loader
Raccomandato

Principale

Sintomi

A proposito di cancro e tumori

di V.Petrenko e E.Deryugin


Negli ultimi anni, il numero di malattie oncologiche e la formazione di vari tumori è notevolmente aumentato. Ciò è dovuto a molti fattori, inclusa la posizione del nostro pianeta Terra nello spazio. Sulla Terra, nel Cosmo, nel corpo umano, l'ambiente chimico cambia continuamente: ora alcalino, poi acido. Man mano che i pianeti si muovono, i flussi di energia cambiano, influenzando il lavoro dei nostri organi e influenzando l'equilibrio acido-base nel corpo nel suo complesso. Ogni 2 ore l'energia entra in un determinato organo e la pulisce. Di conseguenza, l'ambiente sta cambiando, il che contribuisce allo sviluppo di virus o alla loro distruzione.

Se vuoi essere sempre puntuale sulle nuove pubblicazioni sul sito, iscriviti alla nostra newsletter.

TUTTO SU DI MEDICINA

Da dove vengono i tumori del cancro?

Il cancro è il nome di oltre 100 malattie che colpiscono qualsiasi organo in qualsiasi parte del corpo umano. Nelle persone affette da cancro, le cellule che hanno modificato patologicamente il DNA crescono in modo incontrollabile e rapido. Per cancro si intendono tumori maligni e neoplasie.

Cause del cancro

La causa del cancro è una mutazione del genoma. A causa di alcuni fattori, il lavoro dell'apparato genico viene disturbato, la cellula diventa incontrollabile, perde il suo normale ciclo di divisione e il corpo non può più influenzarlo - inizia a riprodursi attivamente. Se questa riproduzione non viene arrestata in tempo, l'organismo sarà condannato.

Ci sono molti fattori che causano mutazioni e sono molto diversi. Ad esempio, la nicotina è un veleno vascolare universale che può causare tumori maligni non solo nei polmoni, ma anche nello stomaco, nell'esofago e nella cervice, poiché viene trasportato a molti organi nel sangue.

Esistono anche tumori professionali provocati dal contatto con agenti cancerogeni chimici. Le persone che spesso interagiscono con i coloranti all'anilina spesso hanno il cancro alla vescica e le persone che lavorano nei negozi caldi hanno il cancro ai polmoni. Il cancro può anche causare gas di scarico, in quanto contengono molto bepyrene. Un alto rischio di cancro si osserva anche nelle persone che vivono in un ambiente inquinato.

• Le lesioni alla pelle e alle mucose, così come altri organi da parte di stimoli chimici o meccanici, aumentano il rischio di un tumore nell'area;

Come si forma un cancro?

Le cellule tumorali sono formate da cellule normali come risultato di un processo complesso - la trasformazione. All'inizio, subiscono l'iniziazione - un cambiamento nel materiale genetico, che rende la cellula maligna. L'iniziazione è causata da agenti cancerogeni, ad esempio radiazioni, virus, sostanze chimiche o radiazioni solari. Ma non tutte le cellule sono ugualmente sensibili agli agenti cancerogeni. Una cellula può essere suscettibile agli agenti cancerogeni da un promotore (un difetto genetico in una cellula o un altro agente) o un'irritazione fisica prolungata.

La cellula maligna diventa allo stadio della promozione. Nel processo di trasformazione di una cellula normale in una maligna, il DNA cambia (acido desossiribonucleico, di cui sono composti i geni). I cambiamenti genetici nelle cellule sono difficili da rilevare, ma in alcuni casi la presenza di oncologia può indicare cambiamenti nella forma o nella lunghezza di uno dei cromosomi.

Mi si moltiplica nel corpo, le cellule tumorali non consentono una crescita sana, bloccano l'accesso ai nutrienti, distruggono i tessuti sani.

Cosa si nutre del cancro

Il cancro si nutre dei seguenti prodotti:

• sostituti dello zucchero. È meglio usare dolcificanti - miele o melassa, ma non esagerare;

• Latte. A causa del latte nel corpo, si produce muco, specialmente nel tratto gastrointestinale, che è un alimento per le cellule tumorali. Il consumo di latte dovrebbe essere ridotto o sostituito con soia.

• Caffè e cioccolato. L'alternativa migliore è il tè verde.

• Ambiente acido. Tutte le condizioni per un ambiente acido nel nostro corpo creano carne. Preferenza è dare pesce o pollame.

10 prodotti vincitori del cancro

Dicono: "Tu sei quello che mangi". Da qui la semplice conclusione: la tua salute e la tua malattia derivano da ciò che mangi. Nella lotta contro il cancro, oltre alla farmacologia complessa, aiuta il cibo ordinario, che - l'essenza della vita del corpo umano.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un elenco di prodotti che contribuiscono al rafforzamento generale del sistema immunitario, hanno un effetto antidepressivo sulla psiche, aumentano il tono generale del corpo. Ma la proprietà più notevole di questi prodotti benefici è che sono in grado di fermare la crescita delle cellule tumorali.

Gli esperti raccomandano di attenersi alla seguente regola: su un piatto ci dovrebbero essere sempre 2/3 di prodotti a base di erbe e non più di 1/3 di proteine.

crucials

Broccoli, cavolfiori, cavoli, cavoletti di Bruxelles, bok choy, crescione e altri ortaggi che hanno già guadagnato la reputazione di combattenti del cancro.

Queste verdure contengono indoli che stimolano la formazione di un potente antiossidante, l'enzima glutatione perossidasi. Gli scienziati ritengono che le indole inattivano gli estrogeni in eccesso che possono causare il cancro, in particolare i tumori della mammella. Queste verdure contengono anche molta vitamina C, un potente antiossidante. Per la massima conservazione degli indoli, queste verdure sono preferibilmente consumate crude o dopo una breve cottura a vapore.

Prodotti a base di soia e soia

La soia e tutti i prodotti a base di soia (tofu, tempeh, miso e salsa di soia) impediscono la riproduzione di cellule maligne. Inoltre, contengono isoflavoni e fitoestrogeni con attività antitumorale. Inoltre, i prodotti a base di soia riducono gli effetti tossici di radiazioni e chemioterapia.

Cipolle di diverse varietà e aglio

L'aglio ha proprietà chelanti, cioè la capacità di legare le tossine, incluso, ad esempio, il cadmio potenzialmente cancerogeno dal fumo di sigaretta e di rimuoverle dal corpo. Attiva anche i globuli bianchi che assorbono e distruggono le cellule tumorali. Uno dei tipi più comuni di cancro è il cancro allo stomaco, ma il consumo regolare di aglio e cipolle riduce la probabilità di questa malattia. L'aglio serve anche come fonte di zolfo, essenziale per il fegato per svolgere una funzione disintossicante.

Le cipolle si comportano in modo simile, anche se in misura minore. Sia l'aglio che la cipolla contengono allicina, una sostanza contenente zolfo con un potente effetto disintossicante. Considerando che il fegato è un organo universale che purifica il corpo da agenti cancerogeni e patogeni, l'importanza delle cipolle e dell'aglio non può essere sovrastimata.

Alghe brune

Nelle alghe brune contiene molto iodio, che è necessario per la ghiandola tiroidea, che regola il metabolismo dello zucchero (energia) nel sangue. È noto che, a partire dai 25 anni di età, la ghiandola tiroidea sta gradualmente diminuendo di dimensioni e molte persone mostrano la sua insufficienza di funzionalità con l'età (una diminuzione della produzione di ormoni). Se la produzione di energia diminuisce, il metabolismo dello zucchero nel sangue cambia di conseguenza, creando condizioni favorevoli per il cancro. Nelle alghe brune contiene molto selenio, che è un potente antiossidante.

Frutta a guscio e semi di frutta

Nelle noci di mandorle c'è leatril, una sostanza naturale, che contiene una sostanza simile al cianuro, che è letale per le cellule maligne. Gli antichi greci, romani, egiziani e cinesi mangiavano semi e semi di frutta come le albicocche, credendo di sopprimere lo sviluppo del cancro.

Semi di lino e semi di sesamo, zucca e semi di girasole contengono lignani nel loro guscio duro esterno. Questi sono i cosiddetti fitoestrogeni (sostanze che imitano l'azione dell'ormone estrogeno), che aiutano a rimuovere l'eccesso di estrogeni dal corpo. E 'noto che l'eccesso di estrogeni stimola la comparsa di tumori ormono-dipendenti, in particolare i tumori al seno, alle ovaie e all'utero.

Un sacco di lignani si trovano anche in soia, tofu, miso e tepeha - forse questo è uno dei motivi per cui i tumori ormono-dipendenti sono meno comuni nei paesi asiatici.

Funghi giapponesi e cinesi

I funghi Maitake, shiitake e rhei-si contengono potenti immunostimolanti - i polisaccaridi chiamati beta glucani.

