loader
Raccomandato

Principale

Fibroma

Cosa non dovresti e dovresti avere paura dopo l'irradiazione del carcinoma a cellule basali

Il metodo di trattamento di una delle forme più comuni di cancro della pelle, carcinoma a cellule basali, è determinato da diversi fattori. Questa è la localizzazione del tumore, la sua dimensione e l'estensione della diffusione ai tessuti, ai muscoli, ai tendini e alle ossa della cartilagine situati sotto l'epidermide. La radioterapia è adatta per gli anziani, i pazienti con controindicazioni alla rimozione del tumore in altri modi che sono troppo grandi. Gli svantaggi di questo metodo di trattamento comprendono gli effetti collaterali e le complicazioni che si verificano dopo l'irradiazione.

Indicazioni per

Il basalioma appartiene ai cosiddetti tipi borderline di cancro. La crescita di un tumore si verifica a causa della sua germinazione in profondità nella pelle. Inizialmente, il tumore si forma sullo strato più basso dell'epidermide - il basale. Tuttavia, nel tempo, colpisce il tessuto sottocutaneo e quindi la cartilagine o addirittura le ossa. Il luogo "preferito" di localizzazione del carcinoma a cellule basali è il viso, il collo, meno spesso altre aree aperte del corpo. Date le caratteristiche del decorso di questo tipo di tumore, i tumori situati sulle ali del naso, intorno agli occhi o sulle orecchie sono particolarmente pericolosi.

La radioterapia per il basalioma è possibile in quasi tutte le fasi della malattia. Tuttavia, con lo sviluppo delle tecniche di rimozione dei tumori laser e onde radio, questo metodo di trattamento è sfumato sullo sfondo. Inoltre, i medici sottolineano che la crescita del carcinoma a cellule basali è lenta, quindi quando si sottopongono a controlli regolari, vi è un'alta probabilità di rilevare la malattia in una fase precoce. Nelle fasi iniziali del carcinoma basocellulare della pelle, è possibile fare con il trattamento farmacologico o con una procedura chirurgica minimamente invasiva. Ma gli oncologi raccomandano la radioterapia in questi casi:

  • grandi dimensioni del carcinoma a cellule basali;
  • la diffusione di cellule maligne in profondità sotto la pelle;
  • l'età del paziente è oltre i 65 anni;
  • la presenza di malattie che fungono da controindicazioni ad altri trattamenti;
  • caratterizza la localizzazione del carcinoma a cellule basali, impedendone la rimozione chirurgica.

Inoltre, la radiazione è ampiamente usata come parte della terapia complessa. Ad esempio, le sedute ionizzanti sono necessarie dopo l'intervento chirurgico nel caso in cui l'eliminazione completa delle cellule anormali sia impossibile. Inoltre, l'esposizione alle radiazioni è una variante del cosiddetto trattamento palliativo. Ciò significa che le sedute di terapia aiutano ad alleviare il dolore e altri sintomi in casi inutilizzabili.

Metodi di radioterapia per carcinoma a cellule basali, i loro vantaggi e svantaggi

L'efficacia delle radiazioni ionizzanti consiste nell'influenzare il DNA cellulare. Sotto l'influenza della γ-irradiazione, inizia a scomparire, il che rende impossibile un'ulteriore riproduzione delle strutture maligne. Prima di tutto, la radiazione terapeutica è diretta alla divisione intensiva delle cellule, e questa è la principale proprietà delle neoplasie maligne. Ma il tessuto sano è anche influenzato dalle radiazioni, che causa gli effetti della terapia.

In caso di irradiazione da contatto con isotopi di cobalto Co60, radium Ra226, iridio Ir192, la dose deve essere scelta in modo da ottenere la morte di cellule maligne o una cessazione stabile della loro divisione. La procedura viene eseguita con l'aiuto di applicatori speciali, realizzati singolarmente per ogni paziente da un materiale plastico. Il piatto ha uno spessore di 1 cm, viene immerso in acqua bollente, quindi applicato sulla pelle del naso o su altre parti del viso, del collo e del corpo. Quindi il modello dell'applicatore in modo tale da ripetere ogni piega. Su di esso sono applicati elementi radioattivi e piastre di protezione. Il vantaggio di questo metodo è la diminuzione dell'intensità della radiazione mentre passa attraverso il tessuto. Questo è il motivo per cui è ampiamente usato per trattare il cancro della pelle.

L'effetto della radioterapia a fuoco ravvicinato da una distanza fino a 7,5 cm viene raggiunto mediante irradiazione con una potenza da 10 a 250 watt. A seconda di ciò, la profondità d'impatto varia da pochi millimetri a 7-8 cm Per mettere a fuoco le travi, viene posizionato un apposito tubo sul dispositivo e l'area di impatto viene limitata utilizzando filtri in alluminio o ottone con uno spessore massimo di 3 mm. Il grado di assorbimento della radiazione da parte dei tessuti dipende dallo stadio del carcinoma a cellule basali e dalle condizioni generali del paziente. Pertanto, il dosaggio e la frequenza delle sessioni sono calcolati individualmente per ciascun paziente.

L'irradiazione interstiziale di β viene effettuata utilizzando isotopi radioattivi di fosforo P32 o tallio Tl204. Prima di questo, le soluzioni colloidali di oro Au188, argento Ag111 sotto forma di granuli trattati con fili di catgut sono iniettati nel tessuto basale. Secondo gli oncologi, questo metodo di radioterapia è più complicato rispetto agli altri, e l'attrezzatura per l'esecuzione non è disponibile in ogni clinica a causa del costo elevato. È usato per trattare forme di cancro della pelle delle cellule basali che sono resistenti ad altri metodi di esposizione alle radiazioni.

Effetti collaterali che si sviluppano direttamente durante la terapia

Il trattamento con radiazioni del carcinoma a cellule basali è sempre accompagnato da danni al tessuto circostante. Questo non va via anche se si osservano le regole di questo metodo di terapia. La sensibilità della pelle alle radiazioni dipende da molti fattori. Questo è:

  • localizzazione del tumore, la superficie anteriore del collo è più suscettibile all'esposizione alle radiazioni rispetto alla pelle delle ali del naso e ad altre aree del viso, del collo;
  • la temperatura dell'aria, nella stagione calda, migliora l'apporto di sangue all'epidermide, il che aumenta il rischio di sviluppare gli effetti del trattamento, a freddo questa probabilità diminuisce;
  • sovrappeso, è stato dimostrato che la pelle delle persone obese è più suscettibile agli effetti delle radiazioni;
  • crepe, graffi aumentano la permeabilità dell'epidermide;
  • cambiamenti di età.

Nella maggior parte dei casi, il trattamento con radiazioni del carcinoma a cellule basali non causa effetti sistemici. La maggior parte degli effetti collaterali sono dovuti a reazioni cutanee che si manifestano come epidermite. In primo luogo, durante ogni sessione, gonfiore, arrossamento, prurito. Man mano che il trattamento continua, i sintomi diventano più pronunciati e raggiungono il massimo entro la terza settimana di terapia e scompaiono dopo 1-1,5 mesi dal completamento.

