di prodotti di origine vegetale, in particolare frutta e verdura, e contengono una ricca quantità di vitamine e antiossidanti (mirtilli, tè verde, albicocche, ecc.).
    2. Accettazione di farmaci contraccettivi orali, nonché di farmaci estrogeni prescritti per il trattamento di disturbi mestruali e disturbi autonomici associati al periodo della menopausa. La loro influenza sullo sviluppo del melanoma rimane ancora solo un'ipotesi, poiché non esiste una chiara correlazione tra di essi.

    Come si sviluppa il melanoma

    Fattori di rischio endogeni

    Sono divisi in due gruppi, uno dei quali è costituito da fattori che sono una caratteristica biologica dell'organismo:

    • basso grado di pigmentazione - pelle bianca, occhi azzurri e chiari, colore dei capelli rosso o chiaro, un gran numero di lentiggini, soprattutto rosa, o una tendenza al loro aspetto;
    • predisposizione ereditaria (familiare) - la malattia è principalmente responsabile del melanoma nei genitori; il rischio aumenta se la madre era malata o c'erano più di due persone con melanoma in famiglia;
    • dati antropometrici - un rischio più elevato del suo sviluppo in persone con area cutanea di oltre 1,86 m 2;
    • disturbi endocrini - un alto contenuto di ormoni sessuali, in particolare di estrogeni e di ormone melanico-stimolante (melatonina), prodotto nei lobi medi e intermedi dell'ipofisi; una diminuzione della loro produzione dopo i 50 anni coincide con una diminuzione dell'incidenza del melanoma, anche se alcuni autori, al contrario, indicano un aumento della frequenza in età avanzata;
    • stati di immunodeficienza;
    • gravidanza e allattamento, stimolando la trasformazione dei pigmenti nevi in ​​melanoma; questo è tipico soprattutto per le donne con una gravidanza tardiva (all'età di 31 anni) e una gravidanza con un grande feto.

    Il secondo gruppo è i nevi, che sono cambiamenti cutanei di natura patologica e sono caratterizzati dal massimo grado di probabilità di trasformazione in melanoma, oltre ad essere i suoi predecessori. Queste sono formazioni benigne composte da cellule pigmentate (melanociti) di diversi gradi di maturità (differenziazione), situate in numeri diversi in diversi strati della pelle. Un nevo congenito è chiamato una voglia, ma nella vita di tutti i giorni tutte le formazioni di questo tipo (congenite e acquisite) sono chiamate voglie. I maggiori rischi sono:

    • nevi di pigmenti neri o marroni scuri con una dimensione di 15 mm o più;
    • la presenza di 50 o più di queste formazioni di qualsiasi dimensione;
    • La melanosi di Dubreuil è una piccola, lentamente aumentante nel corso degli anni, macchia bruna con contorni irregolari, che di solito si localizza sul viso, sulle mani, sulla pelle del petto, meno spesso sulla mucosa orale;
    • xeroderma pigmentato della pelle, caratterizzato da elevata sensibilità alla luce solare; è una malattia ereditaria che viene trasmessa ai bambini solo se vi sono specifici cambiamenti nel DNA di entrambi i genitori; questi cambiamenti comportano la mancanza della capacità delle cellule di recuperare dai danni causati dalle radiazioni ultraviolette.

    Come distinguere una talpa da un melanoma?

    La vera frequenza dell'ultimo nevo non è chiara. I tipi di nevo con il più alto rischio sono stati stabiliti: un tipo complesso - il 45%, borderline - il 34%, intradermico - il 16%, il blu scuro - il 3,2%; pigmentato gigante - 2-13%. Allo stesso tempo, le formazioni congenite rappresentano il 70%, acquisite - il 30%.

    Sintomi di melanoma

    Nelle fasi iniziali dello sviluppo di un tumore maligno in una pelle sana, e in particolare sullo sfondo di un nevo, ci sono poche evidenti differenze visive tra di loro. Le voglie benigne sono caratteristiche:

    1. Forma simmetrica
    2. Smooth anche profili.
    3. Pigmentazione uniforme, che conferisce alla formazione un colore dal giallo al marrone e talvolta anche nero.
    4. Una superficie piatta che è a filo con la superficie della pelle circostante o leggermente al di sopra di essa.
    5. Nessun aumento di dimensioni o un leggero aumento nel tempo.