Nei funghi ordinari non ci sono, quindi ha senso cercare queste droghe orientali naturali, anche se essiccate, nei supermercati e nei negozi che vendono cibo cinese. Usali in tutti i piatti in cui vengono aggiunti funghi.

pomodori

Negli ultimi anni, i pomodori hanno ricevuto particolare attenzione in relazione alla scoperta delle loro proprietà antitumorali. I pomodori contengono licopene, un potente antiossidante.

Pesce e uova

Sono una ricca fonte di acidi grassi omega-3 che inibiscono la formazione di cellule tumorali. Al momento, la preferenza per le razze ittiche è data al dimenamento.

Agrumi e bacche

Agrumi e mirtilli contengono bioflavonoidi che supportano e potenziano l'attività antiossidante della vitamina C, di cui questi frutti e bacche sono particolarmente ricchi. Fragola, lampone e melograno contengono acido ellagico - un potente antiossidante che previene i danni ai geni e rallenta la crescita delle cellule tumorali. Con i mirtilli, otteniamo anche sostanze che impediscono i processi ossidativi e rallentano il processo di invecchiamento.

Condimenti utili

La curcuma (curcuma), è una polvere gialla brillante dai tuberi di una pianta della famiglia dello zenzero, ampiamente usata come condimento. La curcuma ha buone proprietà anti-cancro, specialmente nel trattamento del cancro dell'intestino e della vescica. È in grado di ridurre la produzione corporea di enzimi specifici associati a processi infiammatori, il cui numero è anormalmente alto nei pazienti con alcuni tipi di malattie infiammatorie e cancro.

Sia il verde che il nero contengono alcuni antiossidanti, noti come polifenoli (catechine), che hanno la capacità di inibire la divisione delle cellule tumorali. Il tè verde è il più efficace sotto questo aspetto, un po 'meno nero, e le tisane, purtroppo, non hanno mostrato questa capacità.

Secondo un rapporto pubblicato nel Journal of Cell Biochemistry (USA) nel luglio 2001, questi polifenoli, contenuti in grandi quantità nel tè verde e nero, vino rosso e olio d'oliva, possono proteggere contro vari tipi di cancro. Le foglie di tè verde essiccate contengono circa il 40% di polifenoli in peso, quindi il consumo di tè verde può ridurre significativamente il rischio di cancro allo stomaco, all'intestino, ai polmoni, al fegato e al pancreas.

Ci sono prodotti che, al contrario, aumentano il rischio di cancro o peggiorano il decorso della malattia? Tali prodotti esistono, e questo è principalmente:

alcool

È stato riscontrato che l'abuso di alcol aumenta il rischio di sviluppare il cancro del cavo orale, della laringe, della faringe, dell'esofago, del fegato e del torace. Le donne ad alto rischio di sviluppare un tumore al seno dovrebbero evitare l'alcol, poiché assumere anche un paio di drink a settimana aumenta la probabilità di sviluppare la malattia.

carne

Il consumo di carne in caso di cancro o ad aumentato rischio di insorgenza dovrebbe essere limitato. Secondo diversi studi, un rischio maggiore di tumore del colon e dello stomaco si riscontra tra gli individui la cui dieta consiste principalmente in alimenti a base di carne cucinati nell'industria culinaria. Forse questo è dovuto all'aggiunta di nitriti, ampiamente utilizzati in cucina come additivi alimentari. Inoltre, la carne contiene colesterolo e il consumo di cibi grassi, ipercalorici e di colesterolo porta allo sviluppo dell'obesità, che è associata ad un rischio più elevato di sviluppare il cancro (carcinoma mammario nelle donne in postmenopausa, endometrio, colon, cistifellea, esofago, pancreas, rene).

Scienziati di dati recentemente pubblicati da Stoccolma. I medici svedesi hanno riassunto le statistiche di ricerca, a cui hanno partecipato quasi 5 mila persone. Si è scoperto che con un aumento del consumo di prodotti da carne lavorata, per ogni 30 grammi al giorno, il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco aumenta del 1538%. Secondo gli scienziati, un aumento del rischio di cancro può essere associato all'aggiunta di nitrati e conservanti a questi prodotti. In grandi quantità, queste sostanze sono cancerogene. Il secondo fattore importante è l'impatto delle sostanze tossiche che si formano durante il fumo di carne.

Sale e zucchero

Si è riscontrato che le persone che consumano un gran numero di prodotti preparati con l'aiuto della salatura sono più suscettibili allo sviluppo di tumori dello stomaco, del rinofaringe e della laringe. Non ci sono dati sul danno del sale usato come condimento, ma qui è necessaria anche la moderazione. Il consumo di grandi quantità di zucchero è pericoloso in termini di sviluppo del sovrappeso, che, come già accennato, aumenta il rischio di cancro. È meglio sostituirlo con il miele.

tumore

Descrizione generale della malattia

Un tumore è un processo patologico, manifestato sotto forma di neoplasia tissutale, in cui la regolazione della crescita cellulare e la loro differenziazione sono disturbate a causa di un apparato cellulare alterato. Differenziando le cellule, significano cambiamenti nella loro dimensione, funzione, attività metabolica e forma.

Tipi di tumori

I tumori in natura sono divisi in 2 grandi tipi:

  1. 1 tumore benigno - consiste di tali cellule che possono essere riconosciute da quale tessuto è stato formato, porta crescita lenta, non ha metastasi e non influenza il corpo, può essere trasformato in uno maligno;
  2. 2 tumore maligno - può cambiare la composizione del tessuto dall'outgoing, ha una rapida crescita (il più delle volte si infiltra nella sua crescita), si osservano metastasi ricorrenti, che generalmente colpiscono il corpo umano.

Crescita del tumore

A seconda del tipo di crescita, il tumore può crescere:

  • espansivo - il tumore si forma dai tessuti di se stesso, allo stesso tempo sposta i tessuti distesi (i tessuti che delimitano il neoplasma muoiono e la pseudo-capsula appare in questo punto);
  • invasivamente (infiltrativamente) - con tale crescita, le cellule del neoplasma crescono nei tessuti vicini, distruggendoli;
  • in modo appropriato, i tessuti che circondano il tumore vengono trasformati in tessuti di tipo tumorale.

In relazione all'organo cavo e al suo lume, la crescita del tumore è:

  • esofitico - il tumore si espande in profondità nel lume della cavità d'organo, lo copre parzialmente ed è collegato alla parete dell'organo cavo per la gamba;
  • endofitico - la neoplasia cresce nella parete del corpo, ha un tipo di crescita infiltrante.

Dal numero di focolai di neoplasia, la crescita può essere:

  • Uniceptic: il tumore ha un centro di sviluppo;
  • multicentrico - il tumore cresce da diversi punti focali.

L'effetto dei tumori sul corpo umano:

  1. 1 locale - il tessuto o l'organo che circonda un tumore viene distrutto o compresso (tutto dipende dal tipo di crescita e dal luogo di formazione);
  2. 2 comune - il metabolismo è disturbato, spesso con lo sviluppo di una forte deplezione del corpo (cachessia).

Le cause della comparsa di tumori non sono state studiate in modo affidabile finora, quindi ci sono varie teorie di origine.

Il primo è considerato genetico virale, secondo il quale lo sviluppo di un tumore è considerato la presenza di un papillomavirus, di un virus dell'herpes e di un'epatite B e C, un retrovirus. Grazie al genoma del virus e della genetica, le cellule vengono trasformate in cellule tumorali. Con la successiva crescita di tumori, il virus non svolge alcun ruolo significativo.

La prossima teoria è di tipo fisico-chimico, che considera la gamma, la radiazione a raggi X e l'ingestione di sostanze cancerogene come causa della crescita del tumore.

La terza teoria considera le varie interruzioni ormonali nel corpo come causa della comparsa di tumori e viene chiamata la "teoria della carcinogenesi dishormonal".

Seguendo la quarta teoria (disontogenetica), si può imparare che un tumore causa vari disturbi e fallimenti nell'embriogenesi dei tessuti.

La quinta teoria unisce tutte e quattro le teorie descritte sopra ed è chiamata la "teoria della carcinogenesi in quattro fasi".

Prodotti utili per i tumori

Per rallentare la crescita di un tumore, devi prima seguire una semplice regola: il cibo su un piatto dovrebbe consistere di 1/3 di alimenti proteici e 2/3 di alimenti vegetali.