Sulla zona interessata della pelle si formano delle bolle, piene di essudato. Scoppiano, rivelando l'epidermide infiammata di colore rosso vivo. Questo serve da gateway per la flora patogena e, se non vengono seguite le raccomandazioni del medico, è presente lo sviluppo di un'infezione batterica. Notare anche l'aspetto delle ferite coperte da croste.

Una conseguenza pericolosa di questo trattamento del carcinoma a cellule basali è l'ulcera da radiazioni. Sotto l'influenza di isotopi radioattivi, la microcircolazione è disturbata nei vasi sanguigni situati sotto la pelle. Il rischio di complicanze aumenta in proporzione alla profondità di penetrazione del processo patologico e alla forza della radiazione. L'inizio dei cambiamenti ulcerativi nella pelle è indicato dai seguenti sintomi:

  • secchezza e desquamazione;
  • la scomparsa del pattern superficiale dell'epidermide;
  • l'apparizione di "stelle" vascolari;
  • violazione della pigmentazione.

Se il carcinoma delle cellule basali si trova vicino alle mucose del naso o della bocca, può verificarsi la loro infiammazione - mucosite. È caratterizzato da epitelio secco, dall'aspetto di bruciore e dolore quando viene toccato. Tuttavia, tali conseguenze sono rare. Con la radioterapia del tumore nella zona oculare, si nota una congiuntivite ricorrente.

Complicazioni a lungo termine della radioterapia

Nel corso del tempo, la pelle esposta alle radiazioni diventa più sottile e la griglia vascolare è visibile sotto di essa. Un anno e mezzo dopo la fine del trattamento, può comparire un accendino o, al contrario, aree più scure dell'epidermide. La gravità di questi sintomi dipende dalla durata del trattamento, risultante dal trattamento della dose di radiazioni, l'area di esposizione. Vale la pena notare che l'ulcera da radiazioni, che è stata discussa sopra, può apparire anche diversi mesi dopo la fine del ciclo di trattamento.

La conseguenza più pericolosa è l'alto rischio di sviluppare una forma più grave e maligna di cancro della pelle - squamosa. Per questo motivo, il carcinoma a cellule basali è indesiderabile per i pazienti di età inferiore ai 50 anni. Inoltre, a causa del rischio di complicanze, questo metodo di trattamento non si applica alle recidive del carcinoma a cellule basali. Dopo l'esposizione alle radiazioni sulla regione pelosa, si nota la caduta dei capelli. Col passare del tempo, crescono, ma diventano fragili, noiosi, il loro colore più sbiadito.

Quando si trattano tumori situati sulla pelle del viso vicino agli occhi, può verificarsi una cataratta. Quanto è elevato il rischio di una tale malattia, fino ad oggi non è stata stabilita la dose soglia di irradiazione della lente. A causa della cicatrizzazione dei tessuti dopo la distruzione delle cellule del neoplasma, la loro mobilità è limitata e ciò influenza l'espressione facciale. I cambiamenti si verificano anche nelle ghiandole sebacee e sudoripare nell'area di esposizione alle radiazioni.

Prevenzione delle complicanze

La regola di base del trattamento con radiazioni del carcinoma a cellule basali consiste in un esame preliminare del paziente, dell'anamnesi, della rilevazione di comorbidità. Queste informazioni aiuteranno a calcolare correttamente la dose, la frequenza e la durata della terapia. A seconda delle dimensioni del tumore durante la procedura, acquisire 1 - 2 cm di tessuto sano circostante. Questo è fatto per prevenire il ripetersi della malattia.

Le piastre di piombo sono utilizzate per proteggere altre celle vicine. Hanno tagliato un buco che ripete esattamente la forma del carcinoma a cellule basali, applicato con ogni sessione di radioterapia. Il paziente è avvisato che prima di iniziare il trattamento (anche durante il trattamento), la pelle deve essere protetta dai danni. Inoltre, i medici raccomandano attenersi a queste regole:

  • proteggere dalla luce solare diretta, non frequentare un salone di abbronzatura, uscire con vestiti a maniche lunghe, chiudere il viso con un cappello a tesa larga, spalmare la pelle esposta con una crema speciale;
  • Non sfregare la pelle esposta alle radiazioni, massaggiare, mettere le banche, applicare l'intonaco di senape, trattare con antisettici e soluzioni alcoliche (iodio, verde brillante, perossido) senza appuntamento dal medico;
  • le procedure igieniche devono essere eseguite con cura in modo da non lavare via i segni lasciati dal medico, che determinano l'area di esposizione alle radiazioni;
  • È vietato fare impacchi, mettere una piastra elettrica;
  • Prima di usare sapone o gel doccia aromatizzato, bagnoschiuma, deodorante, crema, dovresti consultare il medico senza fallo, i prodotti di bellezza (se ammessi) devono essere lavati via 4 ore prima della sessione di radiazione del carcinoma a cellule basali;
  • per la prevenzione delle infezioni batteriche, vale la pena limitare le visite a luoghi pubblici come piscine o bagni.

I medici sottolineano che la radioterapia è un grave onere per il corpo. Pertanto, se si verificano sintomi di disturbo, consultare il medico o l'infermiere. È anche meglio coordinare con loro i cambiamenti nell'alimentazione, il clima. Vale la pena ricordare che il pericolo degli effetti della radioterapia del carcinoma a cellule basali dura il resto della sua vita.

Farmaci usati per alleviare gli effetti collaterali

Per la prevenzione della dermatite da radiazioni, la pelle attorno al carcinoma a cellule basali viene regolarmente spalmata di petrolato, emulsione metacrilica o trattata con un batuffolo di cotone inumidito con una miscela di balsamo Shostakovsky e olio vegetale (è preparato in rapporto 1: 4). E questo dovrebbe essere fatto dalla prima sessione di irradiazione. Se, nonostante le misure adottate, si sono formate ulcere, è necessario prevenire l'infiammazione batterica. Per questo scopo, le lozioni con soluzioni di argento o diossidina vengono prodotte sulle aree della pelle colpite, e gel Solcoseryl, Actovegin, Iruxol, pomata di metiluracile sono usati per la guarigione più rapida.

Per prevenire danni alla mucosa, prescrivere il risciacquo o lavare clorexidina, decotto di camomilla o salvia. Le gocce antibiotiche sono indicate per il trattamento della congiuntivite. Se non è stato possibile evitare l'esposizione del sole sulla pelle del viso o su un'altra parte del corpo in cui si trova il basalioma, può verificarsi il cosiddetto edema indurente. Il suo trattamento è di prescrivere antibiotici, prednisone anti-infiammatori e farmaci per rafforzare la parete vascolare. Per prevenire la pigmentazione prescrivere vitamina P (100 mg al giorno), acido ascorbico.