    Ogni punto di nascita passa attraverso le seguenti fasi di sviluppo:

    1. Il nevo di confine, che è una formazione chiazzata, i nidi delle cellule di cui si trovano nello strato epidermico.
    2. Nevo misto: i nidi cellulari migrano verso il derma su tutta l'area del punto; clinicamente, un tale elemento è una formazione papulare.
    3. Nevo intradermico: le cellule della formazione scompaiono completamente dallo strato epidermico e rimangono solo nel derma; gradualmente l'educazione perde la pigmentazione e subisce uno sviluppo inverso (involuzione).

    Che aspetto ha il melanoma?

    Può essere sotto forma di pigmento piatto o macchia non pigmentata con una leggera elevazione, forma rotonda, poligonale, ovale o irregolare con un diametro superiore a 6 mm. Per lungo tempo, può mantenere una superficie liscia e lucida, su cui compaiono in seguito piccole ulcerazioni, irregolarità, sanguinamento con una lesione minore.

    La pigmentazione è spesso irregolare, ma più intensa nella parte centrale, a volte con un caratteristico bordo nero attorno alla base. Il colore dell'intera neoplasia può essere marrone, nero con una sfumatura bluastra, cremisi e variegato sotto forma di singoli punti distribuiti irregolarmente.

    In alcuni casi, assume la forma di papillomi cresciuti, simile a un "cavolfiore", o la forma di un fungo su una base ampia o su una gamba. Accanto al melanoma, a volte compaiono focolai o fuochi aggiuntivi con il tumore principale ("satelliti"). Occasionalmente, il tumore si manifesta con arrossamento limitato, che si trasforma in un'ulcera permanente, il cui fondo è pieno di escrescenze. Quando si sviluppa sullo sfondo di una voglia, un tumore maligno può svilupparsi alla sua periferia, formando una formazione asimmetrica.

    Un'adeguata percezione da parte del pubblico di quali sono i primi segni del melanoma contribuisce in larga misura al suo tempestivo (nelle fasi iniziali) e al trattamento efficace.

    Stadi di sviluppo di un tumore maligno:

    • Primario o locale (insitu), limitato;
    • I - melanoma di 1 mm di spessore con una superficie danneggiata (ulcerazione) o 2 mm - con intatto;
    • II - spessore fino a 2 mm con presenza di una superficie danneggiata o superiore a 2 mm (fino a 4 mm) con superficie liscia;
    • III - un tumore con qualsiasi superficie e spessore, ma già con focolai o metastasi vicini in almeno un linfonodo "in servizio" (localizzato in posizione ravvicinata);
    • IV - germinazione del tumore nei tessuti sottostanti, aree cutanee remote, metastasi a linfonodi distanti, polmoni o altri organi - cervello, ossa, fegato, ecc.

    Di grande importanza è la conoscenza dei sintomi affidabili e significativi della transizione delle formazioni benigne nello stato attivo. Come riconoscere una formazione maligna e il momento di trasformazione della voglia in esso? I primi segnali sono i seguenti:

    1. Un aumento delle dimensioni planari di un nevo o di una neo molto lentamente crescente, o la rapida crescita di un nevo appena formato.
    2. Cambia la forma o la forma di un'educazione esistente. Evento su qualsiasi della sua area di sigilli o asimmetria dei contorni.
    3. Scolorimento o scomparsa dell'uniformità del colore di uno spot "birthmark" esistente o acquisito.
    4. Il cambiamento di intensità (aumento o diminuzione) della pigmentazione.
    5. La comparsa di sensazioni insolite - prurito, formicolio, bruciore, "scoppio".
    6. La comparsa di arrossamento attorno alla voglia sotto forma di una corolla.
    7. La scomparsa di peli dalla superficie della formazione, se lo fossero, la scomparsa del disegno della pelle.
    8. La comparsa di crepe, desquamazione e sanguinamento con lievi ferite (leggero sfregamento degli indumenti) o anche senza di essi, così come la crescita del tipo di papilloma.