I principali prodotti per fermare la crescita dei tumori e migliorare il sistema immunitario sono:

  • tutti i tipi di cavolo (disattivano gli estrogeni in eccesso, che sono una delle cause della comparsa di un tumore, in particolare la ghiandola mammaria), è meglio usare crudo o al vapore;
  • soia e suoi derivati ​​(miso, salsa di soia, tempeh, tofu) - questi prodotti hanno un effetto antitumorale a causa degli isoflavine e dei fitoestrogeni contenuti in essi, inoltre, riducono l'impatto di tutte le esposizioni e la chemioterapia;
  • aglio e cipolle - rimuovere le tossine dal corpo, attivare il lavoro dei globuli bianchi, che a loro volta uccidere le cellule tumorali;
  • Alghe (marrone) - un potente antiossidante e un regolatore dell'energia prodotta (altrimenti questo processo è chiamato metabolismo dello zucchero nel sangue);
  • semi con noci - contengono lignani e learthey (uccidono le cellule tumorali e rimuovono l'eccesso di estrogeni);
  • Funghi cinesi e giapponesi (shiitake, rhei-si, maitake, possono anche essere utilizzati in forma essiccata) - contengono forti sostanze immuno-stimolanti: beta-glucano;
  • pomodori - il licopene contenuto in essi ha potenti capacità antiossidanti;
  • tutti gli agrumi e le bacche (fragole, mirtilli, lamponi, mirtilli, melograni) - prevenire danni genetici;
  • curcuma - utile per i tumori della vescica e dell'intestino (rimuove bene qualsiasi processo infiammatorio);
  • tè (soprattutto verde) - contiene kakhetins, che impediscono la divisione delle cellule tumorali.

Medicina tradizionale per i tumori:

  • in caso di un tumore al fegato, i decotti di chernobyl, cicoria, chaga e budry (edera) aiuteranno;
  • per il trattamento delle neoplasie nel rinofaringe, risciacquare la bocca con brodi di menta (precotta nell'aceto di mele), succo di rafano (è altamente concentrata, quindi deve essere diluita con acqua in un rapporto da 1 a 10), infusione di acetosa, levistico e piantaggine;
  • un tumore della ghiandola mammaria da superare aiuterà gli impacchi di foresta viola, iris e celidonia, bere decotti dalla pappa, erba di San Giovanni, fiori di calendula, succo di viburno con miele;
  • dai tumori che sono sorti nella zona genitale delle donne, puoi liberarti con l'aiuto di infusi e siringhe di decotti con celidonia, peonia, cardo, cicuta, origano;
  • con tumori del retto, è necessario mettere i clisteri con componenti cicatrizzanti come: corteccia di quercia, assenzio, valeriana, erba di Chernobyl, succo di carota;
  • con tumori allo stomaco, cicoria, assenzio, marsh belozor, chaga essiccato, piantaggine, celidonia, carota e succo di barbabietola aiuterà;
  • in caso di tumori sulla pelle, dovrebbero essere trattati con succo di rafano, aglio, celidonia, facendo lozioni da decotti preparati da coni di luppolo, olmo, germogli di betulla e nano;
  • se la causa della malattia è la malattia da radiazioni, allora le infusioni di trifoglio, liquirizia, stigma di mais, chaga aiuteranno ad alleggerire la situazione, mezzi altamente efficaci includono succo di carote e barbabietole, cavolo, aloe, vino Kagor (30 grammi al giorno).

Prodotti pericolosi e nocivi nel tumore

  • tabacco;
  • bevande alcoliche;
  • carne grassa e latticini;
  • zucchero e sale in grandi quantità;
  • margarina;
  • qualsiasi prodotto semilavorato, cibo in scatola, salsicce, salsicce;
  • carne affumicata;
  • prodotti fast food con qualsiasi additivo alimentare e colorante;
  • grassi artificiali e animali.

Questi prodotti provocano la crescita delle cellule tumorali e ne promuovono la divisione.

Nutrizione nel cancro

La nutrizione nel cancro è una componente essenziale per il successo del trattamento dei tumori maligni. Gli obiettivi principali della dietoterapia sono di proteggere il corpo dall'intossicazione cancerogena, aumentare l'attività dei fattori di protezione antitumorale (il sistema di resistenza agli antiblastomi) e reintegrare i bisogni plastici ed energetici del paziente oncologico. Inoltre, la nutrizione "anti-cancro" svolge un ruolo fondamentale nel prevenire il ripetersi di patologie e accelerare la riabilitazione dopo aver subito un trattamento tossico (chemioterapia o radiazioni ionizzanti).

Panoramica sul cancro

Centinaia di migliaia di cellule tumorali si formano ogni giorno nel corpo umano. Tuttavia, il sistema immunitario li distrugge rapidamente, inviando macrofagi e linfociti T al sito del tumore. Questo processo è chiamato apoptosi o morte cellulare pianificata. Tuttavia, riducendo l'attività di resistenza naturale agli antiblastomi, il sistema immunitario non è sempre in grado di riconoscere gli antigeni maligni. Come risultato di ciò, una parte delle cellule mutate rimane viva, iniziando, moltiplicandosi incontrollabilmente. Dopo due o tre divisioni, i sintomi difettosi ereditari sono fissati in essi. Dopo il quarto ciclo di riproduzione, le cellule atipiche vengono trasformate in neoplasie maligne (oncogenesi).

Fattori che provocano una diminuzione della protezione antitumorale naturale:

  • agenti cancerogeni chimici (prodotti di combustione del tabacco, alimenti tossici, rifiuti industriali, prodotti farmaceutici sintetici);
  • carcinogeni biologici (virus Epstein-Barr, adenovirus, papillomavirus, virus dell'herpes).
  • agenti cancerogeni fisici (radioattivi, elettromagnetici, ultravioletti, raggi X);
  • carcinogeni endogeni (tossine e scorie derivanti da disfunzioni metaboliche);
  • predisposizione genetica (difetti cromosomici).

Ricorda, il compito principale della nutrizione nel cancro non è tanto il rallentamento della crescita del tumore, quanto la protezione del corpo dall'intossicazione cancerogena.

Nutrizione nel cancro

Considerando che il sistema immunitario svolge un ruolo chiave nella lotta contro i processi tumorali, è estremamente importante aumentare l'attività del sistema di resistenza antiblastoma al fine di migliorare lo stato del paziente oncologico.

Altri obiettivi perseguiti dalla dietoterapia per il cancro:

  • miglioramento della funzione di disintossicazione del fegato;
  • accelerazione della rigenerazione sana dei tessuti;
  • normalizzazione del metabolismo (compresa la sintesi di enzimi, ormoni, anticorpi protettivi);
  • saturazione dell'organismo con energia e risorse plastiche;
  • accelerazione della rimozione di tossine e scorie;
  • mantenimento dell'omeostasi (processi fisiologici coordinati).

Prodotti con proprietà anti-cancro:

  1. Alghe (spirulina, clorella, wakame, kombu, dulce). Contengono potenti inibitori della crescita delle cellule tumorali - fucoxantina, fucoidan, ficocianina.
  2. Verdure a foglia verde (erba medica, cipolla, aglio, spinaci, sedano, prezzemolo, lattuga, cumino, pastinaca, carote, germe di grano, senape). La composizione del pigmento delle piante verdi è rappresentata dalla clorofilla, che è una fonte naturale di ferro organico. Questa sostanza previene il danneggiamento del materiale genetico della cellula, neutralizza l'effetto degli agenti cancerogeni, stimola la produzione di enzimi e anticorpi protettivi, migliora i parametri reologici del sangue, accelera la fagocitosi (il processo di assorbimento di agenti estranei), ha un effetto antinfiammatorio sul tratto digestivo. Inoltre, i verdi a foglia contengono una grande quantità di sostanze nutritive essenziali (vitamine, minerali e amminoacidi).
  3. Frutta e verdura di colore arancione, rosso e giallo (limoni, pomodori, zucche, carote, pompelmi, albicocche, pesche, prugne, mele, mandarini, barbabietole). I prodotti contengono forti antiossidanti (licopene, beta-carotene, acido ellagico, luteina, quercetina), che aumentano la difesa antitumorale naturale del corpo, neutralizzano lo stress ossidativo e proteggono le cellule del corpo dalle radiazioni ultraviolette.
  4. Verdure crocifere (cavolo bianco, cavolfiore e cavoletti di Bruxelles, broccoli, ravanelli, cavoli rapa, rape). Contengono potenti elementi antitumorali (indolo, glucosinolati), che riducono il tasso di germinazione di nuovi vasi nei foci del "cancro", danno inizio all'autodistruzione delle cellule maligne, aumentano la funzione di disintossicazione del fegato.
  5. Prodotti delle api (miele, propoli, polline, polline, latte reale). Questo alimento ha effetti antitumorali, antiossidanti, immunomodulatori, antinfiammatori, antitossici, analgesici e rigeneranti.
  6. Frutti di bosco (ciliegie, mirtilli, more, mirtilli, lamponi, fragole, gelsi, fragole, ribes, ciliegie). Nella buccia dei medicinali ci sono molti antiossidanti e sostanze angiogeniche che inibiscono lo sviluppo delle metastasi, assorbono i radicali liberi, riducono l'infiammazione nei tessuti, neutralizzano l'azione delle tossine esogene. Inoltre, le bacche selvatiche sono ricche di acido ellagico, che contrasta il legame delle tossine cancerogene con il DNA cellulare, stimola l'incapsulamento del tessuto tumorale, avvia l'apoptosi (morte) dei tumori maligni.
  7. Fagiolini (lenticchie, piselli, soia, ceci, asparagi). Contengono un gran numero di inibitori della proteasi (tripsina e chimotripsina), che rallentano la divisione delle cellule atipiche (grazie alla produzione di enzimi anti-cancro altamente attivi), accelerano l'eliminazione di sostanze tossiche (dopo l'uso di farmaci citostatici e radioterapia). Inoltre, i fagioli forniscono al corpo proteine ​​di alta qualità - "materiale da costruzione" per il tessuto muscolare.
  8. Semi di frutta e noci (noci, semi di lino, mandorle, sesamo, girasole, zucca). La composizione di questi prodotti comprende i lignani, che hanno un effetto estrogeno sul corpo (regolano la produzione di ormoni sessuali). Con la mancanza di queste sostanze aumenta la suscettibilità delle cellule alle mutazioni genetiche e si accumulano pericolosi enzimi che attivano l'oncogenesi nella ghiandola mammaria. Insieme a questo, noci e semi contengono una grande quantità di proteine, vitamine, minerali e acidi grassi.
  9. Funghi giapponesi e cinesi (Cordyceps, Shiitake, Maitake, Reishi). Hanno un potente effetto immunostimolante e antitumorale sull'organismo impoverito. Allo stesso tempo, i funghi "congelano" i fuochi delle neoplasie maligne, rallentano la diffusione delle metastasi, neutralizzano i prodotti di decadimento del tumore.
  10. Tè verde Include la catechina guaritrice (epigallocatechina gallato), che sopprime le angiogenesi nei foci del processo tumorale e inibisce lo sviluppo della metastasi.