Vale la pena notare che con il trattamento con radiazioni dei basaliomi localizzati sul viso, il rischio di recidiva è maggiore rispetto ad altre aree della pelle. Secondo le cliniche oncologiche in Russia e all'estero, questa probabilità arriva fino al 30%. Di particolare difficoltà è l'effetto sui tumori localizzati sulla superficie di rilievo, poiché l'irradiazione viene assorbita dalle cellule in modo non uniforme. Gli effetti gravi della radioterapia sono rilevati in quasi il 17% dei casi. Pertanto, il trattamento tempestivo in clinica è di grande importanza, quando l'area e la profondità della lesione consentono la rimozione del carcinoma a cellule basali senza complicazioni pronunciate.

Radiazioni del carcinoma a cellule basali (radioterapia, radioterapia).

contenuto:

Quando viene utilizzata l'irradiazione delle cellule basali?

La radioterapia è un trattamento indipendente efficace del carcinoma a cellule basali. L'irradiazione del carcinoma a cellule basali è anche utilizzata come metodo ausiliario dopo il trattamento chirurgico in caso di rimozione incompleta del tumore. Oppure, se il basalioma è cresciuto nella pelle in modo così profondo che il medico suggerisce lo sviluppo di una ricaduta (ricorrenza) in futuro, nonostante l'intervento chirurgico. La radioterapia viene utilizzata principalmente per il carcinoma a cellule basali sulla testa e sul collo, in quanto il trattamento in altre aree (in particolare le gambe) è associato a una guarigione più lenta, a risultati cosmetici mediocri ea un aumento della probabilità di dermatiti e necrosi da radiazioni in futuro (vedi foto).
L'irradiazione del carcinoma a cellule basali è la principale opzione di trattamento per i pazienti di età superiore ai 65 anni. Ciò è dovuto al fatto che molti anni dopo la radioterapia c'è il rischio di nuovi focolai di carcinoma a cellule basali o carcinoma a cellule squamose. I pazienti di età inferiore ai 65 anni hanno un'aspettativa di vita più alta, rispettivamente - un rischio maggiore di sviluppare il cancro indotto da radiazioni.
L'irradiazione è indicata principalmente per un'area basale molto ampia, tumori situati sulle palpebre, sugli angoli degli occhi, sul naso, sulle orecchie e sulle labbra, dove il trattamento chirurgico può portare a risultati cosmetici inaccettabili oa disfunzione d'organo. L'irradiazione del carcinoma a cellule basali è anche prescritta a pazienti con gravi patologie concomitanti che sono in età avanzata e ha controindicazioni per il trattamento chirurgico. Se il tumore è inferiore a 2 cm, il rischio di recidiva entro 5 anni dall'imaging delle cellule basali è dell'8,7%.

In che modo l'irradiazione influisce sul basalioma?

L'irradiazione del carcinoma a cellule basali è dannosa per le sue cellule e le cellule dei tessuti circostanti. Ciò è dovuto al fatto che la radioterapia agisce sul DNA, causando guasti in esso, portando all'impossibilità di leggere le informazioni e la morte cellulare. Cellule principalmente danneggiate che si trovano nel processo di riproduzione. A causa del fatto che le cellule di carcinoma a cellule basali si moltiplicano più intensamente e il processo di riparazione delle rotture in esse è disturbato a causa di mutazioni, esse sono le prime a morire. D'altra parte, un tale effetto distruttivo sul DNA non passa inosservato ai tessuti circostanti. Molti anni dopo l'irradiazione del carcinoma a cellule basali, a causa di mutazioni nelle cellule dei tessuti circostanti, possono comparire nuovi focolai di cancro di nuova concezione, i processi di nutrizione e afflusso di sangue sono interrotti.

Metodi di esposizione al carcinoma a cellule basali.

L'irradiazione di basalioma viene effettuata mediante radiografie superficiali (terapia a raggi X a fuoco ravvicinato, BFRT abbreviato) o mediante elettroni (raggi beta).

Radioterapia a radiazione ravvicinata (radioterapia, radioterapia) come metodo di irradiazione del carcinoma a cellule basali.

La radiazione del carcinoma a cellule basali con BFRT è molto più economica e viene utilizzata nella maggior parte dei casi. La dose totale di radiazioni nel caso di BFRT è calcolata in grigio (Gy), suddivisa in più parti, che vengono consegnate in un numero di giorni. Carcinomi a cellule basali nella testa e nel collo, sulla pelle intorno agli occhi, sono principalmente trattati con radioterapia a fuoco ravvicinato. Un trattamento tipico per il carcinoma a cellule basali include il trattamento 3 volte a settimana.
entro 1 mese. Questa modalità è cambiata a discrezione del medico radiologo oncologico. La radioterapia è un metodo di trattamento relativamente indolore, ogni sessione di radiazioni richiede 10-20 minuti. Il tubo radiogeno è abbastanza maneggevole e consente al paziente di sedersi comodamente sul divano con un applicatore installato. Nel caso di carcinoma a cellule basali arrotondate, i confini del tessuto irradiato sono marcati. Se il basalioma ha una forma irregolare, può essere applicata una placca di piombo con uno spessore di 1,5 mm con un cut-out sotto forma di un tumore irradiato. L'irradiazione è esposta a basalioma visibile e 0,5-1,0 cm della cute circostante nel caso in cui il tumore sia inferiore a 1 cm. Se il basalioma è di grandi dimensioni o il bordo è sfocato e irregolare, viene irradiato a 2 cm della cute circostante. Il medico radiologo calcola la dose di carcinoma a cellule basali, il tempo richiesto per la sessione. Una volta installato l'applicatore, il radiologo lascia la stanza di trattamento. Il trattamento dura diversi minuti. Durante questo periodo, il paziente viene osservato attraverso una finestra speciale, o con l'aiuto di telecamere.

Irradiazione del carcinoma a cellule basali con raggi beta (elettroni), come metodo di radioterapia.

I raggi beta sono elettroni prodotti da un acceleratore lineare o da isotopi radioattivi, come lo stronzio 90. L'energia dei raggi X si perde nei tessuti con profondità crescente. L'energia del fascio di elettroni aumenta fino ad un picco a una certa profondità, per poi calare bruscamente, questa è una caratteristica molto utile. La profondità utile del trattamento in centimetri è circa un terzo dell'energia del raggio, in modo che il fascio di elettroni da 4,5 MeV sia efficace a una profondità di 1,5 cm e un fascio di 12 MeV ha a una profondità di 4 cm.
Gli elettroni sono assorbiti dai tessuti ugualmente bene, indipendentemente dalla densità, i raggi X sono più assorbiti dai tessuti densi. Dove le ossa sono vicine alla superficie della pelle, i raggi X possono danneggiare le ossa, si raccomanda l'irradiazione elettronica. Con carcinoma a cellule basali auricolare,
del cuoio capelluto, del dorso della mano e della parte inferiore della gamba, al momento è preferibile la radioterapia con gli elettroni. È anche possibile irradiare elettroni con l'intera superficie della pelle, che è estremamente utile in caso di lesioni multiple con basaliomi.
Sfortunatamente, la possibilità di utilizzare fasci di elettroni è limitata, prima di tutto, dal costo elevato delle apparecchiature. La dimensione minima del basalioma esposto agli elettroni dovrebbe essere 4 cm2, poiché è difficile impostare l'apparecchio per un'area più piccola. In generale, la messa a punto e la messa a fuoco durante la radioterapia con gli elettroni sono processi piuttosto laboriosi. Nel trattamento del carcinoma a cellule basali, situato intorno all'occhio, non è possibile proteggere il tessuto oculare, pertanto l'irradiazione elettronica non è applicabile qui.