    La presenza di uno di questi sintomi, e ancor più la loro combinazione, è un motivo per il paziente di recarsi presso un'istituzione medica oncologica specializzata per la diagnosi differenziale e come trattare il melanoma, che dipende dal suo tipo e stadio di sviluppo.

    diagnostica

    La diagnosi di un tumore maligno è effettuata principalmente da:

    1. Conoscenza delle lamentele del paziente, chiarimenti sulla natura dei cambiamenti nell'educazione "sospetta", il suo esame visivo, l'esame dell'intero paziente al fine di contare il numero di segni di nascita, distinguere tra loro diversi e promuovere la loro ricerca.
    2. Studi clinici generali su sangue e urina.
    3. La dermatoscopia dell'hardware, che consente di esaminare gli strati della pelle, è aumentata di alcune dozzine di volte (da 10 a 40), la neoplasia e una conclusione abbastanza precisa sulla sua natura e sui suoi limiti in base ai criteri diagnostici pertinenti.
    4. Esame ad ultrasuoni degli organi addominali, calcolo e risonanza magnetica del midollo spinale e del cervello, radiografia del torace, per determinare la diffusione e la presenza di metastasi in altri organi.
    5. Esame citologico dello striscio (in presenza di ulcerazioni) o / e materiale ottenuto dalla puntura del linfonodo (in rari casi). A volte lo studio del punteggiato da un linfonodo ingrandito consente di diagnosticare la presenza della malattia nell'assenza apparente di un tumore primario.
    6. Una biopsia escissionale, il cui scopo è quello di escludere una formazione "sospetta" per un tumore maligno (entro 0,2-1 cm verso l'esterno dai margini), seguita da un esame istologico urgente. Dopo la conferma della diagnosi di melanoma, viene immediatamente effettuata un'ulteriore rimozione radicale. Tale diagnosi viene effettuata nei casi in cui tutti gli altri risultati degli studi preliminari sono rimasti dubbiosi.

    Alcuni tipi di melanoma

    Esistono molti tipi di melanoma, a seconda della composizione cellulare e della natura della crescita. Questa classificazione è dovuta al fatto che diverse forme hanno una diversa tendenza alla distribuzione locale e al tasso di metastasi. Permette all'oncologo di orientarsi nella scelta delle tattiche di trattamento.

    Melanoma acromatico o non pigmentato

    Si presenta molto meno frequentemente rispetto ad altre specie ed è difficile da diagnosticare perché ha il colore della pelle normale e viene notato dai pazienti già nelle ultime fasi dello sviluppo. La sua formazione inizia con una piccola compattazione che, man mano che cresce, si ricopre di squame epiteliali lamellari e acquisisce una superficie ruvida.

    A volte questa neoplasia sembra una cicatrice con bordi irregolari, a volte con una forma smerlata, rosa o biancastra. L'aspetto della corolla di natura infiammatoria è accompagnato da gonfiore, prurito e talvolta perdita di capelli e piaghe. È possibile curare il melanoma non pigmentato? Questa forma della malattia è molto pericolosa a causa del rilevamento tardivo, una tendenza alla crescita aggressiva e molto veloce, nelle fasi iniziali, metastasi. Pertanto, nella fase I, è ancora possibile un trattamento efficace negli stadi successivi della malattia, anche dopo trattamento con radicali intensivi, si sviluppa recidiva o metastasi del tumore.

    Melanoma fusiforme

    Ricevuto tale nome, in connessione con la forma caratteristica delle cellule, determinata dallo studio istologico o citologico. Hanno l'aspetto di un fuso e si trovano separatamente l'uno dall'altro. Intrecciati con processi citoplasmatici di varie lunghezze, che a volte si estendono su distanze considerevoli, le cellule tumorali formano fili, grappoli e fasci.

    La forma dei nuclei e il loro numero in cellule diverse non sono gli stessi: ci possono essere cellule con due o più nuclei allungati, ovali, arrotondati. La melanina è concentrata principalmente nei processi, in modo che acquisiscano un aspetto granuloso e chiazzato, che li distingue dai tumori del sarcoma o del tessuto neurale (neuroma).