Inoltre, per sopprimere il processo maligno, è consigliabile includere erbe aromatiche (curcuma, rosmarino, menta, cumino, basilico, timo, maggiorana, chiodi di garofano, anice, cannella) nel menu del giorno.

Cancerogeni vietati dal cancro:

  • ricco brodo di carne, pollame o pesce;
  • margarina;
  • zucchero bianco;
  • latte intero;
  • cibo in scatola, sottaceti, marinate:
  • frattaglie, semilavorati, salsicce;
  • piatti affumicati, marinati, speziati, grassi;
  • pasticcini, confetteria;
  • soda dolce;
  • alimenti surgelati;
  • succhi confezionati;
  • formaggio fuso;
  • conservare la maionese;
  • grassi esposti;
  • patate (dopo dicembre);
  • farina di prima scelta;
  • aceto;
  • lievito di birra;
  • soda;
  • alcol confezionato.

Regole nutrizionali di base per il cancro

Nell'elaborare uno schema dietetico "anti-cancro", è importante considerare la localizzazione del processo tumorale, lo stadio del suo sviluppo, la natura del decorso, le condizioni del paziente, l'elenco delle malattie associate e le sfumature della terapia prescritta. Ad esempio, dopo la resezione del tratto digestivo, l'assorbimento di sostanze nutritive dal cibo peggiora, motivo per cui l'alimentazione dovrebbe essere facilmente digeribile e altamente nutriente.

Nel cancro del tessuto epatico, nell'80% dei casi, c'è un edema del parenchima, "pressatura" sulle parti adiacenti dello stomaco e ostacolo alla promozione del cibo nell'intestino. In questo caso, la terapia dietetica deve essere mirata a migliorare la funzione secretoria del tratto gastrointestinale (riduzione della flatulenza, sensazione di pesantezza, sindrome del dolore) e migliorare le funzioni di detossificazione dell'organo interessato. Tuttavia, prima di elaborare il menu "anti-cancro" (per tutti i tipi di patologia) è importante calcolare il numero di chilocalorie consumate dal paziente. Di norma, il valore energetico della loro dieta non supera i 600 - 800 kilocalorie (a causa della perdita di appetito e rapida saturazione). A causa del basso contenuto calorico del menu alimentare, nel 90% dei casi, il normale metabolismo è disturbato, una persona perde rapidamente peso.

Per mantenere un peso stabile per il paziente, è importante consumare almeno 30 kilocalorie per chilogrammo di peso corporeo. Se hai bisogno di migliorare, il valore energetico della dieta è aumentato a 40 kilocalorie. Inoltre, la selezione di prodotti alimentari tiene conto del rapporto ottimale di componenti alimentari: carboidrati - 55%, grassi - 30%, proteine ​​- 15%.

Requisiti generali di alimentazione:

  1. Masticare bene il cibo. Ciò contribuirà a migliorare l'assorbimento dei nutrienti nel tratto digestivo.
  2. Mangime frazionale La frequenza ottimale dei pasti - 6 - 7 volte al giorno.
  3. Consuma il cibo in piccole porzioni. Al fine di evitare la distensione addominale e la defecazione compromessa, non consumano più di 200 grammi di cibo alla volta.
  4. Per mangiare solo piatti preparati al momento. La durata massima del cibo nel frigorifero è di 12 ore.
  5. Quando si effettua la resezione del tratto digestivo, consumare il cibo solo in una forma morbida e sfilacciata.
  6. Segui il regime di bere. Per accelerare la rimozione di sostanze tossiche, dovresti bere almeno 2 litri di acqua non gassata al giorno (in caso di cancro del rene, il volume giornaliero di liquidi è concordato con l'oncologo). Con vomito o diarrea, la porzione giornaliera di acqua viene aumentata a 3 litri.
  7. Utilizzare metodi parsimoniosi di trattamento termico del cibo (cottura, cottura al forno, cottura a vapore). Ciò contribuirà a "scaricare" il fegato, poiché durante la frittura viene rilasciata un'enorme quantità di agenti cancerogeni.
  8. Escludere dalla dieta cibo troppo caldo e freddo.

Ricorda, dopo un intervento chirurgico allo stomaco o all'intestino, i frutti vengono consumati solo sotto forma di composta e kissel e verdure sotto forma di purè di patate.

Consigli utili

  1. Quando la nausea (soprattutto al mattino) mangia qualche fetta di pane tostato, pane o biscotti galetny.
  2. Per eliminare gli odori irritanti (cibo, uso domestico, cosmetici) spesso ventilare la stanza.
  3. Per aumentare la protezione antiossidante del corpo, aglio, cipolle e verdure fresche vengono aggiunti al cibo (migliorando l'appetito).
  4. In caso di infiammazione della membrana mucosa del rivestimento del tubo digerente, è importante evitare cibi troppo dolci, amari e acidi. Per ridurre l'effetto irritante sul tratto digestivo, i succhi di frutta, verdura e bacche sono parzialmente diluiti con acqua pulita. Insieme a questo, limitare l'assunzione di prodotti che causano una maggiore separazione della secrezione gastrica.
  5. In caso di difficoltà a deglutire o masticare, viene data preferenza ai cibi morbidi: zuppe, pappe bollite, verdure macinate, frutti macinati e frutti di bosco. Se necessario, usa alimenti per l'infanzia.
  6. In caso di diarrea limitare l'assunzione di frutta fresca, verdura, insalate, causando un effetto lassativo. Allo stesso tempo, i prodotti di fissaggio vengono introdotti nel menu del giorno: fette biscottate non zuccherate, pane, patate, fiocchi di latte, semi di lino, riso. Per ridurre il gonfiore utilizzare decotti di aneto, finocchio, camomilla.
  7. Per stimolare la funzione di evacuazione dell'intestino, la dieta del paziente è arricchita con fibre (frutta, verdura, verdure, bacche, cereali, semi, noci). Insieme a questo, per eliminare la stitichezza, prima di colazione, bere da 700 a 900 ml di acqua filtrata pulita (entro 1,5 ore).
  8. Se la salivazione è compromessa (come conseguenza della radioterapia), viene data preferenza agli alimenti macinati e liquidi (bevande a base di erbe e latticini, verdure a pezzetti morbidi e porridge di muco). Inoltre, per migliorare la secrezione delle ghiandole salivari vengono utilizzati gomma da masticare, frutta acida o caramelle.

Domande frequenti

I dolci accelerano la crescita del cancro?

Attualmente ci sono molte diete "anti-cancro" che escludono il saccarosio dal menu del giorno (basato sull'ipotesi che il tumore "mangia" i dolci). È vero che le cellule atipiche consumano glucosio nel processo di divisione. Tuttavia, questo processo è anche caratteristico di altre strutture del corpo (cervello, fegato). Con un rifiuto totale degli alimenti zuccherini, le cellule tumorali continuano a "soddisfare" la loro fame di energia (a causa del consumo di carboidrati nei muscoli).

Ad oggi, non ci sono prove scientifiche che il dente dolce stia accelerando la crescita e lo sviluppo del processo tumorale.

Posso bere vino nel cancro?

Sì. Il consumo periodico di piccole porzioni di vino non influenza la crescita e la localizzazione del tumore. L'eccezione è il giorno della sessione di chemioterapia e il giorno seguente, poiché gli organi interessati dalla procedura tossica non si sono ancora ripresi.

Il calcio alimentare aiuta con le metastasi ossee?