Effetti collaterali a breve termine del carcinoma a cellule basali. Metodi di prevenzione

Anche il moderno metodo di irradiazione del carcinoma a cellule basali può causare effetti collaterali. Durante ogni sessione possono svilupparsi rossore e leggero dolore, la cui gravità aumenta di 3 settimane. Di solito vanno via dopo 4-6 settimane dopo il completamento del carcinoma a cellule basali e possono essere alleviati usando pomate a base di glucocorticoidi (prednisone, idrocortisone, sinaflan). Durante l'intero corso di radiazioni nell'area del carcinoma a cellule basali e sulla cute intorno alle ulcere si possono formare segni di peeling da radiazioni, che scompaiono al termine del trattamento. La pelle viene trattata con gelatina di petrolio, argosulfan e medicazioni a base di argento vengono applicate per ammorbidire le reazioni di radiazione. Nei casi di grave ulcerazione e infezione, di solito si raccomanda di trattare la pelle con diossina. La pelle deve essere protetta da ulteriori danni durante il corso dell'esposizione e oltre. Deve essere protetto dalla luce solare, dal calore, dal freddo e dall'attrito. Il paziente deve usare la crema solare sulla pelle irradiata con un fattore di protezione di almeno 15 anni. Quando si bazalioma la pelle del collo e della testa, si deve indossare un cappello con un campo. Tale protezione dovrebbe essere mantenuta per tutta la vita.

Effetti indesiderati locali dell'irradiazione del carcinoma a cellule basali, trattamento delle complicanze.

Altri effetti collaterali dipendono dalla regione della pelle da irradiare.
Questi includono la mucosite - infiammazione delle mucose della bocca e del naso durante l'irradiazione, accompagnata da bruciore, separazione del muco o, al contrario, secchezza, comparsa di ulcere superficiali. Per la prevenzione della mucosite, è necessario utilizzare uno spazzolino morbido, sciacquare la bocca con decotti di salvia, camomilla, clorexidina. L'irradiazione del carcinoma a cellule basali vicino all'occhio può causare congiuntivite. Il trattamento della congiuntivite è necessario per eseguire con un collare o un protargol (anche in base all'argento), e un taufon aiuterà. Durante la radioterapia del carcinoma a cellule basali sulla pelle del cuoio capelluto, è possibile la calvizie.

Complicanze a lungo termine del carcinoma a cellule basali di radioterapia.

Dopo la scomparsa del rossore, la maggior parte dei pazienti valuta il risultato cosmetico della radioterapia come buono o eccellente. Durante l'anno, la pelle irradiata, di regola, diventa pallida e assottigliata. Potrebbe apparire tra qualche anno
telangiectasia (vasodilatazione), ipopigmentazione (sbiancamento) o iperpigmentazione (scurimento) della pelle. Le cicatrici del carcinoma a cellule basali con il passare del tempo peggiorano nell'aspetto, a differenza delle cicatrici dopo il trattamento chirurgico. La probabilità di effetti a lungo termine aumenta con l'aumento della dose totale di radiazioni, la dimensione della dose in una sessione e il volume dei tessuti irradiati. Dopo irradiazione del carcinoma basocellulare per 45 anni o più, aumenta il rischio di formazione di nuovi focolai di carcinoma a cellule squamose e più basali della pelle. Questo effetto collaterale della radioterapia è più rilevante per i pazienti giovani. La cicatrizzazione della pelle e dei tessuti sottostanti può anche essere attribuita agli effetti a lungo termine dell'esposizione al carcinoma a cellule basali, portando a una restrizione della mobilità. Esercizi attivi e passivi delle aree irradiate aiutano a mantenere la mobilità e prevenire contratture (immobilità dovuta a cicatrici). A causa di cambiamenti nei vasi sanguigni, una volta che la pelle irradiata è peggiorata recuperata da interventi chirurgici. La perdita di capelli iniziata durante l'esposizione al carcinoma a cellule basali è conservata per la maggior parte per tutta la vita. Ulteriori effetti a lungo termine dipendono anche dalla posizione dell'area irradiata. Ad esempio, l'esposizione del carcinoma a cellule basali vicino agli occhi può causare ectropion (giro palpebrale), cataratta (annebbiamento della lente), ma tali effetti sono estremamente rari.

Carcinoma a cellule basali: diagnosi e metodi di trattamento

Il basalioma, o carcinoma a cellule basali, è una malattia della pelle che è uno dei tipi di tumori maligni. Il tumore si sviluppa dalle cellule basali atipiche dell'epidermide. Questa è la forma più comune di tumori della pelle maligni che colpiscono una persona. Il trattamento del carcinoma a cellule basali dà buoni risultati se viene effettuato nelle fasi iniziali dello sviluppo di tumori maligni.

Considerando il fatto che il carcinoma basocellulare si forma sulla superficie della pelle, i segni della malattia diventano immediatamente evidenti al paziente o ai suoi parenti. Tuttavia, è necessario diagnosticare un cancro della pelle prima del trattamento per il carcinoma a cellule basali.

Per la diagnosi di "carcinoma a cellule basali", l'oncologo esegue una biopsia della zona interessata della pelle. Sono necessari anche test di laboratorio aggiuntivi.

Esternamente, le manifestazioni del carcinoma a cellule basali sono molto simili ad altre malattie della pelle. Ecco perché è importante condurre una diagnosi differenziale per distinguere il basalioma da tali malattie come:

  • nevo intracellulare;
  • iperplasia sebacea;
  • eczema;
  • psoriasi;
  • cheratosi senile;
  • herpes zoster;
  • Malattia di Bowen;
  • cheratosi seborroica;
  • il melanoma;
  • scleroderma localizzato.

Trattamento del carcinoma a cellule basali (cancro della pelle)

Il trattamento della pelle della pelle delle cellule basali viene effettuato in vari modi, la cui scelta rimane per lo specialista. L'obiettivo principale della terapia è rimuovere la formazione e prevenirne la ricomparsa sul corpo. La scelta del trattamento per il carcinoma a cellule basali dipende da una serie di fattori, vale a dire:

  • dimensione dell'istruzione;
  • posizione del tumore sul corpo;
  • area della lesione cutanea;
  • stato di salute del paziente;
  • stadio della malattia;
  • la presenza di altri processi patologici nel corpo;
  • età del paziente.

Di solito il trattamento del carcinoma a cellule basali sul viso non causa alcuna difficoltà e per lo più ha sempre un esito favorevole. Tuttavia, la terapia è difficile in questi casi:

la dimensione del tumore è superiore a 20 mm di diametro;

  • la posizione del tumore vicino agli occhi, al naso e alle labbra;
  • bordi sfocati e irregolari del tumore;
  • debole immunità nel paziente;
  • malattia grave associata;
  • crescita del tumore vicino a grandi vasi sanguigni e nervi.