    A causa della significativa somiglianza con le cellule di talpe, la diagnostica citologica presenta spesso notevoli difficoltà.

    Melanoma nodulare o nodulare

    Nel numero di diagnosi occupa il 2 ° posto e varia dal 15 al 30%. Si verifica più spesso dopo i 50 anni di età in qualsiasi parte del corpo, ma di solito negli arti inferiori nelle donne e sul corpo negli uomini, spesso sullo sfondo di un nevo. In connessione con la crescita verticale, è uno dei più aggressivi ed è caratterizzato da un flusso rapido - 0,5-1,5 anni.

    Questo tumore ha una forma ovale o arrotondata e, di norma, quando il paziente visita il medico, assume già l'aspetto di una placca con bordi chiari e bordi rialzati, un colore nero o insolitamente blu-nero. Talvolta il melanoma nodulare raggiunge dimensioni significative o ha la forma di un polipo con superficie iperkeratica o ulcerosa.

    Melanoma subunguale

    Forma di tumore acuto-lentiginoso che colpisce la pelle dei palmi e dei piedi. Costituisce l'8-15% di tutti i melanomi ed è spesso localizzata sul primo dito o sui piedi. Il tumore spesso manca di una fase di crescita radiale e quindi la diagnosi nelle prime fasi è difficile. Entro 1-2 anni, si estende alla matrice dell'unghia e parte o tutta la lamina ungueale, che diventa marrone o nera. Papule e nodi apparenti sono spesso privi di pigmento, quindi la malattia inizialmente non attira l'attenzione del paziente e dura per mesi. In futuro, si verificano ulcerazioni e escrescenze di tipo fungoide.

    Trattamento del melanoma cutaneo

    Il metodo principale è l'escissione chirurgica del coltello, del laser o dell'onda radio del tumore. In presenza di focolai metastatici, viene utilizzata una combinazione di un metodo chirurgico con chemioterapia e immunoterapia.

    Come rimuovere una neoplasia maligna?

    Se le metastasi tumorali non vengono identificate, l'area della pelle interessata sul corpo e gli arti viene asportata ad una distanza di 3-5 cm dal suo bordo visibile, insieme a tessuto adiposo sottocutaneo, aponeurosi o fascia muscolare. Quando localizzato sulla pelle del viso, delle mani e vicino all'apertura naturale - a una distanza di 2-3 cm, sulle dita (forma subungueale) - viene eseguita l'amputazione o l'estrapolazione, sulla parte superiore e centrale del padiglione auricolare - rimozione di quest'ultimo.

    Se c'è un'ulcera di un tumore che cresce nel derma, così come la presenza di metastasi nel linfonodo più vicino ("in servizio"), l'intero "pacchetto" di linfonodi con tessuto sottocutaneo viene rimosso simultaneamente.

    Trattamento dopo l'intervento chirurgico

    La terapia viene effettuata principalmente in presenza di metastasi, o almeno se si sospetta tale possibilità. Per questi scopi viene utilizzata la chemioterapia, l'immunoterapia o una loro combinazione. I farmaci più comuni per il trattamento sono la somministrazione endovenosa o intramuscolare di ciclofosfamide, imidazolo carbossamide, cisplatino, dacarbamazina, carmustina. Il trattamento combinato con questi farmaci con Vinblastina e Metatriksatom, così come con immunopreparazioni - Interleuchina-2 o Interferone-alfa, viene spesso eseguito. Questa combinazione aiuta a prevenire il verificarsi di ricadute.

    Il melanoma è caratterizzato da una bassa sensibilità alle radiazioni radioattive. Pertanto, la radioterapia viene effettuata solo come un effetto sintomatico o palliativo, così come nei casi di un paziente che rifiuta un intervento chirurgico radicale. Inoltre, a volte è usato come preparazione preoperatoria e dopo l'intervento chirurgico.

    Dopo trattamento radicale, tutti i pazienti sono soggetti a continui esami medici al fine di individuare e trattare tempestivamente la recidiva di un tumore.