No. I tumori metastatici del tessuto osseo si verificano a seguito dello sviluppo di un processo maligno nell'organo principale (principalmente prostata o ghiandola mammaria). Pertanto, la terapia dietetica per il cancro dovrebbe essere, prima di tutto, mirata a fermare il nodulo maligno e ridurre l'intossicazione cancerogena del corpo. Inoltre, la calcificazione vascolare totale può essere presente negli stadi avanzati della patologia (un forte aumento della concentrazione del macroelemento nel sangue). In tali casi, l'assunzione di nutrienti è controindicata.

Posso consumare latte e crema per il cancro?

No, dal momento che l'assunzione regolare di prodotti a base di latte intero aumenta il rischio di incidenza del cancro del 30% (a causa di un aumento del livello di fattore di crescita simile all'insulina). Ciò è dimostrato dai risultati di due studi condotti da un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard e dalla società medica Kaiser Permanente.

Il succo di barbabietola aiuta davvero con il cancro? Come si beve?

Il succo di barbabietola rossa inibisce la crescita del tumore, riduce il dolore, normalizza l'emoglobina e la VES, aumenta l'ossidazione delle cellule tumorali (5 - 10 volte). La bevanda curativa è efficace in oncologia di qualsiasi tipo (specialmente nella vescica, nello stomaco, nel retto, nel cancro ai polmoni).

Le regole di base per prendere il "farmaco":

  1. Dopo la cottura, il succo appena spremuto viene messo in frigorifero per 2 ore (per volatilizzare le sostanze nocive).
  2. La "terapia del succo" inizia con piccole porzioni (5 millilitri dopo ogni pasto), portando gradualmente la dose al volume giornaliero (500 - 600 millilitri). Se prende una dose giornaliera per 1 - 2 dosi, nausea, singhiozzo, battito cardiaco irregolare, salti di pressione sanguigna, si verificano dolore epigastrico.
  3. Il succo di barbabietola prende 100 millilitri 5 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti.
  4. Prima del consumo, il succo viene leggermente riscaldato (a una temperatura di 36 gradi).

La durata della terapia della barbabietola è di 1 anno.

Nutrizione per l'oncologia pancreatica

Nel cancro del pancreas, il menù giornaliero dovrebbe consistere in prodotti bolliti, al forno e al vapore. Per ridurre il carico sul corpo, il cibo prima del consumo (porridge, verdure e frutti di mare) viene macinato attraverso un setaccio.

Dieta approssimativa per una settimana

lunedi

Colazione: 150 millilitri di bardana e infuso di rosa canina.

Pranzo: 100 grammi di zucca cotta, 50 grammi di biscotti di farina d'avena.

Pranzo: 100 grammi di purea di carote e zucca, 100 grammi di porridge di grano saraceno grattugiato.

Spuntino: 150 grammi di omelette proteica (al vapore).

Cena: 50 grammi di budino di ricotta, 200 ml di tè verde.

martedì

Colazione: 150 millilitri di infuso di rosa canina.

Pranzo: 150 grammi di porridge di riso grattugiato, 100 millilitri di composta di mele.

Pranzo: 100 grammi di purea di patate; 70 grammi di zucchine bollite, 50 grammi di mele cotte.

Spuntino: 100 grammi di bistecca di pesce (vapore), 100 millilitri di composta di pere.

Cena: 100 grammi di pere cotte, 100 millilitri di brodo di bardana.

mercoledì

Colazione: 150 millilitri di infuso di rosa canina e bardana.

Pranzo: 100 grammi di farina d'avena liquida, 20 grammi di pane tostato.

Pranzo: 100 grammi di casseruola o stufato di verdure, 70 grammi di tacchino bollito, 50 grammi di zucca cotta.

Spuntino: 70 grammi di ricotta acida (macinata), 50 grammi di mele cotte.

Cena: 150 millilitri di brodo di camomilla e rosa canina.

giovedi

Colazione: 150 millilitri di infuso di rosa canina.

Pranzo: 100 grammi di grano saraceno verde, 100 millilitri di tè di bardana.

Pranzo: 100 grammi di purea di carote e riso, 100 grammi di cotolette di pesce (vapore).

Pranzo: 150 grammi di gelatina di frutta.

Cena: 150 millilitri di acido kefir.

venerdì

Colazione: 100 millilitri di brodo di bardana.

Pranzo: 100 grammi di farina d'avena mucosa, 20 grammi di pane tostato integrale.

Pranzo: 100 grammi di purea di carote e barbabietole, 70 grammi di vitello bollito.

Spuntino: 150 grammi di omelette proteica.

Cena: 150 millilitri di infuso di rosa canina.

sabato

Colazione: 150 millilitri di infuso di rosa canina.

Pranzo: 100 grammi di porridge di riso mucoso, 20 grammi di uvetta al vapore.

Pranzo: 100 grammi di purea di barbabietole, 100 grammi di polpette di pesce (vapore).

Pranzo: 150 grammi di casseruola di frutta (zucca, mela, pera).

Cena: 150 millilitri di brodo di bardana.

domenica

Colazione: 150 millilitri di infuso di rosa canina.

Pranzo: 100 grammi di porridge di zucca e riso, 30 grammi di biscotti di farina d'avena.

Pranzo: 100 grammi di zuppa di purea di carote e cavolo rapa, 70 grammi di carne di pollo.

Sicuro: 150 grammi di cavoli assortiti (al forno).

Cena: 150 millilitri di acido kefir.

Questa dieta allevia il carico sull'organo e migliora le condizioni del paziente.

Nutrizione per i tumori della prostata

Per alleviare la condizione del cancro alla prostata (soprattutto dopo l'intervento chirurgico), è importante aderire al menu sottostante.

lunedi

Colazione: 250 millilitri di succo di arancia e pompelmo (appena spremuto).

Pranzo: 200 grammi di porridge di frutta e miglio, 50 grammi di biscotti di farina d'avena.

Pranzo: 150 grammi di purea di lenticchie, 100 grammi di insalata di carote e aglio, 70 grammi di polpette di pesce, 20 millilitri di olio di lino.

Spuntino: 100 grammi di fagioli in un pomodoro.

Cena: 100 grammi di bacche, 50 grammi di formaggio.

martedì

Colazione: 150 millilitri di succo di carota e barbabietola (appena spremuta).

Pranzo: 100 grammi di ricotta, 20 grammi di miele naturale, 15 grammi di semi di sesamo.

Pranzo: 150 grammi di orzo o porridge di grano saraceno, 70 grammi di pollo bollito, 100 grammi di insalata di cavolo.

Pranzo: 150 grammi di melanzane al forno con pomodori.

Cena: 100 grammi di yogurt (fatto in casa), 50 grammi di frutta secca (datteri, albicocche secche, uva passa).

mercoledì

Colazione: 100 grammi di frutta o bacche di stagione.

Pranzo: 70 grammi di biscotti di farina d'avena, 20 millilitri di miele, 20 grammi di nocciola assortita (noce, legno, mandorle).

Pranzo: 150 grammi di zuppa di pomodoro, 100 grammi di verdure affettate, 70 grammi di patate "in uniforme", 15 millilitri di olio d'oliva.

Vinaigrette sicura, 100 grammi.

Cena: 100 grammi di succo di carota e barbabietola.

giovedi

Colazione: 150 millilitri di succo di mela e zucca.

Pranzo: 100 grammi di insalata di avocado, 50 grammi di carote fresche.

Pranzo: 150 grammi di zuppa di purea di riso, 70 grammi di polpette di carne, 100 grammi di pomodoro.

Spuntino: 150 grammi di prugne e insalata di barbabietola, 15 milligrammi di olio di lino.

Cena: 100 grammi di noci assortite, 100 millilitri di succo di mirtillo rosso.

venerdì

Colazione: 100 grammi di succo di bacche (appena spremuto), 50 grammi di albicocche secche.

Pranzo: 150 grammi di ricotta, 50 grammi di frutta di stagione.

Pranzo: 150 grammi di purea di carote e cavoli, 100 grammi di taglio di verdure, 70 grammi di cotolette di pesce, 15 millilitri di olio di lino.

Pranzo: 200 millilitri di tè verde, 70 grammi di biscotti di farina d'avena.

Cena: 100 grammi di kefir.

sabato

Colazione: 150 millilitri di succo di arancia barbabietola, 100 grammi di noci.

Pranzo: 150 grammi di casseruola di ricotta. 150 millilitri di tè verde.

Pranzo: 150 grammi di zuppa di piselli, 70 grammi di avocado e insalata di limone, 10 millilitri di olio di lino.

Pranzo: 100 grammi di yogurt, 20 grammi di miele di fiori.

Cena: 200 millilitri di decotto alle erbe.

domenica

Colazione: 150 millilitri di succo di mela e pompelmo.

Pranzo: 100 grammi di frutta o bacche di stagione, 20 grammi di mandorle.

Pranzo: 150 grammi di peperoni ripieni, 100 grammi di lattuga a foglia verde, 15 millilitri di olio di lino.