Sulla base di questo, le tattiche e i metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali (cancro della pelle) sono selezionati individualmente per ciascun paziente. Importante quando si sceglie un metodo di trattamento del carcinoma a cellule basali è il tipo di malattia stessa. A tale scopo viene effettuata una diagnosi preliminare mirata a determinare il tipo di neoplasia nella pelle.

In oncologia vengono utilizzati i seguenti metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali:

  1. Metodo chirurgico
  2. Curettage e Ulguration
  3. Criodistruzione: rimozione dei tumori mediante esposizione all'azoto liquido
  4. Radioterapia
  5. Rimozione laser
  6. Terapia fotodinamica
  7. Terapia a raggi X.

Trattamento chirurgico del carcinoma a cellule basali

Questo è il trattamento più popolare per il carcinoma a cellule basali, finalizzato alla completa escissione di una neoplasia maligna. Durante l'operazione, non solo viene asportato il tumore, ma anche i tessuti circostanti per escludere la loro infezione. Asportare la larghezza del tessuto di 1-2 cm attorno alla lesione.

In caso di coinvolgimento nel processo patologico delle ossa e della cartilagine, anche la loro parte viene asportata. Il metodo chirurgico è principalmente utilizzato per la sconfitta del tronco, degli arti inferiori e superiori, a causa della complessità della successiva chirurgia plastica sul viso.

L'operazione per il carcinoma a cellule basali ha tali controindicazioni:

  • la possibilità di rimozione radicale dei tumori sulla pelle;
  • localizzazione del tumore sul viso, intorno agli occhi, nel naso, nel padiglione auricolare;
  • vecchiaia;
  • la presenza di malattie gravi concomitanti;
  • intolleranza all'anestesia.

Dopo la rimozione chirurgica del basalioma, sono possibili le seguenti complicanze:

  • sanguinamento;
  • dermatite allergica da contatto;
  • infezione della ferita dopo l'escissione del tumore;
  • ischemia dei bordi della ferita.

Il basalioma dopo il trattamento con asportazione chirurgica richiede cure speciali. A seconda del volume dell'area operata, la ferita dopo la rimozione del tumore può rimanere aperta o suturata. Per ridurre l'edema postoperatorio, si consiglia al paziente di applicare impacchi freddi sull'area operata. Ripeti la procedura ogni due ore. La superficie della ferita dovrebbe essere anche lavabile con una soluzione di sapone 2 volte al giorno.

Con le ferite aperte, devono essere trattate con antisettici per evitare la suppurazione. Per fare questo, il medico tratta quotidianamente la superficie della ferita con soluzioni battericide e unguenti. Nel periodo di riabilitazione postoperatoria, i complessi multivitaminici vengono assegnati a pazienti oncologici, che favoriscono la guarigione più rapida della pelle danneggiata.

Trattamento del carcinoma a cellule basali: rimozione con azoto liquido

La criodistruzione è un altro trattamento per il carcinoma a cellule basali. Tale terapia è la distruzione della formazione patologica del tessuto mediante raffreddamento a 90-150 ° C mediante il metodo di applicazione o esposizione a contatto.

La criodistruzione consiste in diverse fasi di congelamento e scongelamento dei tessuti. Il metodo è utilizzato per formazioni con un diametro non superiore a 20 mm, la cui localizzazione è principalmente l'estremità superiore e inferiore. Questo metodo di trattamento del carcinoma a cellule basali ha le sue controindicazioni - tumori maligni di grandi dimensioni, infiltrazione profonda, localizzazione sul viso.

Il trattamento del carcinoma a cellule basali con azoto liquido presenta i seguenti vantaggi:

  1. La procedura per rimuovere i tumori sulla pelle dà buoni risultati estetici.
  2. È usato per rimuovere tumori di qualsiasi dimensione e in qualsiasi parte del corpo, anche sul viso.
  3. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale, il paziente non ha bisogno di andare in ospedale.
  4. Immediatamente dopo il trattamento, il paziente può andare a casa o al lavoro.
  5. Quando si sceglie un tale metodo di rimozione del carcinoma delle cellule basali come criodistruzione, l'anestesia non viene utilizzata, l'operazione viene eseguita in anestesia locale.
  6. È usato anche nel trattamento di donne in gravidanza.
  7. L'età avanzata e le patologie concomitanti non sono controindicazioni alla criodistruzione.
  8. È esclusa la perdita di sangue dovuta alla rimozione di una neoplasia, come nel caso del trattamento chirurgico.

La criodistruzione è particolarmente indicata nei casi di formazione di più basaliomi, con le loro grandi dimensioni o con la germinazione dei tumori nell'osso del cranio, l'immunità indebolita del paziente.

Trattamento fotodinamico del carcinoma a cellule basali

Il trattamento laser del carcinoma a cellule basali è di due tipi:

  1. L'introduzione di un farmaco fotosensibilizzatore speciale prima della procedura terapeutica è la terapia fotodinamica (PDT).
  2. Il fotosensibilizzatore non può essere utilizzato quando si prevede di utilizzare solo un raggio laser.

Il trattamento fotodinamico del carcinoma a cellule basali è utilizzato nelle cliniche oncologiche di tutto il mondo per le seguenti indicazioni:

  • piccoli tumori;
  • carcinomi a cellule basali multiple;
  • localizzazione dei tumori del viso quando è richiesto un alto risultato estetico.

L'efficacia complessiva di tutti i casi di trattamento fotodinamico varia dal 78 all'88%, che dipende dal farmaco fotosensibilizzatore utilizzato e dal livello delle qualifiche del medico. L'uso di un laser non fornisce un'adeguata penetrazione nella profondità con tumori di grandi dimensioni, con il risultato che la frequenza delle recidive è compresa tra il 12 e il 22%.

Radioterapia nel trattamento del carcinoma a cellule basali

La radioterapia nel trattamento del carcinoma a cellule basali è uno dei metodi più comunemente usati per il trattamento di una malattia neoplastica. Può essere usato sia indipendentemente che come parte di una terapia complessa.

L'irradiazione del carcinoma a cellule basali viene applicata nelle fasi iniziali dello sviluppo del carcinoma a cellule basali in presenza di una lesione superficiale con un diametro non superiore a 5 cm. Il raggio laser è efficace nell'individuare un tumore sul naso, nella regione auricolare e nel trattare la malattia nei pazienti anziani.

L'irradiazione viene utilizzata come metodo indipendente di rimozione del carcinoma delle cellule basali e come terapia adiuvante dopo trattamento chirurgico in caso di escissione incompleta di un tumore. Inoltre, la radioterapia viene utilizzata con una germinazione sufficientemente profonda del tumore nella pelle, quando l'oncologo assume l'insorgenza di una recidiva della malattia, nonostante l'intervento chirurgico. Il metodo è utilizzato principalmente nel trattamento del carcinoma a cellule basali sulla testa e sul collo.

La radioterapia è il trattamento principale per il carcinoma a cellule basali in pazienti di età superiore ai 65 anni. Ciò è dovuto al fatto che molti anni dopo l'esposizione, c'è una probabilità di sviluppare il cancro. E i pazienti di età inferiore ai 65 anni hanno un'aspettativa di vita più lunga rispetto ai pazienti più anziani.

L'irradiazione è indicata per le dimensioni dei tumori di grandi dimensioni, così come per la localizzazione del tumore sulle palpebre e negli angoli degli occhi, naso, orecchie, labbra, quando la chirurgia può portare a gravi difetti estetici o compromettere le funzioni di questi organi.

Trattamento radiologico del carcinoma a cellule basali e radioterapia

Il trattamento radiologico del carcinoma a cellule basali è un effetto sulla formazione del tumore delle radiazioni ionizzanti. È una forma di radioterapia.

Il trattamento del carcinoma a cellule basali mediante radioterapia è il principale metodo di trattamento delle fasi iniziali del cancro basale. In oncologia, la radioterapia viene anche utilizzata per forme avanzate di carcinoma a cellule basali in combinazione con farmaci chemioterapici. Tuttavia, negli ultimi anni, la radioterapia è diventata meno comune, poiché le radiazioni sono una minaccia per lo sviluppo del cancro della pelle.

Dopo il trattamento con radiazione di carcinoma a cellule basali, possono verificarsi alcuni effetti collaterali. Alla fine di ogni sessione, non sono esclusi il rossore e la tenerezza del sito dell'esposizione al raggio laser. La gravità di tali effetti collaterali raggiunge il picco più vicino a 3 settimane di trattamento, di solito per 4-6 settimane tutti i sintomi spiacevoli scompaiono da soli.

Con una sindrome del dolore pronunciata e un arrossamento dei tessuti, la loro intensità può essere ridotta con l'aiuto di unguenti a base di glucocorticoidi, come:

prednisolone,

idrocortisone,

Sinaflana.

Dopo il trattamento con carcinoma basocellulare mediante radioterapia, la cute interessata deve essere trattata con clorexidina fino a che i tessuti danneggiati non siano completamente guariti. Quando si rimuove il carcinoma delle cellule basali, situato nella zona degli occhi, è possibile la congiuntivite. Questa complicanza è trattata con farmaci a base di argento - Protargol o Collargol.

Trattamento del carcinoma a cellule basali del naso con irradiazione (laser terapia)

Un luogo comune di localizzazione del carcinoma a cellule basali è il naso. Il trattamento del carcinoma basocellulare del naso in oncologia viene effettuato con diversi metodi. La terapia più efficace per il carcinoma a cellule basali, localizzata nella piega naso-labiale, è la radiazione. In oncologia, la radioterapia per la rimozione di un tumore al naso viene utilizzata nella fase iniziale dello sviluppo di un tumore e durante la sua ricorrenza. Per il trattamento del carcinoma a cellule basali mediante irradiazione, saranno necessarie 25 sessioni.

Dopo il trattamento del carcinoma a cellule basali della pelle del naso mediante irradiazione, alcuni anni dopo è possibile sviluppare un tumore a punta piatta.

Il risultato dopo il trattamento del carcinoma a cellule basali per irradiazione è mostrato nella foto qui sotto:

La rimozione chirurgica del carcinoma a cellule basali è estremamente rara, poiché vi è un'alta probabilità di gravi difetti estetici, per i quali è necessario un intervento di chirurgia plastica facciale. La chirurgia micrografica può essere utilizzata per ridurre i traumi dei tessuti. Con questo metodo chirurgico di trattamento di una malattia tumorale, la rimozione da strato a strato del tessuto canceroso viene effettuata al microscopio. Questo metodo di funzionamento consente di evitare il verificarsi di gravi difetti della pelle.

La rimozione del tumore al naso viene effettuata utilizzando la terapia fotodinamica. Il trattamento laser del carcinoma a cellule basali, la cui posizione sono le ali del naso, viene eseguito quando il tumore è piccolo.

La crioterapia fornisce eccellenti risultati terapeutici e cosmetici. Dopo la sua implementazione dalle formazioni tumorali non ci sono cicatrici.

In oncologia, con la sconfitta del carcinoma basocellulare della pelle del naso, vengono utilizzati farmaci chemioterapici locali. La chemioterapia locale viene eseguita applicando all'area delle lesioni cutanee tali farmaci come:

La chemioterapia locale è più spesso utilizzata dopo la rimozione micrografica del carcinoma a cellule basali sul naso per distruggere completamente le cellule tumorali.

Trattamento del carcinoma basocellulare dell'occhio: radioterapia palpebrale

Il carcinoma a cellule basali spesso colpisce la palpebra inferiore. In questa forma della malattia, la massa tumorale si trova sulla superficie della pelle, quindi la sua rimozione di solito non causa difficoltà.

Il trattamento del carcinoma a cellule basali oculari viene effettuato con i seguenti metodi:

  • escissione chirurgica con un bisturi;
  • criochirurgia;
  • terapia laser;
  • elettrocoagulazione;
  • l'esposizione.

La radioterapia è più spesso utilizzata per rimuovere il carcinoma delle cellule basali perché ha diversi vantaggi rispetto ad altri tipi di trattamento per il cancro dell'occhio delle cellule basali:

  • bassa probabilità di recidiva della malattia;
  • nessun dolore;
  • breve periodo di recupero;
  • l'assenza di grandi cicatrici nel sito di rimozione della formazione del tumore.

Questo metodo di trattamento è particolarmente indicato in caso di carcinoma a cellule basali inaccessibile, ad esempio, nell'angolo dell'occhio. 1-3 procedure sono di solito sufficienti per rimuovere il tumore. Tuttavia, la terapia laser è possibile solo con piccole formazioni. Il trattamento laser non viene effettuato allo stadio terminale del cancro, con disturbi endocrini, infezioni acute, malattie del cuore e dei vasi sanguigni.

Per tumori di piccole dimensioni in oncologia viene anche utilizzata la criodistruzione. La terapia viene eseguita in anestesia locale.

La radioterapia nel trattamento del basalioma della palpebra dell'occhio viene usata molto raramente, poiché questo metodo può portare allo sviluppo di un cancro a punta piatta nel prossimo futuro.

Quando una malattia viene rilevata nelle prime fasi dello sviluppo, il recupero completo è osservato nel 100% dei casi di morbilità. Le forme avanzate di carcinoma a cellule basali comprendono casi in cui è presente un tumore di oltre 2 cm di diametro, che ha sequestrato tessuto adiposo e tessuto osseo.

Tali metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali nella foto qui sotto:

Terapia farmacologica per carcinoma a cellule basali

In qualsiasi metodo di trattamento del carcinoma a cellule basali è l'immunoterapia, volta a rafforzare il sistema immunitario, che accelera il processo di recupero del paziente. Tra le preparazioni immunologiche, una crema speciale di Imikvod è più spesso utilizzata, che ha un effetto stimolante sulla produzione nel corpo del paziente del suo stesso interferone. In un normale sistema immunitario, la distruzione delle cellule tumorali è molto più veloce.