Spuntino: 200 millilitri di brodo di bardana, 50 grammi di biscotti.

Cena: 150 grammi di casseruola di ricotta.

Inoltre, per migliorare la protezione antitumorale naturale, il menu di un paziente oncologico è arricchito con succo di barbabietola (su base continuativa).

Nutrizione per il cancro del fegato

La terapia dietetica per il cancro del fegato ha lo scopo di ripristinare l'attività funzionale dell'organo e alleviarne il carico tossico.

Dieta approssimativa per 7 giorni

lunedi

Colazione: 150 millilitri di succo di mela e carota.

Pranzo: 100 g di yogurt, 50 g di noci assortiti.

Pranzo: 150 g di zuppa magra, 100 g di verdure in umido, 50 g di filetto di pollo.

Spuntino: 100 g di frutta o verdura di stagione.

Cena: 200 millilitri di tisana (melissa, tiglio, camomilla), 100 grammi di mela charlotte.

martedì

Colazione: 150 millilitri di succo d'arancia.

Pranzo: 100 g di gnocchi con ricotta (vapore), 50 g di frutti di bosco stagionali.

Pranzo: 150 grammi di cavolo ripieno con cereali di grano saraceno, 50 g di verdure a foglia verde, 100 g di pesce (bollito o al forno).

Snack: 150 millilitri di tè di bardana, 50 g di pane di segale essiccato, 50 g di formaggio Adyghe.

Cena: 150 millilitri di yogurt.

mercoledì

Colazione: 100 millilitri di succo di barbabietola da zucca.

Pranzo: 100 g di farina d'avena, 50 g di banana.

Pranzo: 150 grammi di zuppa di purea di piselli, 100 grammi di lattuga cavolo, 20 millilitri di olio di lino.

Spuntino: 150 ml di frullato di frutta, 50 grammi di noci.

Cena: 100 g di casseruola di zucca alle mele, 200 millilitri di brodo vegetale (bardana, melissa, tiglio), 20 ml di miele.

giovedi

Colazione: 100 millilitri di infuso di rosa canina, bardana e tiglio.

Pranzo: 150 g di verdure arrostite (zucchine, carote, barbabietole).

Pranzo: 150 g di pasta integrale (scura), 70 g di verdure a foglia verde, 30 ml di salsa naturale (10 millilitri di burro di camelina, 5 millilitri di succo di lime, 15 millilitri di yogurt fatto in casa).

Pranzo: 50 g di pane tostato di segale essiccato, 50 g di formaggio sottaceto.

Cena: 100 g di frutta cotta (mele, pere), 50 g di uva passa.

venerdì

Colazione: 150 millilitri di brodo

Pranzo: 150 g di ricotta e frullato di frutti di bosco.

Pranzo: 150 g di cavolo ripieno casalingo, 100 g di pomodoro, 50 g di verdura.

Pranzo: 150 g di frutta di stagione (uva, fragole, mele, avocado).

Cena: 200 millilitri di tè verde, 30 grammi di grano e pane di segale, 30 millilitri di miele naturale.

sabato

Colazione: 150 millilitri di succo di zucca e mela con polpa.

Pranzo: 150 g di gnocchi con cavolo e grano saraceno.

Pranzo: 100 g di vinaigrette, 70 g di polpette di pollo (vapore), 20 g di olio di lino.

Pranzo: 100 g di torta di zucca di mele, 20 millilitri di miele, 150 ml di camomilla.

Cena: 150 millilitri di yogurt (fatti in casa), 50 grammi di noci.

domenica

Colazione: 150 millilitri di succo di carota e pompelmo.

Pranzo: 100 g di cacao con spezie.

Pranzo: 150 grammi di cavolo, 100 grammi di lattuga verde, 50 grammi di polpette di carne di vitello, 20 millilitri di olio di cedro.

Spuntino: 100 g di cheesecake (vapore), 150 ml di tè di tiglio.

Cena: 150 millilitri di kefir.

risultati

La nutrizione nel cancro è la misura terapeutica e profilattica più importante per aumentare i fattori naturali di protezione antitumorale e ridurre il tasso di crescita del processo maligno.

Assistenti principali nella lotta contro nuove formazioni maligne - verdure a foglia verde (prezzemolo, coriandolo, cipolla, aglio, sedano), funghi esotici (cordyceps, shiitake, maitake), frutti di bosco (mirtilli, mirtilli, more lamponi, fragole), alghe (clorella, spirulina) ), frutta e verdura colorata (barbabietola, cavolo, carote, mele, zucca), semi (noci, mandorle), semi (lino, sesamo, girasole), spezie (curcuma, rosmarino, menta), tè verde. La composizione di questi prodotti comprende potenti antiossidanti, nutrienti antitumorali, fitoestrogeni, inibitori delle cellule cancerogene, immunomodulatori naturali, vitamine organiche, aminoacidi, micro e macronutrienti.

A causa della composizione ricca di ingredienti, il cibo antitumorale non solo attiva i meccanismi naturali di protezione oncogenica, ma previene anche il danneggiamento del materiale genetico della cellula, stimola la sintesi di ormoni ed enzimi, normalizza i parametri reologici del sangue e riduce i processi infiammatori nei tessuti.

Gli scienziati hanno imparato cosa mangiano le cellule cancerogene

Gli scienziati hanno scoperto cosa mangiano le cellule tumorali viaggiando dal tumore originario di nuovi luoghi. Si scopre che le cellule di grasso forniscono energia per una lunga transizione. Gli esperimenti sui topi hanno dimostrato che se si blocca una sostanza che consente alle cellule tumorali di mangiare grassi, è possibile interrompere completamente la metastasi, informa la pubblicazione di Internet Informat, con riferimento a Popular Mechanics.

Le cellule sane sono programmate per autodistruggersi se lasciano i tessuti e gli organi in cui dovrebbero essere. Il neurone non può separarsi dal tessuto della corteccia e iniziare a dividersi, ad esempio, nel muscolo cardiaco o nella pelle. Le cellule tumorali, al contrario, lo fanno sempre: il processo della loro migrazione verso nuovi luoghi nel corpo è chiamato metastasi. Il modo in cui le cellule tumorali fanno il loro viaggio è rimasto a lungo un mistero per gli scienziati.

Se sei una cellula cancerosa, hai bisogno di molta energia per nutrirti a lungo attraverso i vasi sanguigni verso un nuovo posto. Salvador Aznar Benita e i suoi colleghi dell'Università di Barcellona hanno scoperto un meccanismo che alimenta le cellule tumorali lungo il percorso. Gli scienziati hanno scoperto nella coltura cellulare di un tumore della cavità orale un tipo di cellule tumorali che producevano una sostanza chiamata CD36, grazie alla quale potevano ottenere molecole di grasso dalle cellule circostanti e usarle come fonte di energia.

In esperimenti con topi, il blocco di espressione CD36 ha completamente interrotto le metastasi. Non essendo in grado di estrarre gli acidi grassi nutrienti dalle cellule sane, il cancro era impotente prima delle difficoltà di un lungo viaggio attraverso i vasi sanguigni e il tumore rimaneva dove originariamente appariva. Nel 15% dei casi, il bloccante CD36 ha addirittura bloccato lo sviluppo di metastasi già diffuse: i nuovi tumori sono diminuiti del 80%.

I ricercatori hanno controllato i database medici e hanno scoperto che l'espressione potenziata di CD36 era un frequente compagno di cancro della vescica, del polmone, della mammella e di altri esseri umani.

Ora il gruppo di Benita sta cercando anticorpi contro CD36 che possono essere usati per pizzicare le persone. Secondo gli scienziati, i primi risultati dovrebbero essere previsti non prima di quattro anni.

Inoltre, il gruppo Benita ha trovato una relazione diretta tra il contenuto di grassi nella dieta dei topi e le dimensioni e la velocità di propagazione di nuovi tumori. Ora gli scienziati stanno conducendo uno studio su larga scala su migliaia di pazienti con cancro per scoprire se c'è la stessa dipendenza negli esseri umani. Tuttavia, i biologi avvertono che i pazienti oncologici non dovrebbero apportare aggiustamenti alla loro dieta fino al completamento dello studio: una dieta ricca di grassi per molti pazienti è vitale.

Aggiunga, i medici dicono che una buona prevenzione contro tutti i tipi di cancro è corretta, arricchita con vitamine, nutrizione.

Nutrizione in Oncologia - raccomandazioni pratiche

Dispositivo di terapia di biorisonanza per il cancro

Metodo di terapia delle onde

Diagnosi precoce, indolore, rapida e precoce del cancro

La storia dell'umanità purtroppo è inestricabilmente legata a una malattia così terribile e incomprensibile per noi come il cancro. Già al tempo dei faraoni egizi, c'erano riferimenti al cancro. In precedenza, questa malattia era temuta come una condanna a morte. Nessuno capiva le ragioni della sua origine, che infondevano paura e impotenza.