In caso di terapia farmacologica per carcinoma a cellule basali, Vismodegib può essere prescritto - il farmaco più recente, è indicato per i pazienti che, secondo le indicazioni, non possono essere sottoposti a chirurgia o irradiazione laser. Vismodegib è efficace in diversi stadi della malattia.

Trattamento tradizionale del carcinoma a cellule basali: lubrificazione celidonia e altri metodi

Nella terapia complessa al fine di accelerare il processo di guarigione, i metodi tradizionali sono anche utilizzati nel trattamento del carcinoma a cellule basali della pelle. Tali metodi e mezzi della medicina tradizionale si sono dimostrati efficaci:

  1. Carote. Le carote fresche devono essere grattugiate e applicate sulla superficie del tumore sotto forma di impacco. Si consiglia inoltre di bere un bicchiere di succo di carota fresco due volte al giorno, rafforzerà il sistema immunitario e accelererà il processo di guarigione.
  2. Celidonia. Il carcinoma basocellulare celidonia viene trattato spalmando il tumore sulla pelle con il succo di questa pianta. Consigliato e l'uso interno di tintura a base di celidonia. Per la sua preparazione è necessario versare un cucchiaino di fiori secchi di celidonia con un bicchiere di acqua bollente, lasciare per mezz'ora e bere 50 ml di infuso preparato al giorno.
  3. Tintura di tabacco 50 g di tabacco messi in una bottiglia, versare un bicchiere di vodka e conservare in frigorifero per due settimane. Agitare il contenitore ogni giorno. Dopo due settimane, filtrare la tintura, inumidire un batuffolo di cotone, fissarlo alla zona basale e fissare con un cerotto.
  4. Tintura di canfora Per la sua preparazione è necessario acquistare cristalli di canfora in farmacia, avrete bisogno di 10 grammi. Scioglierli in 100 g di alcol al 50%, insistere fino a quando tutti i cristalli sono completamente sciolti. Utilizzare per lozioni e comprime. Il corso del trattamento è di 10 giorni, quindi viene interrotta una pausa di 5 giorni e il trattamento viene ripetuto di nuovo.
  5. Shilajit. Mummia da 2 g mescolata con 500 ml di succo d'uva fresco. Scaldare a bagnomaria a 70 ° C, assumere a stomaco vuoto 50 ml per 10 giorni consecutivi.
  6. Lievito. Il lievito di birra deve essere diluito con acqua per ottenere una consistenza densa, metterlo su un batuffolo di cotone, attaccarlo alla zona basale e fissarlo con un cerotto per diverse ore. Il trattamento viene effettuato ogni giorno per 2 settimane.

La prognosi del trattamento del carcinoma a cellule basali

La prognosi del carcinoma a cellule basali è favorevole, dal momento che il carcinoma a cellule basali è una delle forme più lievi di cancro della pelle. Ciò è dovuto al fatto che il carcinoma a cellule basali non causa metastasi, quindi la malattia può essere curata usando metodi di esposizione locali.

Secondo le statistiche, di tutti i casi di incidenza del carcinoma a cellule basali, il 90% è completamente guarito dalla malattia. Tuttavia, è importante capire che l'effetto della terapia dipende dalla misura in cui è stato rilevato il cancro della pelle.

La cura per il carcinoma a cellule basali è difficile in caso di forme complicate della malattia, quando sono colpite strutture ossee e cartilaginee vicine. Inoltre, il trattamento complesso richiede stadi ulcerativi tardivi del carcinoma a cellule basali.

Cos'è il basalioma: sintomi e trattamento

Esistono diversi tipi di cancro della pelle, uno dei quali è il carcinoma a cellule basali. Se parliamo di cosa sia il carcinoma delle cellule basali, allora questo è un tipo di cellule basali di un tumore maligno. Si sviluppa dalle cellule dell'epidermide. Questo nome del tumore è stato dato a causa della somiglianza delle sue cellule con le cellule dello strato basale della pelle. Se hai un carcinoma a cellule basali, che cos'è, puoi imparare dal nostro articolo. Parleremo anche delle sue varietà, sintomi e metodi di trattamento.

Cos'è il basalioma e le cause?

Il tumore di basalioma ha i seguenti segni caratteristici di una neoplasia maligna:

  • distrugge i tessuti vicini dopo la loro germinazione;
  • le ricadute sono possibili anche dopo un trattamento di successo.

L'unica differenza tra il basalioma e altri tumori maligni della pelle è che non si metastatizza. Questa malattia della pelle è più spesso diagnosticata dopo i 40 anni. L'aspetto di questa neoplasia, così come di altri tumori maligni, è influenzato dai seguenti fattori provocatori:

  • esposizione prolungata e frequente al sole (quindi, la malattia è più comune nei paesi meridionali e tra le persone che lavorano al sole);

È importante! Le persone dalla pelle chiara spesso soffrono di questa malattia rispetto alla pelle scura.

  • il contatto con sostanze cancerogene e tossine (arsenico, prodotti petroliferi, ecc.) può provocare la comparsa della malattia;
  • se la pelle in una determinata area è permanentemente ferita;
  • ustioni;
  • cicatrici;
  • cura ionizzante;
  • ridotta immunità sullo sfondo di una malattia a lungo termine o terapia immunosoppressiva.

L'aspetto di tali tumori negli adolescenti e nei bambini è improbabile. Tuttavia, a volte diagnosticano la forma congenita di questa malattia - la sindrome di Gorlin-Goltz. Questa malattia è caratterizzata da una combinazione della forma superficiale del carcinoma a cellule basali con difetti di sviluppo dell'anca, cisti ossea mandibolare e altre anomalie.

Classificazione del carcinoma a cellule basali

Se parliamo di come appare il basalioma, dipende in gran parte dal tipo di neoplasma:

  1. Il basalioma nodulare ulcerativo è localizzato sulle palpebre, negli angoli degli occhi, nelle pieghe del naso. La malattia inizia con la comparsa di un nodulo rossastro o rosato, opaco o lucido. Dopo un po 'il nodulo si ulcera con la comparsa di un deposito untuoso sul fondo dell'ulcera. Dopo questo, il basalioma ulcerativo è coperto da una rete vascolare. Un rullo denso si forma sul bordo e una crosta in cima. La piaga sanguina spesso. Il tumore raggiunge una dimensione di 3-30 mm, si sviluppa in profondità, ma non metastatizza.
  2. La forma cicatriziale-atrofica della malattia appare se il tumore dell'ulcera cicatrizza nella parte centrale, ma continua a crescere lungo il bordo.
  3. Un tumore probante è una malattia della pelle che viene raramente diagnosticata e si sviluppa in aree della pelle che sono soggette a frequenti lesioni. Esternamente, è molto simile alla varietà nodulare-ulcerativa, ma cresce molto più velocemente.
  4. Il basalioma verrucoso è molto simile nella forma al cavolfiore. Esternamente, il tumore consiste di diversi nodi densi di forma sferica, che sporgono al di sopra della superficie.
  5. La varietà nodulare non cresce in profondità nella pelle, ma cresce sulla superficie. Questo è un nodulo sotto forma di emisfero attraverso il quale appaiono i vasi.
  6. Il tumore del pigmento differisce dalla prima varietà solo nella colorazione lungo il bordo. Può essere marrone o nero.
  7. Un tumore sclerodermiforme cresce da un piccolo nodulo a una placca piatta attraverso la quale compaiono i vasi. In futuro, la placca potrebbe essere coperta da ulcere.
  8. La varietà pegetoidale è localizzata su parti chiuse del corpo. Si tratta di macchie rosse o rosa pallido con un diametro fino a 40 mm con bordi rialzati. Questo tipo di tumore di superficie piatta si sviluppa per un tempo molto lungo (fino a decenni).
  9. Sulle aree pelose della testa possono comparire tumori di Shpigler o di cilindroma. Questi sono alcuni emisferi rosso porpora con una griglia vascolare. Crescere molto lentamente, e in diametro può raggiungere 1-10 cm.