L'umanità ha cercato a lungo di svelare il suo mistero e, naturalmente, di trovare metodi di trattamento. Per quanto riguarda la medicina occidentale, molte menti brillanti, facendo affidamento sui risultati della chimica, della biochimica e della medicina, stanno cercando di creare una medicina per il cancro. E la medicina di oggi, tuttavia, ha raggiunto un grande successo e ha mantenuto a lungo il corso di questa malattia sotto controllo. Oggi non è più una frase!

Ci sono un gran numero di varietà tumorali che richiedono un approccio individuale e un trattamento, ma hanno tutte una cosa in comune - tutte le cellule tumorali, sia che si tratti di melanoma, un tumore della tiroide, polmoni, tratto gastrointestinale o linfoma, richiedono nutrimento e si nutrono solo di zucchero semplice - glucosio! Questo articolo si concentrerà su uno speciale sistema nutrizionale in cui le cellule tumorali non riceveranno la loro nutrizione.

Vi presenteremo piani di assistenza nutrizionale, in base ai quali le cellule tumorali dovranno morire di fame.

Sostanze speciali nella lotta contro il cancro

Il cancro è una malattia molto insidiosa e, con un cosiddetto assedio, è difficile sconfiggerlo. Nella lotta contro questa malattia, il nostro corpo avrà anche bisogno di sostanze speciali:

  • - acidi grassi omega-3;
  • - Antiossidanti - vitamine e sostanze vegetali secondarie che hanno un effetto rinforzante sul sistema immunitario e proteggono il corpo dai radicali liberi.

Nel 1924, il famoso scienziato tedesco e premio Nobel Otto Warburg descrisse un metabolismo alterato delle cellule tumorali. Anche allora, ha capito cosa mangiano e come le cellule tumorali respirano.

Per questa scoperta, "La natura e la funzione degli enzimi respiratori", Otto Warburg ha ricevuto il premio Nobel per la fisiologia e la medicina nel 1931.

Qual è la tesi di Otto Warburg? "Il cancro, a differenza di altre malattie, ha innumerevoli cause secondarie. Ma una delle principali cause della comparsa di tumori maligni, ed è intrinseca in tutte le cellule tumorali è il cambiamento nella loro respirazione. Le cellule sane usano l'ossigeno nel loro bilancio energetico. Le cellule tumorali non usano l'ossigeno. Hanno un diverso tipo di energia: fermentano, fermentano il glucosio ". (Citazione della conferenza di Otto Warburg).

Da qui la seconda tesi importante di O. Warburg: ha chiamato il lievito a cellule cancerogene. Cosa voleva dire Otto Warburg? Cos'è "altro tipo di energia" e "fermentazione del glucosio"? E perché lei è improvvisamente lievito?

Come puoi vedere, tutte le cellule hanno bisogno di cibo - energia. Senza energia, nessun organismo vivente può esistere. Ma la sua produzione avviene in cellule sane e malate in modi diversi. Tutte le cellule possono essere divise in due gruppi: respirazione e non respirazione. Nelle cellule che non hanno bisogno di ossigeno, (non respirando), poiché non sono in grado di bruciare il glucosio, avviene la fermentazione - un'ostruzione, da cui il nome di cellule non respiratorie - il lievito.

INGRESSO DI GLUCOSIO NELLA CELLA

  • - Una cellula sana utilizza grassi, proteine ​​e carboidrati (glucosio) come combustibile e respira l'ossigeno.
  • - Una cellula cancerosa mangia solo glucosio. E se una cellula sana costa solo una molecola di glucosio, allora questa è lontana da una cellula cancerosa - assorbe un'enorme quantità di zucchero. Ha bisogno di 20-30 volte più glucosio di una cellula sana.

Per ottenere il glucosio, la cellula cancerosa fa tutto! E dal momento che ha bisogno di molto glucosio, non è abbastanza per lei solo un cancello d'ingresso (recettore), come nelle cellule sane, ne apre altre più.

Lo scopo principale della nutrizione nel cancro è prevenire l'alimentazione delle cellule tumorali. E per mangiare, come abbiamo già scoperto, possono solo glucosio. Se il corpo non riceve glucosio dall'esterno, le cellule sane del corpo troveranno un sostituto per questo combustibile e inizieranno a bruciare grassi e proteine ​​alimentari, grasso corporeo o, in casi estremi, le proprie proteine ​​(muscoli).

Considerare il modo più semplice per il corpo: l'estrazione di energia da depositi di grasso e grassi alimentari. Come risultato della rottura della molecola di grasso, si forma una sostanza chiamata chetone, che le cellule sane accettano al posto del glucosio.

Questo metabolismo è chiamato fame o chetogene, nonostante il fatto che non moriamo di fame, ma semplicemente non mangiamo carboidrati (glucosio). I chetoni possono gestire (mangiare) con una mancanza di glucosio tutte le cellule sane del corpo umano, ma il cancro - no! Le cellule tumorali hanno bisogno di glucosio reale! Con la mancanza di glucosio, causano il corpo a rompere la massa muscolare per produrre aminoacidi, da cui il fegato sintetizza il nuovo glucosio. Questo processo si chiama neogynez - neoplasia del glucosio. Questo è il motivo per cui molti malati di cancro stanno perdendo peso in modo brusco (cachessia). Come contrastare questo processo, vedremo più avanti. Poiché in alcune cellule tumorali il processo respiratorio è disturbato (non c'è bisogno di ossigeno), la cellula cancerogena vaga, rilasciando acido lattico attorno a sé, che, a sua volta, funge da cellula protettiva per la cellula cancerosa. Questo anello uccide i tessuti sani intorno a sé, bruciando il suo percorso verso i vasi sanguigni e la linfa, che consente al tumore di metastatizzare rapidamente (invadere), e anche di proteggerlo dalle cellule del nostro sistema immunitario - macrofagi, il cui sacro dovere è quello di avvicinarsi alla cellula tumorale, assorbire e per eliminare (distruggerlo). Otto Warburg si rese conto che le cellule tumorali avevano bisogno di zucchero e che alcune cellule tumorali (specialmente aggressive e invasive) vagavano, ma non poteva rispondere alla domanda sul perché ciò accadesse, il che induceva la cellula a modificare il suo metabolismo a tal punto che l'insulina non era necessaria e ossigeno Questo è stato compreso e descritto dal biologo tedesco Dr. Johannes Coy. Lavorando al German Cancer Resarch Center presso il Heidelberg Cancer Center, il Dr. Johannes Coy è diventato lo scopritore nel 1995 del cosiddetto gene TKTL-1 (Transketolase-like-1).

Ma l'idea che questo gene faccia spegnere la cellula dei mitocondri e passare dalla modalità di combustione alla modalità di fermentazione, non è venuta subito. Per 5 lunghi anni ha osservato pazienti che hanno ricevuto un trattamento standard nel nostro tempo: chirurgia, chimica, radioterapia e terapia ormonale. Come risultato delle sue osservazioni, ha visto che non tutti i tumori sono ugualmente adatti a questo trattamento.

Che ci sono pazienti, il cui successo non è venuto affatto, e la malattia in alcuni mesi ha prevalso. Esplorando il sangue di questi pazienti, ha capito che si trattava di TKTL-1!

  • - I pazienti con TKTL-1, successo positivo del trattamento con 100 macrophage positivo, erano diversi.

Al momento, questo esame del sangue è in corso in Germania e negli Stati Uniti. Solo nel 2005 è diventato chiaro che rende il carcinoma ancora più aggressivo e aiuta a metastatizzare - questo è il gene TKTL-1, che disabilita i mitocondri e porta le cellule dalla modalità di combustione alla modalità di fermentazione. Questa scoperta è un grande risultato della scienza nella lotta contro il cancro metastatico!

Ora, conoscendo la ragione del cambiamento nel metabolismo cellulare, puoi cercare intenzionalmente una medicina.

Questo farmaco è un certo tipo di cibo!

Nutrizione per Oncologia

Certo, gli scienziati stanno lavorando alla creazione di una droga sintetica, ma anche dopo la sua creazione, dovresti attenersi a questo tipo di cibo che ti aiuterà a combattere questa malattia.

Solo la giusta combinazione di acidi grassi, vitamine, minerali e sostanze vegetali secondarie ha la capacità di spegnere (distruggere) il gene TKTL-1 - e questo significa - prolungare la vita! Molti centri di ricerca negli Stati Uniti, in Cina, in Australia e in Sud Africa confermano l'effetto del TKTL-1, e il noto scienziato nel campo dell'oncologia, il premio Nobel Watson, chiede che gli aspetti esistenti del trattamento del cancro siano rivisti.

Le università tedesche di Würzburg e Francoforte hanno utilizzato con successo la nutrizione chetogenica per il cancro da diversi anni. Con questo articolo vogliamo dare una possibilità a coloro che non hanno l'opportunità di andare all'estero per il trattamento e concentrarsi sulle capacità delle compagnie farmaceutiche dell'ex Unione Sovietica.

Con la sua composizione chimica, il nostro cibo è un complesso complesso di varie sostanze biologicamente attive, in altre parole, è costituito da proteine, grassi, carboidrati, oltre a minerali, vitamine, sostanze vegetali secondarie e acqua.

Le proteine ​​sono il materiale da costruzione del nostro corpo. Tutte le proteine ​​possono essere suddivise in proteine ​​di origine vegetale e animale. I malati di cancro hanno bisogno di un maggiore apporto proteico, specialmente dopo trattamento chirurgico, chemio e radioterapia. I loro corpi si rigenerano molto più velocemente quando le proteine ​​animali sono presenti nel cibo.

La maggior parte dei pazienti con neoplasie maligne sono caratterizzati da una progressiva perdita di peso corporeo - cachessia. In questo caso, dovresti utilizzare quotidianamente carni non grasse, inclusi pollame, pesce, uova e prodotti caseari (fiocchi di latte e formaggi).

Gli acidi grassi possono essere saturi, monoinsaturi e polinsaturi.

  • - Satura di carne, pesce di fiume, uova e tutti i prodotti caseari (burro).
  • - Monoinsaturi (Omega-9) - in olio d'oliva, arachidi e semi di colza, nonché nella zampa di maiale.
  • - Polinsaturi, siamo interessati a Omega-3 e Omega-6 - L'Omega-3 (acido alfa-linolenico) è contenuto nell'olio di lino (la composizione dell'olio di lino è semplicemente insuperabile! - il rapporto tra Omega-3 e Omega-6 è 4: 1), olio di canapa, olio di noci, olio di semi di colza e soia, nonché nel grasso dei pesci marini. Omega-6 (acido linoleico) si trova in girasole, sesamo, zucca, mais.

Burro ITC (cocco, olio di palma e una piccola quantità di burro).

Acidi grassi con proprietà oncoprotettive:

  • - Omega-3 (acido alfa-linolenico) - preferenza per l'olio di lino
  • - ITC

Questi acidi grassi inibiscono lo sviluppo dei tumori.

L'omega-3 ha un effetto antinfiammatorio (questo effetto è utilizzato nella nutrizione clinica dei pazienti con poliartrite) e ha effetto oncoprotettivo. Omega-6, al contrario, infiamma l'infiammazione. Sopprime il sistema immunitario e può persino promuovere la crescita di un tumore canceroso. Con tutte le diete anti-infiammatorie c'è una forte limitazione di Omega-6, il che significa che gli oli di girasole, sesamo, zucca e mais. Per scopi terapeutici, è adatto solo l'olio di semi di lino!

Acido lattico (lattato)

ITC - olio (trigl a media catena in olio cerid - media lunghezza)

- Gli acidi grassi normali sono catene molto lunghe (LCT - long). Nella loro scissione il corpo prende molto potere (enzimi, bile, energia). Il nuovo olio contiene acidi grassi a catena media (ITC). Praticamente non richiedono la scissione nell'intestino tenue e vengono assorbiti già nell'ulcera duodenale 12, lasciando direttamente al fegato. Pertanto, è supportata la fornitura di un organismo indebolito dalla malattia, con energia, così necessaria per i pazienti con cancro. I prodotti naturali contenenti acidi grassi ITC includono palma rossa, cocco e burro (preferibilmente burro fuso). Puoi averli nel nostro centro. Non aver paura dell'overdose di questi grassi, mangiali quanto ne hai bisogno.

I carboidrati sono divisi in semplici e complessi. Semplici - monosaccaridi: glucosio e fruttosio, presenti in forma libera di frutta e verdura, e sotto forma di disaccaride sono inclusi nella composizione di zucchero e miele.

Carboidrati complessi - disaccaridi - lattosio, maltosio, saccarosio. I polisaccaridi sono contenuti in a) prodotti contenenti amido (pane, pasta, patate, cereali...)

b) fibra: polisaccaridi a base di funghi, pectina - nei frutti e bacche, crusca nei cereali.

La fibra neutralizza e neutralizza alcune sostanze velenose che entrano nel corpo o si formano in esso. Nelle malattie infiammatorie (o più semplicemente, in presenza di dolore) o nelle malattie del cancro, si verifica uno squilibrio dell'equilibrio acido-base nel corpo, cioè uno spostamento verso l'acidità. Inoltre, questa non è una conseguenza della malattia, ma la sua causa! Con l'accumulo di acido nel corpo si verifica il dolore. Nelle malattie del cancro, mantenere l'equilibrio acido-base è vitale.

Neutralizzare gli acidi lattici paratumorali è necessario con l'aiuto di prodotti speciali ricchi di sali lattici di acido lattico, che ruotano a destra [L - (+)] e a rotazione sinistra [D - (-)].

L'acido lattico formato durante la fermentazione degli zuccheri (come fa la cellula cancerogena) ruota il piano di polarizzazione a sinistra, quindi neutralizzandolo richiede acido lattico di giusta rotazione o lattato, che diventa alcali a causa del metabolismo, che aiuta anche a neutralizzare gli acidi interni. Medicinali come Magne B6 - antistress di Sanofi (Francia) contenenti Mg citrato, oltre a verdure sott'aceto sott'aceto (crauti, cetrioli, zucchine, pomodori, ma non aceto!), Il vino rosso secco è adatto a questo. Puoi bere il succo di crauti 100 ml due volte al giorno.

Principi di nutrizione in oncologia

1.1 Metabolismo chetogenico: è necessario mantenere un basso livello di glucosio nel sangue - un massimo di 1 g di glucosio per 1 kg di peso corporeo.

1.2. Acidi grassi Omega-3 - Min. La dose di Omega-3 al giorno - 10 g Per fare questo, è necessario utilizzare l'olio di semi di lino da 6 cucchiaini, distribuendo uniformemente durante il giorno! E mangia pesce di mare (meglio ogni giorno). La dose minima di olio ITC al giorno è di 10 g (ghee, cocco, olio di palma rossa).

1.3. La dieta dovrebbe essere una quantità sufficiente di prodotti con un alto contenuto di polifenoli - Preparati di funghi medicinali, polvere d'uva, vino rosso secco.

1.4. Farmaco additivo

a) Tokotrienol -100 mg al giorno per 12 settimane (olio di palma rosso carotino).

c) Vitamina D - 1800 - 4000 IE per 12 settimane

c) Selenio - 300 mg per 6 settimane (preferibilmente 2-valente o forma organica)

d) Vitamina C - 1000 mg al giorno

e) Ca - 1000 mg al giorno. (Puoi semi di sesamo tostati).

Le sostanze pectiche riducono i processi putrefattivi nell'intestino e riducono la flatulenza e i gas intestinali. In tutte le nostre ricette, sostituiamo la farina con fibra alimentare idrosolubile.

La cellulosa, la farina di lino, le pectine e i polisaccaridi a base di funghi possono essere acquistati presso il nostro centro.

Un atleta richiede energia veloce durante una competizione e gli zuccheri sono fonti eccellenti di questa energia. Un paziente affetto da cancro, l'uso di questi zuccheri è più che indesiderabile (prodotti a base di farina di alta qualità, pasta, cracker, pasticcini dolci, caramelle a basso contenuto di grassi e liquidi zuccherati). Ora capisci quali alimenti hai bisogno di limitare per fermare l'accesso del glucosio alle cellule tumorali.

Una dose di glucosio singolarmente necessaria è di circa 1 g di glucosio per kg di peso. Cioè, con un peso di 70 kg, hai bisogno di 70 g di glucosio al giorno. Non ti preoccupare, questo glucosio non raggiungerà le cellule tumorali. Andrà alle esigenze del corpo. Troverai la quantità esatta di carboidrati nel cibo nelle tabelle che sono riportate nel libro del nutrizionista Inna Lawrenjuk "Consigli pratici sulla terapia nutrizionale per le malattie oncologiche" Puoi ordinare questo libro qui. Anche in questo libro imparerai a conoscere le ricette dei piatti, un menu esemplare per ogni giorno, troverai il calcolo del consumo individuale di glucosio, oli, un elenco di sostanze consentite, neutre e quei prodotti che devono essere esclusi dalla dieta con i malati di cancro; minerali e prodotti che neutralizzano gli acidi tumorali.

Nel nostro centro potete consultare la nutrizione in oncologia e acquistare anche preparazioni di selenio 2-valente e organico, fibra, farina di lino, pectine, polisaccaridi a base di funghi, palma rossa, lino, canapa, sesamo, cocco e ghee, polvere d'uva, vino rosso secco (senza conservanti, senza anidride solforosa), polvere di curcuma, zenzero, sale nero dell'Himalaya, quercetina 99% di purezza.

I materiali sopra elencati sono tratti dal libro dal nutrizionista Inna Lawrenjuk, che consulta nel suo studio privato in Germania. È possibile contattare il nutrizionista compilando il modulo di feedback sulla pagina dei contatti.