Sintomi e fasi

Prima di parlare del trattamento del carcinoma a cellule basali, è necessario descrivere i principali sintomi e stadi della malattia. Il più delle volte, la patologia è localizzata sul collo o sul viso, pertanto, di solito viene diagnosticato il basalioma della pelle del viso o della cellula basale del naso. I primi segni della malattia sono piccoli noduli color carne: molti pazienti lo percepiscono come brufoli ordinari e non prestano loro attenzione. Allo stesso tempo, non c'è dolore quando premuto. In futuro, i sintomi sono completati da manifestazioni caratteristiche di una particolare forma del disturbo.

A differenza dei tumori benigni, il basalioma passa attraverso le seguenti fasi del suo sviluppo:

  1. Per la fase iniziale è caratterizzata dall'aspetto sulla pelle di piccoli noduli di madreperla. Sono anche chiamati perle. Dopo un po ', queste formazioni cominciano a bagnarsi e dopo un po' di tempo si ricoprono di croste. Se guardi da vicino, sotto la crosta puoi vedere ferite sanguinanti. In questa fase, il tumore non dà al paziente alcun disagio e dolore. Dolore e disagio nella fase iniziale si verificano solo quando il tumore è localizzato su una vasta superficie.
  2. Il trattamento del carcinoma delle cellule basali negli stadi avanzati è diverso, perché in questo momento il tumore si ricopre di ulcere e si sviluppa in profondità nella pelle. Intorno alla formazione si forma qualcosa come un cratere.
  3. Alla fine del suo sviluppo, l'ulcera acquisisce una struttura densa e non viene più spostata con la pelle ai lati durante l'esame. Successivamente, il fondo dell'ulcera brillerà e i vasi sanguigni compaiono intorno.

Sebbene il carcinoma a cellule basali sia un tumore, è caratterizzato da un decorso benigno dovuto all'assenza di metastasi. Complicazioni si verificano quando il tessuto circostante è interessato. Può essere fatale se il tumore colpisce il cervello, le ossa, gli occhi, le orecchie, ecc.

Trattamento farmacologico

Se viene diagnosticato un carcinoma a cellule basali, il trattamento viene scelto individualmente, in base alle dimensioni, allo stadio e alla posizione del tumore. Prima di trattare il basalioma, devi essere esaminato. Per fare questo, prendere uno striscio, raschiare o imprimere dalla superficie del tumore e condurre il suo esame istologico e citologico.

È importante! La malattia deve essere differenziata dal lichen planus, dal lupus eritematoso, dalla malattia di Bowen, dalla cheratosi seborroica, dalla psoriasi, dallo scleroderma e dal melanoma.

Scegliendo i metodi di trattamento del carcinoma a cellule basali, è necessario prendere in considerazione il tipo morfologico di neoplasia, sia essa primaria o ricorrente, il grado di germinazione nel tessuto. Di solito viene utilizzato uno dei seguenti trattamenti:

  1. Il modo più semplice ed efficace è la rimozione chirurgica. L'operazione è indicata se la formazione ha una dimensione limitata e si trova in un luogo sicuro. Un'altra indicazione per questo metodo di rimozione è la situazione in cui il carcinoma delle cellule basali dopo la radioterapia non è diminuito o ha recidivato.
  2. La criodistruzione aiuterà solo in caso di localizzazione superficiale di una neoplasia. Inoltre, con tale trattamento non è esclusa la possibilità di ricorrenza.
  3. La radioterapia per carcinoma a cellule basali è indicata per la malattia di stadio 1-2. Utilizza patologia da radioterapia a fuoco ravvicinato. Se l'area della lesione è piuttosto estesa, la radioterapia viene combinata con la terapia gamma a distanza.
  4. Se il carcinoma a cellule basali dopo irradiazione ha dato una ricaduta, o il tumore è cresciuto in profondità e ha una dimensione significativa, allora il trattamento chirurgico viene effettuato in combinazione con la radioterapia.
  5. La rimozione del laser è indicata in età avanzata, quando la chirurgia può portare a complicanze. Inoltre, tale rimozione viene utilizzata nella localizzazione di una neoplasia sul viso, poiché si ottiene un elevato effetto cosmetico.
  6. A volte viene eseguita la chemioterapia locale. In questo caso, le applicazioni vengono fatte al sito del tumore da citostatici (metatrexate, fluorouracile).

Ricette popolari

Il trattamento del carcinoma a cellule basali nella fase iniziale può essere effettuato con l'aiuto di rimedi popolari. Tuttavia, per curare tali metodi, le forme di esecuzione della malattia non funzioneranno. Ecco le ricette più efficaci:

  • Le medicazioni al sale devono essere applicate una volta al giorno prima di andare a letto per l'educazione. Per questa garza, piegata in 8 strati, bagnata in una soluzione salina.
  • Puoi fare un unguento su celidonia. Per fare questo, la polvere della pianta (10 g) viene mescolata con lanolina e vaselina, presi 10 g ciascuno. Nella miscela aggiungere acido carbossilico (10 gocce).
  • Aiuto da spore di spore di funghi. Devi prendere 5 cucchiai. l. spore nere e 15 g di radici di calamo. Versare questa miscela con acqua (500 ml) e insistere durante la notte. Dopodiché, tritiamo le radici di calamo e aggiungiamo 30 g di calendula all'infuso. Insistere per altri due giorni. Quindi l'intera infusione filtrata deve essere bevuta al giorno (5-6 ricezioni). Il corso della terapia può durare fino a 60 giorni. La torta, che è rimasta dopo aver teso l'infusione, viene utilizzata per preparare un unguento, che deve essere applicato all'area della neoplasia durante la notte.
  • Le spore del germoglio possono semplicemente essere la pelle patologicamente cambiata in polvere.

Inoltre, la medicina tradizionale raccomanda l'uso per il trattamento del succo di celidonia, canfora, aglio, lievito, carote, bardana, sambuco, sale promettente e mummia. Con questi fondi vengono preparate soluzioni per l'irrigazione, l'unguento e le medicazioni.